Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Gorō Miyazaki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gorō Miyazaki

Gorō Miyazaki (宮崎吾朗 Miyazaki Gorō?; Tokyo, 21 gennaio 1967) è un regista e animatore giapponese, figlio del celebre regista d'animazione Hayao Miyazaki e dell'animatrice Akemi Ota.

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in agricoltura e scienze forestali all'università di Shinshu, Goro si era precedentemente occupato della progettazione di giardini e di sedi di istituzioni pubbliche. Tra l'altro ha progettato il monumentale parco a tema dello Studio Ghibli, il Ghibli Museum, che ha diretto fino al giugno 2005.

Carriera di animatore[modifica | modifica wikitesto]

Riluttante per lungo tempo a seguire le orme del padre, è stato convinto dal produttore Toshio Suzuki prima a lavorare al Ghibli Museum e poi per lo Studio Ghibli. Il suo primo lavoro s'intitola Gedo Senki ed è tratto da Il Ciclo di Earthsea della scrittrice statunitense Ursula Le Guin. Inizialmente Suzuki ha assegnato al giovane Miyazaki la stesura degli storyboard e successivamente la regia, nonostante il padre non lo ritenesse ancora pronto per dirigere un film d'animazione[1].

Il 28 giugno 2006 Gorō Miyazaki tenne la prima anteprima di Tales from Earthsea (I racconti di Terramare) ottenendo un consenso positivo da parte del padre[2]. Il film è stato presentato fuori concorso alla 63ª edizione del Festival di Venezia (2006)[3], un anno dopo dall'assegnazione al padre del Leone d'Oro alla carriera al festival. Distribuito in Italia da Lucky Red, il film è uscito nelle sale italiane il 20 aprile 2007.[4]

Nel 2014 Goro Miyazaki ha diretto Sanzoku no musume Rōnya, la sua prima serie anime trasmessa dal network televisivo NHK. La serie in tecnica CGI è prodotta da Polygon Pictures e dallo Studio Ghibli ed è l'adattamento del romanzo Ronja. La figlia del brigante di Astrid Lindgren[5][6].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN72587152 · LCCN: (ENno2011038748 · ISNI: (EN0000 0001 1769 9872 · GND: (DE133606872 · BNF: (FRcb15545286v (data)