Samuele Papi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Samuele Papi
Samuele Papi2.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 191 cm
Peso 84 kg
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Schiacciatore
Squadra Pallavolo Piacenza
Carriera
Squadre di club
1990-1994 Pallavolo Falconara
1994-1998 Cuneo VBC
1998-2011 Volley Treviso
2011- Pallavolo Piacenza
Nazionale
1993-2012 Italia Italia 339 pres.
Palmarès
Transparent.png Giochi olimpici
Argento Atlanta 1996
Bronzo Sydney 2000
Argento Atene 2004
Bronzo Londra 2012
Transparent.png Campionato mondiale
Oro Grecia 1994
Oro Giappone 1998
Transparent.png Campionato europeo
Oro Grecia 1995
Bronzo Paesi Bassi 1997
Oro Austria 1999
Argento Repubblica Ceca 2001
Oro Germania 2003
Transparent.png World League
Oro Milano 1994
Oro Rio de Janeiro 1995
Argento Rotterdam 1996
Oro Mosca 1997
Oro Mar del Plata 1999
Oro Rotterdam 2000
Argento Katowice 2001
Bronzo Madrid 2003
Argento Roma 2004
Transparent.png Coppa del Mondo
Oro Giappone 1995
Bronzo Giappone 1999
Argento Giappone 2003
Statistiche aggiornate al 15 agosto 2012

Samuele Papi (Ancona, 20 maggio 1973) è un pallavolista italiano.

Gioca nel ruolo di schiacciatore nella Pallavolo Piacenza.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La carriera di Samuele Papi inizia nella stagione 1990-91 quando fa il suo esordio, a soli 17 anni, in Serie A1 con la Pallavolo Falconara, club a cui resta legato per quattro stagioni; il 15 dicembre 1993 fa il suo esordio nella nazionale italiana durante l'All Star Game e l'anno successivo vince la medaglia d'oro sia alla World League, sia al campionato mondiale, che alla World Top Four.

Nella stagione 1994-95 viene ingaggiato dal Cuneo VBC, dove resta per quattro annate, aggiudicandosi la Coppa Italia 1995-96, una Supercoppa italiana, due Coppe delle Coppe, la Coppa CEV 1995-96 e due Supercoppe europee; nel frattempo con la nazionale vince la medaglia d'oro al campionato europeo 1995 e quella di bronzo a quello del 1997, la medaglia d'oro alla Coppa del Mondo 1995, la medaglia d'argento ai Giochi della XXVI Olimpiade di Atlanta 1996 e nuovamente l'oro al campionato mondiale 1998, oltre a tre medaglie d'oro ed una di argento alla World League.

Nella stagione 1998-99 inizia un lungo sodalizio con la Sisley Volley di Treviso che durerà per ben tredici stagioni: in questo lasso di tempo si aggiudica sei scudetti, quattro Coppe Italia, sette Supercoppe italiane, tre Champions League, una Supercoppa europea, la Coppa CEV 2002-03 (antenata della Challenge Cup) e la Coppa CEV 2010-11; nel frattempo, con la nazionale, vince una medaglia di bronzo e di argento rispettivamente ai Giochi olimpici di Sydney 2000 e di Atene 2004, due medaglie d'oro e una argento al campionato europeo, un bronzo ed un argento alla Coppa del Mondo 1999 e 2003 e medaglia sia d'oro, che d'argento, che di bronzo alla World League: nel 2004 lascia la squadra nazionale.

Nella stagione 2011-12 passa alla Pallavolo Piacenza e durante la stagione estiva viene nuovamente convocato in nazionale, vincendo la medaglia di bronzo ai Giochi della XXX Olimpiade di Londra; nella stagione 2012-13, con la squadra piacentina vince la Challenge Cup 2012-13 e la Coppa Italia 2013-14.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

1998-99, 2000-01, 2002-03, 2003-04, 2004-05, 2006-07
1995-96, 1999-00, 2003-04, 2004-05, 2006-07, 2013-14
1996, 1998, 2000, 2001, 2003, 2004, 2005, 2007
1998-99, 1999-00, 2005-06
1996-97, 1997-98
2010-11
1995-96, 2002-03, 2012-13
1996, 1997, 1999

Nazionale (competizioni minori)[modifica | modifica wikitesto]

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 25 luglio 2000. Di iniziativa del Presidente della Repubblica[1].
Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Samuele Papi. URL consultato il 7 aprile 2011.
  2. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Samuele Papi. URL consultato il 7 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]