Luigi Gasparotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Gasparotto
Gasparotto.jpg

Ministro della difesa
Durata mandato 4 febbraio 1947 –
1º giugno 1947
Presidente Alcide De Gasperi
Predecessore Cipriano Facchinetti (Guerra)
Giuseppe Micheli (Marina)
Mario Cingolani (Aeronautica)
Successore Mario Cingolani

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature I
Gruppo
parlamentare
Gruppo Misto
Collegio Senatore di diritto
Sito istituzionale

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXIV, XXV, XXVI, XXVII
Gruppo
parlamentare
Democratico del Lavoro
Circoscrizione Milano (XXV<>XVII)
Collegio Milano 4 (XXIV)

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Democrazia del lavoro
Collegio Collegio unico nazionale
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia del Lavoro
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Luigi Gasparotto (Sacile, 31 maggio 1873Roccolo di Cantello, 29 giugno 1954) è stato un politico e avvocato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre Leopoldo Gasparotto, piccolo proprietario terriero e garibaldino, lo educò agli ideali democratici e laici. Trasferitosi a Milano, esercitò la professione di avvocato e frequentò la Società democratica lombarda. Fin dal 1897 aderì alla Massoneria, frequentando l'istituzione milanese.

Per diversi anni presidente del Mercato di San Lorenzo a Sacile, poi divenuta Sagra dei Osei.

Venne eletto deputato del Regno d'Italia a Milano nel 1913 [1]. Combattente della Prima guerra mondiale, fu decorato con tre medaglie d'argento al V:M.. Fu nel dopoguerra tra i fondatori dell'Associazione nazionale combattenti e promosse un movimento di ex combattenti denominato "Rinnovamento nazionale", di ispirazione radicale con il quale fu riconfermato alla Camera nel 1919, e ancora nel giugno 1921 con Democrazia sociale [2].

Fu Ministro della Guerra nel luglio 1921 nel governo Bonomi I, durante il quale promosse il rito del Milite ignoto, fino al febbraio 1922. Eletto deputato ancora nel 1924, fu vice presidente della Camera[3]. Pur non aderendo alla Secessione aventiniana contro Mussolini fece parte dell'opposizione in aula e si dimise da vicepresidente nel dicembre 1926. Conclusa la legislatura , nel 1928 si ritirò dalla vita politica.[2]

Nel periodo costituzionale transitorio fu ministro dell'aeronautica dal gennaio al giugno 1945. Al termine della seconda guerra mondiale, fu chiamato nella Consulta nazionale e nel dicembre 1945 fu Ministro dell'assistenza postbellica nel I Governo De Gasperi fino al luglio 1946. Eletto Deputato all'Assemblea Costituente nel giugno 1946 per l'Unione Democratica Nazionale, fu il primo ministro della difesa, nato con l'incorporazione di tre ministeri (Guerra, Marina e Aeronautica) nel III governo De Gasperi (febbraio-maggio 1947).

Senatore della Repubblica di nomina, nella I legislatura (1948), dopo le dimissioni di Giuseppe Paratore venne proposto alla Presidenza del Senato, ma rinunziò alla candidatura poco prima della votazione. Fu vicepresidente del gruppo misto fino al 1953 [4].

Fu anche presidente della Fiera di Milano. È stato uno dei fondatori del Partito Democratico del Lavoro.

Incarichi di governo[modifica | modifica wikitesto]

Uffici parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Diario di un fante, Milano, Fratelli Treves Editori, 1919
  • Diario di un deputato. Cinquant'anni di vita politica italiana, Milano, Dall'Oglio, 1945

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

L'archivio personale di Luigi Gasparotto è disponibile e consultabile presso l'ISEC.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro della Guerra del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
Giulio Rodinò 4 luglio 1921 - 26 febbraio 1922 Pietro Lanza di Scalea
Predecessore Ministro dell'assistenza postbellica del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
Emilio Lussu 10 dicembre 1945 - 14 luglio 1946 Emilio Sereni
Predecessore Ministro della difesa Successore Emblem of Italy.svg
Cipriano Facchinetti (Guerra)
Giuseppe Micheli (Marina)
Mario Cingolani (Aeronautica)
4 febbraio 1947 - 1º giugno 1947 Mario Cingolani
Controllo di autoritàVIAF: (EN47701756 · ISNI: (EN0000 0000 6137 2693 · SBN: IT\ICCU\RAVV\034361 · LCCN: (ENn88070715 · GND: (DE124714943 · BAV: ADV10305428