Giorgio Vanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio Vanni
Giorgio Vanni 2015 2.jpg
Giorgio Vanni al Galliate Fanta Comics & Games il 31 maggio 2015.
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop rock
Dance
Sigla musicale
Reggae
Ska
Periodo di attività 1979 – in attività
Strumento Chitarra
Etichetta Lova Music S.r.l.
Gruppo attuale I Figli di Goku
Gruppi precedenti Tomato

Giorgio Vanni e i Braccobaldo

Album pubblicati 7
Sito web

Giorgio Vanni (Milano, 19 agosto 1963) è un cantante, musicista e chitarrista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordi e affermazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1979 insieme a Paolo Costa e Claudio D'Onofrio ha dato vita al gruppo pop-rock Tomato[1]. Nel 1982 vennero notati da Roberto Colombo.

Nel 1983 producono il disco The Island of the Sun sotto lo pseudonimo Iudy. Nel 1984 lavorano all'album Bandido di Miguel Bosé[1], poi con Den Harrow, Taffy e Ivan. Nel 1985 incidono il loro primo singolo: Tam Tam, con l'ex batterista dei Simple Minds, Mike Ogletree.

Nel 1987 Giorgio scrive Lay Down on Me, pezzo di punta dell'album XXX di Miguel Bosé. Passano altri quattro anni prima che la band riesca a trovare una casa discografica che creda appieno nella sua musica, che è un miscuglio di pop inglese, musica black americana e melodie italiane. Nel 1991, dopo aver lavorato con artisti del calibro di Mango[2], Eugenio Finardi[2], Cristiano De André[2][3], Roberto Vecchioni, Pierangelo Bertoli e Tazenda, Giorgio Vanni e i suoi pubblicano il loro primo album Tomato, prodotto da Mauro Paoluzzi e Angelo Carrara.

Nel 1992 partecipano al Festival di Sanremo con il brano Sai cosa sento per te[1]. Nel 1994 esce il suo primo album da solista, Grande cuore.

Tappa importante della sua vita artistica è l'incontro con l'arrangiatore Max Longhi: nel 1996 i due iniziano a dedicarsi a prodotti musicali televisivi (ad esempio Generazione X su Italia 1) e pubblicitari. Curano gli arrangiamenti di molte campagne pubblicitarie tra le quali: Always Coca Cola, i jingle della campagna Dietorelle, Q8 e Brooklyn[4][5].

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 scrivono il brano Buone verità per Laura Pausini che venne incisa nell'album La mia risposta[3]. La canzone prodotta da Vanni e Longhi ebbe una traduzione anche in lingua spagnola, grazie alla vendita in Spagna del CD della cantante romagnola, pubblicata con il titolo Una gran verdad.

Tappa fondamentale della loro storia musicale è l'incontro con Alessandra Valeri Manera alla quale piacque il loro stile[1]. La prima sigla di Vanni e Longhi, a essere pubblicata, è Superman (incisa su Fivelandia 16)[1]. Il 1999 è un altro anno importante, infatti oltre ad aver scritto e cantato sigle come Pokémon e Dragon Ball, che hanno segnato positivamente la sua carriera, dallo stesso anno il duo inizia a scrivere sigle per Cristina D'Avena. Dall'anno successivo inizia a duettare con la D'Avena cantando Rossana (scritta da Franco Fasano). Dall'inizio della sua carriera a oggi hanno composto circa un centinaio di sigle, di cui circa 50 per la D'Avena, talvolta anche in coppia.

Tra le altre sigle di successo dei cartoni animati si ricordano Dragon Ball, Yu-Gi-Oh!, Detective Conan o Naruto, L'incredibile Hulk, Maledetti scarafaggi e molte altre.

Giorgio Vanni al Lucca Comics & Games 2011.

Anni 2010[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 luglio 2012 esce Time Machine - Da Goldrake a Goku: questo CD rende omaggio ad altri grandi cantanti di sigle di cartoni animati come Massimo Dorati, Enzo Draghi, Cristina D'Avena, più un mash-up di What's my destiny Dragon Ball con Go West[6]. La versione digitale contiene le versioni strumentali de I cavalieri dello zodiaco di Massimo Dorati e Daitarn III.

Il 27 maggio 2014 esce Super Hits - Il meglio del meglio del meglio, album contenente due CD con 44 sigle. L'album ripercorre quasi tutta la discografia da solista di Vanni.

Nel 2015, dopo circa quattro anni di distanza da Beyblade Metal, torna a collaborare con RTI componendo e interpretando la sigla della nuova serie dell'anime Lupin III, in onda a fine agosto 2015 sulle reti Mediaset. Il brano vede Giorgio Vanni duettare con il rapper Moreno[7].

