Governo Farini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Governo Farini
Luigi Carlo Farini litografia.jpg
Stato Italia Italia
Presidente del Consiglio Luigi Carlo Farini
(Destra storica)
Coalizione Destra storica
Legislatura VIII
Giuramento 8 dicembre 1862
Dimissioni 24 marzo 1863
Governo successivo Minghetti I
24 marzo 1863
Left arrow.svg Rattazzi I Minghetti I Right arrow.svg

Il Governo Farini è stato in carica dall'8 dicembre 1862 al 24 marzo 1863 per un totale di 106 giorni, ovvero 3 mesi e 16 giorni.

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Carlo Farini

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari Esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe Pasolini

Agricoltura, Industria e Commercio[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Manna

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Marco Minghetti

Grazia e Giustizia e Culti[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe Pisanelli

Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Alessandro Della Rovere

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Ubaldino Peruzzi

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Federico Menabrea

Marina[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Ricci
Luigi Federico Menabrea dal 22 gennaio 1863 ad interim
Orazio Di Negro dal 25 gennaio 1863

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Michele Amari

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

  • 8 dicembre 1862: a seguito delle dimissioni di Urbano Rattazzi, il re Vittorio Emanuele II affida l'incarico di formare il nuovo governo a Luigi Carlo Farini.
  • 18 dicembre: uno dei primi atti del governo consiste nell'inviare più truppe nel Sud per la repressione del brigantaggio.
  • 22 gennaio 1863: Il Ministro della Marina, Ricci, si dimette perché non è soddisfatto della situazione complessiva della marina da guerra.
  • 22 marzo 1863: Farini, che dava segni di squilibrio mentale (pare che avesse chiesto al sovrano di dichiarare guerra all'Impero Russo), viene esautorato dall'incarico e sostituito dal suo ministro delle Finanze Marco Minghetti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Bartolotta, Parlamenti e Governi d'Italia dal 1848 al 1970, 2 Voll., Vito Bianco editore, Roma, 1971, II Vol., p. 37.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]