Alessandra Sensini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandra Sensini
Alessandra Sensini.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168 cm
Peso 57 kg
Vela Sailing pictogram.svg
Specialità Windsurf
Palmarès
Giochi olimpici 1 1 2
Mondiali 4 3 0
Europei 5 3 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 26 marzo 2011

Alessandra Sensini (Grosseto, 26 gennaio 1970) è una velista italiana, olimpionica di windsurf.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Direttore tecnico Giovanile e Vicedirettore tecnico della Nazionale della Federazione Italiana Vela, componente della Giunta Nazionale Coni, membro della Commissione atleti del COE e membro della Commissione Giochi Olimpici del COE. Diplomata in ragioneria all'Istituto Tecnico Commerciale "V. Fossombroni" di Grosseto, ha conseguito il Master Managment dello Sport nel 2005. Nel 2014, al termine dell'attività agonistica, ha ottenuto il diploma per tecnici di IV livello Europeo. Inizia a praticare il nuoto all'età di sei anni, per poi passare alla corsa campestre e al basket. Nel 1982, grazie alle sorelle sale per la prima volta su una tavola da windsurf. Vince la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Sydney (2000), ottiene la medaglia d'argento ai Giochi Olimpici di Pechino (2008), conquista due medaglie di bronzo alle Olimpiadi di Atlanta (1996) e Atene (2004). Ha partecipato a sei Edizioni dei Giochi Olimpici. In carriera ha vinto 10 titoli mondiali, 5 titoli europei, 2 titoli ai Giochi del Mediterraneo, una World Cup del Circuito professionistico Windsurf e 23 titoli italiani. Dopo la carriera agonistica ha ricoperto importanti ruoli dirigenziali tra cui quello di membro del Consiglio Nazionale del Coni in rappresentanza degli atleti (dal 2000 al 2004), membro del Consiglio Nazionale della Fiv (dal 2001 al 2012), Vice Chairman del Windsurfing Committee nell'ISAF, Vicepresidente della Federvela (dal 2009 al 2012), Team Manager del Consorzio Azzurra alla Louis Vuitton Cup di Nizza del 2009. Tra le altre esperienze strettamente collegate alla sua attività di campionessa sportiva c'è la collaborazione - dal 2005 al 2007 - con Sailing Channel, con permanenza a Valencia in occasione della Coppa America. Nel 2013 partecipa alla seconda edizione del reality "Pechino Express" col nuotatore Massimiliano Rosolino, formando la coppia de "Gli Olimpionici". A causa di un infortunio, è costretta a ritirarsi nel corso della quinta puntata del programma.



Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 ottiene il suo primo successo nei Campionati Juniores Windsurfer a Formia, l'anno successivo ripete l'impresa a Porto Sant'Elpidio nella stessa categoria. Dopo la convocazione in Nazionale, ottiene nel 1986 il terzo posto salendo sul podio ai Campionati del Mondo Giovanili di Porto Carrasn in Grecia. Il primo grande successo arriva nel 1987 quando vince il suo primo titolo Mondiale Mistral a Manly Beach in Australia. Il primo titolo Mondiale assoluto arriva nel 1989 in Texas. Da qui in avanti inizia una escalation che la porterà a vincere la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Sydney 2000 nella categoria Mistal. La sua prima partecipazione olimpica a Barcellona 1992 le frutterà solo un settimo posto, dopo essere stata a lungo in zona medaglia. Dopo l'esperienza di Barcellona entra a far parte del circuito professionistico (PWA) dedicandosi a tempo pieno all'attività agonistica. E' un periodo molto proficuo, durante il quale gestisce e programma a tempo pieno la sua attività agonistica, passando dalla scelta dei materiali da utilizzare in gara fino agli accordi commerciali con le aziende per le sponsorizzazioni. Nel contempo, per arricchire il suo bagaglio tecnico si allena studiando i venti e prendendo confidenza con le onde di tutto il mondo. Passa dall'Australia ai Caraibi, dalle Canarie alle Hawaii per accrescere e affinare la sua tecnica sul windsurf. E' un'esperienza importante e formativa - vissuta in piena autonomia - che la arricchisce dal punto di vista umano e professionale. E i risultati non tardano ad arrivare. Ad Atlanta 1996 arriva il primo podio olimpico, con una medaglia di bronzo nel windsurf con la nuova classe Mistral. Il podio olimpico conquistato ai Giochi di Atlanta la porta a lasciare il circuito professionistico per abbracciare la carriera olimpica con la Federvela. Intanto continua a fare incetta di titoli italiani che a fine carriera arriveranno a essere ben ventitré. L'apice della sua carriera agonistica è rappresentato dalla medaglia d'oro conquistata alle Olimpiadi di Sydney, in Australia, dove il 23 settembre riesce a primeggiare sulla tedesca Amelie Lux dopo una leggendaria sfida tra le onde. Nel 2004 arriva alle Olimpiadi di Atene come campionessa uscente, e sale nuovamente sul podio ottenendo una medaglia di bronzo. Dopo i Giochi di Atene si prende una pausa dall'attività agonistica per iniziare un percorso di studi con un Master Managment sulla Gestione e valorizzazione degli atleti di alto livello. Ma il richiamo della vela, delle onde e del vento è troppo forte: torna in attività, si qualifica per i Giochi olimpici, e nel 2008 - a Pechino - conquista una nuova medaglia d'argento nella classe RS:X. Chiude la sua carriera olimpica nel 2012 a Londra conquistando un nono posto nella categoria RS:X. Una carriera ricca di titoli e di riconoscimenti a livello sportivo, nazionale e internazionale. Nel 2000 e nel 2004 le viene conferito il Collare d'Oro del Coni, nel 2006 ottiene il Diploma d'onore, nel 2008 vince l'Isaf World Sailor of the Year a Madrid per essere l'unica donna al mondo ad aver conquistato 4 medaglie olimpiche consecutive nella vela.


Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Risultato Gara
1996 Giochi olimpici Stati Uniti Atlanta Bronzo Bronzo Classe mistral
2000 Australia Sydney Oro Oro Classe mistral
2004 Grecia Atene Bronzo Bronzo Classe mistral
2008 Cina Pechino Argento Argento Classe RS:X
1997 Campionati mondiali[1][2] Australia Perth Argento Argento Classe mistral
2000 Argentina Mar del Plata Oro Oro Classe mistral
2002 Thailandia Pattaya Argento Argento Classe mistral
2004 Turchia Smirne Oro Oro Classe mistral
2006 Italia Torbole Oro Oro Classe RS:X
2008 Nuova Zelanda Auckland Oro Oro Classe RS:X
2010 Danimarca Kerteminde Argento Argento Classe RS:X
1988 Campionati europei[3][4] Svizzera Svizzera Argento Argento Classe mistral
1997 Spagna Murcia Oro Oro Classe mistral
1998 Grecia Maratona Argento Argento Classe mistral
1999 Polonia Puck Bronzo Bronzo Classe mistral
2000 Spagna Cadice Oro Oro Classe mistral
2001 Francia Marsiglia Oro Oro Classe mistral
2002 Austria Neusiedlersee Oro Oro Classe mistral
2003 Italia Mondello Oro Oro Classe mistral
2007 Cipro Limassol Argento Argento Classe RS:X

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 3 ottobre 2000. Di iniziativa del Presidente della Repubblica[5].
Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 1º settembre 2008. Di iniziativa del Presidente della Repubblica[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sailing - World Championships - Women:Mistral (windsurfing), Sports123.com. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2006).
  2. ^ (EN) Sailing - World Championships - Women: RS:X, sports123.com. URL consultato il 21 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2007).
  3. ^ (EN) Sailing - European Championships - Women: Mistral (windsurfing), Sports123.com. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2009).
  4. ^ (EN) Sailing - European Championships - Women: RS:X - Sailing - European Championships Women: RS:X (windsurfing), Sports123.com. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2007).
  5. ^ Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig.ra Alessandra Sensini, quirinale.it. URL consultato il 10 aprile 2011.
  6. ^ Grande Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig.ra Alessandra Sensini, quirinale.it. URL consultato il 10 aprile 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN121717641 · LCCN: (ENno2010101426 · SBN: IT\ICCU\CFIV\255120