Governo Badoglio II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo Badoglio II
Pietro Badoglio.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioPietro Badoglio
(militare)
CoalizioneDC, PCI, PSIUP, PLI, PdA, PDL, militari, indipendenti
Giuramento24 aprile 1944
Dimissioni6 giugno 1944
Governo successivoBonomi II
18 giugno 1944
Left arrow.svg Badoglio I Bonomi II Right arrow.svg

Il Governo Badoglio II fu il sessantunesimo governo del Regno d'Italia.

Formatosi in seguito alla svolta di Salerno dell'aprile 1944, con la quale il Partito Comunista Italiano di Palmiro Togliatti accettò di collaborare con Pietro Badoglio (capo del governo dal 25 luglio 1943) e la monarchia sabauda, fu il primo esecutivo aperto ai sei partiti antifascisti riuniti nel Comitato di Liberazione Nazionale.

Nominati i ministri il 24 aprile 1944[1], il governo rimase in carica da tale data al 18 giugno 1944[2], per un totale di 55 giorni, ovvero 1 mese e 25 giorni, e fu seguito dal periodo costituzionale transitorio, che portò alla Repubblica Italiana.

Il giuramento dei ministri nelle mani del Re avvenne a Villa Episcopio a Ravello[3].

Diede le dimissioni il 6 giugno 1944[4], immediatamente dopo la liberazione di Roma dall'occupazione nazi-fascista.

Compagine di governo[modifica | modifica wikitesto]

Fu un governo di unità nazionale, composto da:

Composizione del governo[modifica | modifica wikitesto]

     PCI

     PLI

      Partito Socialista Riformista Italiano

      DC

     Partito d'Azione

     Partito Socialista Italiano

     Militare

     Indipendenti

Carica Titolare Sottosegretari
Presidenza del Consiglio dei ministri Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio
Presidente del Consiglio dei ministri Pietro Badoglio 3.jpg Pietro Badoglio (Militare)
Ministri senza portafoglio
Ministri senza portafoglio Palmiro-Togliatti-00504708.jpg Palmiro Togliatti (PCI)
Benedetto Croce 01.jpg Benedetto Croce (PLI)
CarloSforza.jpg Carlo Sforza (Ind.)
Giulio Rodinò 1921.jpg Giulio Rodinò di Miglione (DC)
Pietro Mancini senato.jpg Pietro Mancini (PSIUP)
Ministero Ministri Sottosegretari di Stato
Affari esteri Pietro Badoglio 3.jpg Pietro Badoglio (Militare)

ad interim

Carica non assegnata
Africa Italiana Pietro Badoglio 3.jpg Pietro Badoglio (Militare)

ad interim

Carica non assegnata
Interno Salvatore Aldisio 1.jpg Salvatore Aldisio (DC)
Grazia e Giustizia Vincenzo Arangio-Ruiz.jpg Vincenzo Arangio-Ruiz (PLI)
Finanze Quinto Quintieri.jpg Quinto Quintieri (PLI)
Guerra Taddeo Orlando.jpg Taddeo Orlando (Militare)
Aeronautica Renato Sandalli 2.jpg Renato Sandalli (Militare) Carica non assegnata
Marina Raffaele De Courten official.jpg Raffaele de Courten (Militare)
Agricoltura e Foreste Fausto Gullo.jpg Fausto Gullo (PCI)
Industria, Commercio e Lavoro Attilio di Napoli.jpg Attilio Di Napoli (PSIUP)
Lavori Pubblici Alberto Tarchiani.jpg Alberto Tarchiani (PdA)
Comunicazioni FrancescoCerabona.jpg Francesco Cerabona (PDL)
Educazione Nazionale[8] Omodeo.jpg Adolfo Omodeo (PdA)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Presidenza del Consiglio dei Ministri. Comunicazioni, in "Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia", Parte prima, Serie speciale, n. 23, 29 aprile 1944, pp. 149-150.
  2. ^ Verbali del Consiglio dei ministri. Luglio 1943-maggio 1948, edizione critica a cura di Aldo G. Ricci, III, Governo Bonomi. 18 giugno 1944-12 dicembre 1944, Roma, Presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento per l'informazione e l'editoria, 1994, p. IX.
  3. ^ Verbali del Consiglio dei ministri. Luglio 1943-maggio 1948, edizione critica a cura di Aldo G. Ricci, II, Governo Badoglio. 22 aprile 1944-18 giugno 1944, Roma, Presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento per l'informazione e l'editoria, 1994, p. X.
  4. ^ Verbali del Consiglio dei ministri. Luglio 1943-maggio 1948, edizione critica a cura di Aldo G. Ricci, II, Governo Badoglio. 22 aprile 1944-18 giugno 1944, Roma, Presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento per l'informazione e l'editoria, 1994, p. XXIX.
  5. ^ Con delega alla Marina Mercantile
  6. ^ Con delega per le Ferrovie
  7. ^ Con la delega per le Poste e i Telegrafi
  8. ^ Il ministero ha preso la denominazione di Ministero per la Pubblica Istruzione con regio decreto del 29 maggio 1944, n.142.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]