Nel novembre 2015 con l'uscita del Picture Disc Cristina D'Avena dell'omonima artista, il nome di Giorgio Vanni, come cantautore di sigle, entra per la prima volta nel 33 giri. Infatti tre delle sigle di Vanni prodotte per la D'Avena (Principesse gemelle, Doraemon, All'arrembaggio!) sono presenti all'interno. Una quarta è Rossana, nella quale Vanni è però solo interprete.

Qualche novità viene portata anche all'interno dei live; ad esempio cambia la scaletta dei concerti, portando pezzi che raramente erano stati cantati da lui in live (ad esempio Occhi di gatto o Lucky Luke) o cover di pezzi che l'artista ama particolarmente, tra questi una versione in acustico di Capitan Harlock[8] e di Piccoli problemi di cuore. Questo nuovo format, comprende anche una parte dell'esibizione, dove l'artista canta alcuni dei suoi pezzi in versione dance (usciti originariamente nella compilation Cartuno).

Il 1º agosto 2016 viene pubblicata sul canale YouTube del cantante Pokémon Go (realizzata insieme a Max Longhi e Alessandra Valeri Manera), una sorta di sigla realizzata per l'omonimo gioco, fenomeno mobile che Nintendo e Niantic hanno pubblicato nel luglio precedente su piattaforme Android e iOS[9]. La canzone viene distribuita anche su iTunes.

Il 23 dicembre 2016 viene pubblicata sul suo canale YouTube la canzone Dragon Ball Super Kame Hame Ha, sigla omaggio all'uscita italiana della nuova serie animata giapponese sulla rete televisiva Italia 1 (che tuttavia aveva preferito mantenere la sigla originale giapponese per una diversa scelta editoriale).

Il 16 marzo 2017 a distanza di 5 anni realizza (insieme a Max Longhi e Alessandra Valeri Manera) una nuova sigla per Cristina D'Avena dal titolo Noi Puffi siam così e il 21 luglio il brano Sole e Luna[10].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Giorgio Vanni e Brani musicali di Giorgio Vanni.

Giorgio Vanni, prima dell'incontro con Alessandra Valeri Manera e Max Longhi, ha scritto canzoni per numerosi artisti (italiani e non) e per se stesso, realizzando anche molti jingle per spot pubblicitari. Dal 1993, insieme a Max Longhi ha scritto musica per le reti Mediaset, in particolare, sul finire degli anni novanta, sigle di cartoni animati, da lui stesso interpretate, e per Cristina D'Avena, con la quale ha spesso duettato, scrivendo anche per molti altri artisti della scuderia RTI.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Simone Intermite, INTERVISTA :Giorgio Vanni il re delle sigle Cartoon racconta Il suo percorso artistico tra ricordi e speranze., Domanipress, 24 dicembre 2014. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  2. ^ a b c Giorgio Vanni - Il ricordo è ciò che ascoltiamo, su Kosmomagazine, 30 ottobre 2016. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  3. ^ a b Ilenia Cerillo, Giorgio Vanni intervistato da cartoonMag – “Sono entusiasta, lunatico e ancora adolescente”, su CartoonMag, 10 aprile 2010. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  4. ^ Karin Ebnet, Intervista a Giorgio Vanni, la nuova voce dei cartoni, su Movie for Kids, 28 ottobre 2015. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  5. ^ Nicola Gargiulo, Intervista a Giorgio Vanni, su The Brain of Pop Culture, 3 giugno 2016. URL consultato il 29 dicembre 2016.
  6. ^ Filmato audio Giorgio Vanni Presents TIME MACHINE- Da Goldrake a Goku @ Yamato Shop, su YouTube, 17 giugno 2012. URL consultato il 27 luglio 2017.
  7. ^ Michele Monina, Lupin III, ecco la nuova serie: a cantare la sigla è Moreno. E su Change una petizione per dire no al rapper, il Fatto Quotidiano, 20 luglio 2015. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  8. ^ RIMINICOMIX!! 16 LUGLIO!!, su Giorgio Vanni, Facebook, 1º luglio 2016. URL consultato il 27 luglio 2017.
  9. ^ Andrea D'Isanto, Giorgio Vanni crea la sigla per l’App Pokémon GO!, MangaForever.net, 2 agosto 2016. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  10. ^ Annunciato il nuovo brano di Giorgio Vanni, su Orgoglio Nerd, 20 luglio 2017. URL consultato il 27 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN86789999