Associazione nazionale combattenti e reduci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Associazione nazionale combattenti e reduci
Sede centrale ANCR Roma.jpg
Sede dell'associazione a Roma
AbbreviazioneANCR
Fondazione1919
ScopoTutela degli interessi materiali e morali dei combattenti e dei reduci di guerra
Sede centraleItalia Roma
PresidenteItalia Sergio Paolieri
Sito web
Lapide in memoria dei caduti installata a Lanzo Torinese dall'ANCR nel 1964

L'Associazione nazionale combattenti e reduci, in acronimo ANCR, è un ente morale di diritto privato, che associa i reduci della prima e della seconda guerra mondiale.

Ha sede in Roma, Viale Castro Pretorio 116, fa parte integrante del Consiglio nazionale permanente delle associazioni d'arma ed è iscritta all'albo del Ministero della difesa, ai sensi del decreto del ministro della Difesa del 5 agosto 1982.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Milano nel marzo 1919 con il nome di "Associazione nazionale combattenti" (ANC) per unire gli ex combattenti della grande guerra[1]. Alle elezioni politiche italiane del 1919 si presentò come lista del Partito dei combattenti e ottenne il 4,1% e 20 seggi. Dopo quelle elezioni si spostò verso posizioni più radicali e democratiche.

Il governo Mussolini trasformò l'ANC in Associazione nazionale combattenti e reduci, costituita ai sensi del regio decreto 17 giugno 1923 n. 1371, e dal 1925 ne controllò i vertici. Dal 1927 al 1943 ne fu presidente Amilcare Rossi. Dopo la seconda guerra mondiale assorbì anche i reduci di quel conflitto.

Finalità[modifica | modifica wikitesto]

È oggi un'associazione apolitica e apartitica che ha la rappresentanza e la tutela degli interessi materiali e morali dei combattenti e dei reduci di guerra iscritti all'associazione; mantiene anche vincoli di cameratismo con le tutte le associazioni d'arma consimili.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Iniziative istituzionali conformi alle finalità sociali (raduni, cerimonie, attività ricreative, tutela degli iscritti, ecc.).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]