Partito Comunista d'India

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partito Comunista d'India
Communist Party of India
CPI-banner.svg
SegretarioDoraisamy Raja[1]
StatoIndia India
SedeAjoy Bhavan, Indrajit Gupta Marg, Nuova Delhi, India-110002
Fondazione26 dicembre 1925
IdeologiaComunismo
Marxismo-Leninismo
CollocazioneEstrema sinistra
CoalizioneAlleanza Progressista Unita
(2004-2008)
Fronte di Sinistra
Fronte di Sinistra (Tripura)
Fronte Democratico di Sinistra
Alleanza Democratica del Punjab
Affiliazione internazionaleIncontro Internazionale dei Partiti Comunisti e Operai
Seggi Lok Sabha
2 / 545
Seggi Rajya Sabha
1 / 245
TestataNew Age (Inglese)
Mukti Sangharsh (Hindi)
Janayugom (malayalam)
Organizzazione giovanileFederazione della Gioventù di Tutta l'India
Sito web

Il Partito Comunista d'India (Communist Party of India, CPI) è un partito politico indiano il cui attuale segretario generale è Doraisamy Raja.

Il partito fu fondato a Kanpur il 26 dicembre 1925 da un gruppo di giovani ispirati dall'esempio della rivoluzione d'ottobre e sulla scia del movimento di non cooperazione promosso da Gandhi in quegli anni.[2]

Tra i fondatori ci furono Manabendra Nath Roy, agente del Comintern in Bengala che fece leva sull'ammirazione di alcuni per la lotta di classe e i metodi violenti, e Shripat Amrit Dange, bramino e autore del pamphlet intitolato Gandhi e Lenin nel quale sosteneva che tra i due era Lenin l'esempio da seguire per l'umanità oppressa.

Il CPI però non divenne mai un concorrente serio del Partito del Congresso Indiano, probabilmente in parte per il carattere della lotta gandhiana e in parte per il profondo sentimento religioso degli indiani[3]

Nel 1964 una scissione ha portato alla nascita del Partito Comunista d'India (Marxista).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D. Raja takes over as CPI general secretary, 21 luglio 2019. URL consultato il 13 agosto 2019.
  2. ^ (EN) Brief history of the CPI [collegamento interrotto], su cpikeralaconference.com. URL consultato il 25-06-2008.
  3. ^ Wolpert, p. 281.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn80004215 · GND (DE8879-1 · NDL (ENJA00628244 · WorldCat Identities (ENn80-004215