Niccolò Campriani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Niccolò Campriani
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Peso 71 kg
Tiro a segno Shooting pictogram.svg
Specialità Carabina
Società Fiamme Gialle
Palmarès
Giochi olimpici 3 1 0
Mondiali 1 0 1
Giochi europei 1 1 0
Europei 3 3 1
Mondiali juniores 0 1 0
Europei juniores 0 3 1
Universiadi 3 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 14 agosto 2016

Niccolò Campriani (Firenze, 6 novembre 1987) è un ex tiratore a segno italiano, vincitore di tre medaglie d'oro e una d'argento ai Giochi olimpici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver partecipato ai Giochi olimpici 2008, ottenendo come miglior risultato un 12º posto nella specialità Carabina 10 metri, vince la medaglia d'oro agli Europei 2009.[1] Il 31 luglio 2010 vince la medaglia d'oro ai mondiali di tiro nella specialità Carabina 10 metri, riuscendo così anche a qualificarsi per i Giochi olimpici 2012. È stato anche il primo italiano, nella storia del tiro a segno, a vincere un titolo mondiale individuale. Nella stessa competizione conquista anche una medaglia di bronzo nella prova a squadre nella stessa specialità.[2] Nel 2011 ottiene una medaglia di bronzo agli Europei.[3]

Sempre nel 2011 si laurea in Ingegneria manageriale alla West Virginia University di Morgantown.[4] Il 29 luglio 2012 conquista l'argento ai Giochi olimpici nella finale della Carabina 10 metri,[5] mentre il 6 agosto conquista l'oro nella finale della Carabina 50 metri tre posizioni.[6] L'8 agosto 2016 diventa campione olimpico nella carabina 10 [7]metri aria compressa, con record olimpico di 206.1. Sei giorni più tardi, il 14 agosto 2016 vince il secondo oro di fila nella carabina 50 metri da 3 posizioni, con un punteggio finale di 458.8.

Il 31 marzo 2017 annuncia il ritiro ufficiale dall'attività agonistica.[8]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

Campionati mondiali[modifica | modifica wikitesto]

  • 2 medaglie:
    • 1 oro (carabina 10 metri aria compressa a Germania Monaco 2010).
    • 1 bronzo (carabina 10 metri aria compressa a squadre a Germania Monaco 2010).

Campionati mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 medaglia:
    • 1 argento (carabina 10 metri aria compressa a squadre a Croazia Zagabria 2006).

Campionati europei[modifica | modifica wikitesto]

Campionati europei juniores[modifica | modifica wikitesto]

  • 4 medaglie:
    • 3 argenti (carabina 10 metri aria compressa a Svezia Göteborg 2003; carabina 50 metri a terra, carabina 50 metri 3 posizioni a Granada 2007).
    • 1 bronzo (carabina 10 metri aria compressa a Russia Mosca 2006).

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
— Salone d'onore del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, 19 aprile 2012
Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
«Tiro a Segno, oro olimpico carabina 10 metri e carabina 3 posizioni»
— 19 dicembre 2016[9]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Internazionale Edoardo Mangiarotti 2016.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Niccolò Campriani: oro nella carabina agli Europei[collegamento interrotto] firenze.coni.it
  2. ^ Carabina, l'oro va a un fiorentino Vince a Monaco Niccolò Campriani firenze.repubblica.it
  3. ^ Niccolò Campriani è Bronzo europeo nella Carabina 10 metri olimpiadi.blogosfere.it
  4. ^ Le chiavi della città al campione olimpico Niccolò Campriani, su lanazione.it, 8 agosto 2012. URL consultato il 9 agosto 2016.
  5. ^ Niccolò Campriani, splendido cecchino d'argento Archiviato il 2 agosto 2012 in Internet Archive. eurosport.yahoo.com
  6. ^ Campriani, carabina d'oro! Petrucci: "Atleta ideale" gazzetta.it
  7. ^ Marco Massetani, Olimpiadi, gioia Campriani - Lui il primo oro toscano, in Corriere della Sera. URL consultato il 16 ottobre 2016.
  8. ^ Tiro a segno, si ritira il pluricampione Campriani: "Oggi inizia un nuovo capitolo" repubblica.it
  9. ^ Collari d'oro 2016, su coni.it. URL consultato il 25 dicembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN301247095 · ISNI (EN0000 0004 0853 0057 · LCCN (ENno2013051768 · GND (DE1036467651 · WorldCat Identities (ENno2013-051768