Governo Bonomi I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo Bonomi I
Ivanoe Bonomi.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioIvanoe Bonomi
(PSRI)
CoalizionePLI-PPI-PSRI-DS-Indipendenti
LegislaturaXXVI
Giuramento4 luglio 1921
Dimissioni26 febbraio 1922
Governo successivoFacta I
26 febbraio 1922
Left arrow.svg Giolitti V Facta I Right arrow.svg

Il Governo Bonomi I è stato in carica dal 4 luglio 1921 al 26 febbraio 1922 per un totale di 237 giorni, ovvero 7 mesi e 22 giorni.

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana.
Ivanoe Bonomi (Partito Socialista riformista)

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ministeri della Repubblica Italiana e Ministeri del governo italiano soppressi o accorpati.

Affari Esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Ivanoe Bonomi (Partito Socialista riformista)
ad interim fino al 7 luglio 1921
Pietro Tomasi Della Torretta (Indipendente), dal 7 luglio 1921 al 26 febbraio 1922
Sottosegretari Giovanni Visconti Venosta, (Indipendente)

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Angelo Mauri (Partito Popolare)

Colonie[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe Girardini (Democratico-sociale)

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Marcello Soleri (Liberale)

Giustizia e Affari di Culto[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giulio Rodinò (Partito Popolare)

Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Gasparotto (Democratico-sociale)

Industria e commercio[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Bortolo Belotti (Liberale)

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Ivanoe Bonomi (Partito Socialista riformista)

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe Micheli (Partito Popolare)

Lavoro e Previdenza sociale[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Alberto Beneduce (Partito Socialista riformista)

Marina[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Eugenio Bergamasco (Liberale)

Poste e Telegrafi[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Vincenzo Giuffrida (Democratico-sociale)

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Orso Mario Corbino (Liberale)

Terre liberate dal Nemico[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Raineri (Liberale)

Tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe De Nava (Liberale)