Governo Nitti II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Governo Nitti II
Francesco-Saverio-Nitti1.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioFrancesco Saverio Nitti
(PRI)
CoalizioneLiberali
Partito Popolare
Partito Radicale Italiano
Indipendenti
LegislaturaXXV
Giuramento22 maggio 1920
Dimissioni10 giugno 1920
Governo successivoGiolitti V
15 giugno 1920
Left arrow.svg Nitti I Giolitti V Right arrow.svg

Il Governo Nitti II è stato in carica dal 22 maggio 1920 al 10 giugno 1920 per un totale di 19 giorni.

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Saverio Nitti (Partito Radicale Italiano)

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari Esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Vittorio Scialoja (Liberale)

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe Micheli (Partito Popolare)

Assistenza Militare e Pensioni di Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Ugo Da Como (Liberale)

Colonie[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Bartolomeo Meuccio Ruini (Partito Radicale Italiano)

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe De Nava (Liberale)

Giustizia e Affari di Culto[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Alfredo Falcioni (Liberale)

Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giulio Rodinò (Partito Popolare)

Industria, Commercio e Lavoro[modifica | modifica wikitesto]

Dal 3 giugno 1920 prende il nome di 'Ministero dell'Industria e Commercio'

Ministro Mario Abbiate (Partito Radicale Italiano) fino al 3 giugno 1920
Giuseppe De Nava (Liberale) ad interim dal 3 giugno 1920 al 15 giugno 1920

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Francesco Saverio Nitti (Partito Radicale Italiano)

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Camillo Peano (Liberale)

Lavoro e Previdenza Sociale[modifica | modifica wikitesto]

Istituito il 3 giugno 1920

Ministro Mario Abbiate (Partito Radicale Italiano)

Marina[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Sechi (militare)

Poste e Telegrafi[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe Paratore (Liberale)

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Andrea Torre (Liberale)

Terre liberate dal Nemico[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Alberto La Pegna (Partito Radicale Italiano)

Tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Carlo Schanzer (Liberale)
Sottosegretari Bortolo Belotti (Liberale)

Trasporti Marittimi e Ferroviari[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe De Nava (Liberale) [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il dicastero risulta soppresso dal 21 marzo 1920 ed accorpato col Ministero dei Lavori Pubblici