Governo Depretis VII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Governo Depretis VII
Agostino Depretis.jpg
Stato bandiera Regno d'Italia
Presidente del Consiglio Agostino Depretis
Legislatura XV Legislatura, XVI Legislatura
Giuramento 29 giugno 1885
Dimissioni 8 febbraio 1887
Governo successivo Depretis VIII
4 aprile 1887

Il Depretis VII è stato in carica dal 29 giugno 1885 al 4 aprile 1887 per un totale di 336 giorni, ovvero 644 giorni.

  • Composizione del governo:

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Agostino Depretis

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari Esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Agostino Depretis fino al 5 ottobre 1885
Carlo Felice Nicolis di Robilant dal 6 ottobre 1885 al 4 aprile 1887

Agricoltura, Industria e Commercio[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Bernardino Grimaldi

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Agostino Magliani

Grazia e Giustizia e Culti[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Diego Tajani

Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Cesare Francesco Ricotti-Magnani

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Agostino Depretis

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Francesco Genala

Marina[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Benedetto Brin

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Michele Coppino

Tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Agostino Magliani ad interim

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

  • 11 febbraio 1886: il Parlamento approva una legge che esprime il divieto di impiegare fanciulli sotto i 9 anni negli opifici, nelle cave e nelle miniere; inoltre il provvedimento impedisce il lavoro notturno quelli inferiori ai 12 anni. La nuova norma tuttavia esclude le piccole industrie, l'artigianato, i lavori agricoli e il domicilio, dove i bambini-lavoratori costituiscono un'altissima percentuale[1].
  • 22 febbraio 1886: la cosiddetta "Pentarchia" (Zanardelli, Baccarini, Cairoli, Crispi e Nicotera), alcuni esponenti della Destra storica (Sonnino, di Rudinì e Salandra) e Giolitti censurano alla Camera il comportamento di Agostino Magliani, detto "il Ministro dell'allegra finanza", di cui viene critica la politica dispensiosa[2].
  • 23 maggio 1886: Dopo lo scioglimento delle Camere, si svolgono le elezioni politiche che danno a Depretis un'altra maggioranza.
  • 26 gennaio 1887: dopo l'eccidio di Dogali, in Parlamento esplode la polemica tra i "falchi" e le "colombe": tra i primi si distingue Felice Cavallotti, tra i secondi Andrea Costa.
  • 8 febbraio 1887: a seguito di alcune critiche ricevute dall'estrema sinistra e dai "pentarchi" (Zanardelli, Baccarini, Cairoli, Crispi e Nicotera), Depretis si dimette; tuttavia, dopo quasi due mesi di trattative, Umberto I gli riaffida l'incarico di formare il governo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cronologia.leonardo.it/storia/a1886.htm
  2. ^ Magliani, Agostino, Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 67 (2007)