Partito Popolare Comunista del Kazakistan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Popolare Comunista del Kazakistan
(KK) Қазақстан Kоммунистік Xалық Партиясы (ҚКХП)
Ķazaķstan Kommunistіk Chalyķ Partijasy (ҚKChP)
(RU) Коммунистическая Hародная Партия Казахстана
Kommunističeskaja Narodnaja Partija Kazachstana
Segretario Vladislav Kossarev
Stato Kazakistan Kazakistan
Fondazione aprile 2004
Sede Astana
Ideologia Comunismo
Marxismo-Leninismo
Collocazione Sinistra
Affiliazione internazionale Unione dei Partiti Comunisti - Partito Comunista dell'Unione Sovietica
Seggi
7 / 108
 (2012)
Organizzazione giovanile Unione Comunista della Gioventù
Iscritti 90 000[1] (2004)
Colori Rosso
Sito web knpk.kz

Il Partito Popolare Comunista del Kazakistan (in kazako Қазақстан Kоммунистік Xалық Партиясы, ҚКХП, Ķazaķstan Kommunistіk Chalyķ Partijasy, in russo Коммунистическая Hародная Партия Казахстана, Kommunističeskaja Narodnaja Partija Kazachstana) è un partito politico kazako. I segretari del Comitato Centrale sono Vladislav Kossarev, Tuleš Kenžin e Žambyl Achmetbekov.

Il partito è stato registrato ufficialmente il 21 giugno 2004; al momento dell'iscrizione aveva 90 000 membri. Alle elezioni legislative dello stesso anno il partito ha ottenuto l'1,98% dei voti. Nel 2007 il partito è sceso all'1,29% è non ha superato la soglia elettorale. Il CPPK è tornato nell'Assemblea Nazionale nel 2012, eleggendo 7 rappresentanti.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) Политические партии, Центральная избирательная комиссия Казахстана. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  2. ^ Two more Kazakh parties wins parliamentary seats, British Broadcasting Corporation. BBC Online., 16 gennaio 2012. URL consultato il 16 gennaio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]