Governo Giolitti III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo Giolitti III
Giolitti2.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioGiovanni Giolitti
(Sinistra storica)
CoalizioneSinistra storica
LegislaturaXXIII
Giuramento29 maggio 1906
Dimissioni11 dicembre 1909
Governo successivoSonnino II
11 dicembre 1909
Left arrow.svg Sonnino I Sonnino II Right arrow.svg

Il Governo Giolitti III è stato in carica dal 29 maggio 1906 all'11 dicembre 1909 per un totale di 1.292 giorni, ovvero 3 anni, 6 mesi e 12 giorni.

Giolitti presentò il programma del Governo al Parlamento il 12 giugno, ottenendo la fiducia con 262 voti favorevoli e 98 contrari.

Già nel primo mese di Governo furono adottati importanti provvedimenti: le leggi a favore del Mezzogiorno, quelle per la nazionalizzazione delle ferrovie meridionali e quella sulla conversione della rendita. Successivamente, nel maggio 1907, il Governo fece votare al Parlamento l'istituzione di una Commissione d'inchiesta sull'organizzazione e sull'amministrazione dei servizi dipendenti dal Ministero della Guerra, sulla scia di quella istituita nel 1904 per la Marina militare.

Altro evento importante del terzo Governo Giolitti fu il terremoto che sconvolse Messina e Reggio Calabria il 28 dicembre 1908, causando 150.000 morti. Di conseguenza, l'8 gennaio 1909 la Camera approvò il disegno di legge presentato dal Governo che stanziava 30 milioni per la ricostruzione, finanziando l'operazione con il raddoppio della tassa di bollo sui biglietti ferroviari e di navigazione e l'aumento di un ventesimo delle tasse sugli affari e delle imposte sui terreni, sui fabbricati e sui redditi di ricchezza mobile.

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Giolitti

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari Esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Tommaso Tittoni

Agricoltura, Industria e Commercio[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Francesco Cocco-Ortu

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Fausto Massimini fino al 24 marzo 1907
Angelo Majorana Calatabiano ad interim dal 24 marzo 1907 al 19 aprile 1907
Pietro Lacava dal 19 aprile 1907 all'11 dicembre 1909

Grazia e Giustizia e Culti[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Nicolò Gallo fino al 4 marzo 1907
Vittorio Emanuele Orlando dal 4 marzo 1907 all'11 dicembre 1909

Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe Ettore Viganò fino al 29 dicembre 1907
Severino Casana dal 29 dicembre 1907 all'11 dicembre 1909

Il Senatore Casana, divenuto ministro in seguito alle dimissioni del Generale Viganò, fu il primo Ministro della Guerra borghese del Regno d'Italia.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Giolitti

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Emmanuele Gianturco fino al 7 novembre 1907
Giovanni Giolitti ad interim dal 7 novembre 1907 al 9 novembre 1907
Pietro Bertolini dal 9 novembre 1907 all'11 dicembre 1909

Marina[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Carlo Mirabello

Poste e Telegrafi[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Carlo Schanzer

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Guido Fusinato fino al 2 agosto 1906
Luigi Rava dal 2 agosto 1906 all'11 dicembre 1909

Tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Angelo Majorana Calatabiano fino al 17 maggio 1907
Paolo Carcano dal 17 maggio 1907 all'11 dicembre 1909