Governo Farini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Governo Farini
Luigi Carlo Farini litografia.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioLuigi Carlo Farini
(Destra storica)
CoalizioneDestra storica
LegislaturaVIII
Giuramento8 dicembre 1862
Dimissioni24 marzo 1863
Governo successivoMinghetti I
24 marzo 1863
Left arrow.svg Rattazzi I Minghetti I Right arrow.svg

Il Governo Farini è stato in carica dall'8 dicembre 1862 al 24 marzo 1863 per un totale di 106 giorni, ovvero 3 mesi e 16 giorni.

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Carlo Farini

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari Esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe Pasolini

Agricoltura, Industria e Commercio[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Manna

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Marco Minghetti

Grazia e Giustizia e Culti[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe Pisanelli

Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Alessandro Della Rovere

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Ubaldino Peruzzi

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Federico Menabrea

Marina[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Ricci
Luigi Federico Menabrea dal 22 gennaio 1863 ad interim
Orazio Di Negro dal 25 gennaio 1863

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Michele Amari

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

  • 8 dicembre 1862: a seguito delle dimissioni di Urbano Rattazzi, il re Vittorio Emanuele II affida l'incarico di formare il nuovo governo a Luigi Carlo Farini.
  • 18 dicembre: uno dei primi atti del governo consiste nell'inviare più truppe nel Sud per la repressione del brigantaggio.
  • 22 gennaio 1863: Il Ministro della Marina, Ricci, si dimette perché non è soddisfatto della situazione complessiva della marina da guerra.
  • 22 marzo 1863: Farini, che dava segni di squilibrio mentale (pare che avesse chiesto al sovrano di dichiarare guerra all'Impero Russo), viene esautorato dall'incarico e sostituito dal suo ministro delle Finanze Marco Minghetti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Bartolotta, Parlamenti e Governi d'Italia dal 1848 al 1970, 2 Voll., Vito Bianco editore, Roma, 1971, II Vol., p. 37.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]