Governo La Marmora III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo La Marmora III
Alfonso La Marmora.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioAlfonso La Marmora
(militare)
CoalizioneDestra storica
militari
indipendenti
LegislaturaIX
Giuramento31 dicembre 1865
Dimissioni20 giugno 1866
Governo successivoRicasoli II
20 giugno 1866
Left arrow.svg La Marmora II Ricasoli II Right arrow.svg

Il Governo La Marmora III è stato in carica dal 31 dicembre 1865 al 20 giugno 1866 per un totale di 171 giorni, ovvero 5 mesi e 20 giorni.

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Alfonso La Marmora

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari Esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Alfonso La Marmora

Agricoltura, Industria e Commercio[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Domenico Berti ad interim

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Antonio Scialoja

Grazia e Giustizia e Culti[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni De Falco

Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Ignazio de Genova di Pettinengo

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Desiderato Chiaves

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Stefano Jacini

Marina[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Diego Angioletti

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Domenico Berti

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

  • 31 dicembre 1865: dopo la caduta del governo La Marmora II, Vittorio Emanuele II riaffida all'ex generale il compito di guidare l'esecutivo.
  • 8 aprile 1866: firmato il trattato di alleanza militare tra Italia e Prussia in funzione antiaustriaca.
  • 12 maggio: rottura delle relazioni diplomatiche tra Firenze e Vienna.
  • 20 giugno: quattro giorni dopo la Prussia, anche l'Italia dichiara guerra all'Austria: inizia così la Terza guerra d'indipendenza, che vedrà La Marmora impegnato in prima persona. Indi per cui egli è costretto a dimettersi e il re darà l'incarico di formare il governo a Bettino Ricasoli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Bartolotta, Parlamenti e Governi d'Italia dal 1848 al 1970, 2 Voll., Vito Bianco editore, Roma, 1971, II Vol., p. 40.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]