Governo Nitti I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo Nitti I
Francesco-Saverio-Nitti1.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioFrancesco Saverio Nitti
(PRI)
CoalizioneUL, PPI, PRI
PSRI, indipendenti
LegislaturaXXV
Giuramento23 giugno 1919
Dimissioni21 maggio 1920
Governo successivoNitti II
21 maggio 1920
Left arrow.svg Orlando Nitti II Right arrow.svg

Il Governo Nitti I è stato in carica dal 23 giugno 1919 al 21 maggio 1920 per un totale di 333 giorni, cioè 10 mesi e 28 giorni.

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Saverio Nitti (Radicale)

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari Esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Tommaso Tittoni (Liberale) fino al 25 novembre 1919
Francesco Saverio Nitti (Radicale) ad interim dal 26 giugno 1919 al 26 settembre 1919
Vittorio Scialoja (Liberale) dal 26 settembre 1919 al 21 maggio 1920

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Achille Visocchi (Liberale) fino al 14 marzo 1920
Alfredo Falcioni (Liberale) dal 14 marzo 1920 al 21 maggio 1920

Assistenza Militare e Pensioni di Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Soppresso il 25 settembre 1919

Ministro Ugo Da Como (Liberale)

Colonie[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Rossi (Radicale) fino al 14 marzo 1920
Francesco Saverio Nitti (Radicale) ad interim dal 14 marzo 1920 al 21 maggio 1920

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Francesco Tedesco (Liberale) fino al 14 marzo 1920
Carlo Schanzer (Liberale) dal 14 marzo 1920 al 21 maggio 1920

Grazia e Giustizia e Culti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 16 settembre 1919 prende il nome di 'Ministero della Giustizia e degli Affari di Culto'

Ministro Lodovico Mortara (Indipendente)

Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Sechi (militare) ad interim fino al 24 giugno 1919
Alberico Albricci (militare) dal 24 giugno 1919 al 14 marzo 1920
Ivanoe Bonomi (Socialriformista) dal 14 marzo 1920 al 21 maggio 1920

Industria, Commercio e Lavoro[modifica | modifica wikitesto]

Dal 21 marzo 1920 prese le altre competenze del soppresso 'Ministero dei Trasporti Marittimi e Ferroviari'

Ministro Dante Ferraris (Liberale)

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Francesco Saverio Nitti (Radicale)

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Dal 21 marzo 1920 prese anche la direzione delle ferrovie essendo soppresso il 'Ministero dei Trasporti Marittimi e Ferroviari'

Ministro Edoardo Pantano (Radicale) fino al 14 marzo 1920
Giuseppe De Nava (Liberale) ad interim dal 14 marzo 1920 al 21 maggio 1920

Marina[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Sechi (militare)

Poste e Telegrafi[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Pietro Chimienti (Liberale) fino al 14 marzo 1920
Giulio Alessio (Radicale) dal 14 marzo 1920 al 21 maggio 1920

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Alfredo Baccelli (Liberale) fino al 16 settembre 1919
Andrea Torre (Liberale) dal 14 marzo 1920 al 21 maggio 1920

Terre liberate dal Nemico[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Cesare Nava (Popolare) fino al 14 marzo 1920
Giovanni Raineri (Liberale) dal 14 marzo 1920 al 21 maggio 1920

Tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Carlo Schanzer (Liberale) fino al 14 marzo 1920
Luigi Luzzatti (Liberale) dal 14 marzo 1920 al 21 maggio 1920

Trasporti Marittimi e Ferroviari[modifica | modifica wikitesto]

Soppresso il 21 marzo 1920

Ministro Roberto De Vito (Radicale) fino al 14 marzo 1920
Giuseppe De Nava (Liberale) ad interim dal 14 marzo 1920 al 21 maggio 1920

Note[modifica | modifica wikitesto]