Andrea Torre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Torre
Andrea torre.png

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 24 gennaio 1929 –
27 marzo 1940
Incarichi parlamentari
  • membro della commissione per l'esame dei disegni di legge per la conversione dei decreti-legge (8 marzo 1930 - 24 marzo 1931. Dimissionario)
  • membro della commissione di finanze (18 marzo 1931 - 19 gennaio 1934, 16 dicembre 1938 - 2 marzo 1939, 17 aprile 1939 - 27 marzo 1940)
  • membro della commissione per l'esame del disegno di legge "Riforma del Consiglio nazionale delle corporazioni" (15 dicembre 1938)
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in filosofia
Professione Giornalista

Andrea Torre (Torchiara, 5 aprile 1866Roma, 27 marzo 1940) è stato un giornalista e politico italiano, fu senatore del regno e Ministro della Pubblica Istruzione del Regno d'Italia nei governi Nitti I (14 marzo-22 maggio 1920) e Nitti II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Svolse una rapida carriera nel settore del giornalismo: all'età di 28 anni, nel 1894 fu nominato direttore della Riforma, giornale di Francesco Crispi. Dal 1901 al 1906 fu redattore politico del Giornale d'Italia. Successivamente, dal 1906 al 1916, fu capo dell'ufficio di corrispondenza di Roma del Corriere della Sera. Nel 1917 passò al Messaggero dove fu autorevole opinionista. Agli inizi del 1922 fondò, con Giovanni Amendola e Giovanni Ciraolo il quotidiano Il Mondo, di cui fu il primo direttore. Nel novembre 1926 Torre fu chiamato alla direzione del quotidiano torinese La Stampa, carica che mantenne fino al febbraio 1929.

Fu eletto, nel 1916, presidente della Federazione italiana della stampa (il sindacato unitario dei giornalisti), carica in cui fu riconfermato nel 1917, 1918, 1919 e 1920.

Massone[1], ereditò il moto “definirsi o sparire” dal suo maestro spirituale e confratello, il filosofo Giovanni Bovio.[2]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
— 17 gennaio 1907
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
— 4 gennaio 1917
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della Corona d'Italia
— 30 agosto 1920
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 10 gennaio 1909

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luca Irwin Fragale, La Massoneria nel Parlamento. Primo novecento e Fascismo, Morlacchi Editore, 2021, p. 222.
  2. ^ Clodomiro Tarsia, "L'aniversario". il valore di un uomo diemnticato, su lacittadisalerno.it, 11 agosto 2019. URL consultato il 21 maggio 2020 (archiviato il 21 maggio 2020).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro della Pubblica Istruzione del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
Giulio Alessio 22 maggio 1920 - 16 giugno 1920
governo Nitti II
Benedetto Croce
Predecessore Direttore del quotidiano Il Mondo Successore
/// 26 gennaio - 21 agosto 1922 Alberto Cianca
Predecessore Direttore della Stampa Successore
Luigi Michelotti e Gino Pestelli dal 30 novembre 1926 all'11 febbraio 1929 Curzio Malaparte
Controllo di autoritàVIAF (EN27217112 · ISNI (EN0000 0000 8342 4714 · SBN IT\ICCU\CFIV\244313 · LCCN (ENnr97041025 · GND (DE120540355 · BNF (FRcb134805725 (data) · BAV (EN495/249834 · WorldCat Identities (ENlccn-nr97041025