Niantic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Niantic, Inc.
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione2010
Fondata daJohn Hanke
Sede principaleSan Francisco, California
Persone chiave
  • John Hanke (CEO)
  • Mike Quigley (CMO)
  • Dennis Hwang (art director)
ProdottiIngress, Field Trip, Endgame, Pokémon Go
Sito web

Niantic, Inc. è una società di sviluppo software statunitense con sede a San Francisco, California. L'azienda è stata fondata nel 2010 da John Hanke come Niantic Labs, una startup interna a Google[1], prima che venisse separata da Google come un'entità indipendente nel 2015.[2][3][4]

Niantic è più nota per lo sviluppo dei giochi per cellulari di realtà aumentata, come Ingress nel 2013,[1][5] e Pokémon Go realizzato con la collaborazione di The Pokémon Company nel 2016.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda prende il nome dalla nave baleniera Niantic, giunta a San Francisco durante la corsa all'oro californiana.

Il primo prodotto di Niantic, pubblicato nel 2012, è stato Field Trip, un'app mobile basata sul posizionamento satellitare, che agisce come guida turistica per i posti interessanti e luoghi d'interesse storico nelle vicinanze.

Nel novembre 2012, in collaborazione con Google, la società ha distribuito Ingress, videogioco per Android basato sulla realtà aumentata. Inizialmente giocabile solo su invito, è diventato giocabile liberamente nell'ottobre 2013 e nel luglio 2014 disponibile anche per le piattaforme Apple.

In seguito, Niantic ha annunciato il videogioco Endgame, progetto di narrazione transmediale, basato sul romanzo Endgame: Ancient Truth di James Frey.[5][6][7][8]

La società si è staccata da Google nel mese di settembre 2015, subito dopo l'annuncio di Google della sua ristrutturazione come Alphabet Inc.[9]

Nel mese di settembre 2015, è stato annunciato che Niantic avrebbe co-sviluppato, assieme a Nintendo e The Pokémon Company, il videogioco Pokémon Go per iOS e Android.[10] Il mese successivo, Niantic annuncia che Google, Nintendo e The Pokémon Company avrebbero investito $ 30 milioni, $ 20 milioni in anticipo con $ 10 milioni addizionali condizionati al raggiungimento di un determinato traguardo della compagnia,[11] per sostenere la crescita della società e dei suoi prodotti.[12] Nel mese di febbraio 2016, Niantic ha annunciato di aver ottenuto altri 5 milioni di $[13] in Series A funding includendo investimenti[14] da alcune firme di capitale come Alsop Louie Partners e You & Mr. Jones Brandtech Ventures così come gli investitori Lucas Nealan, Cyan Banister e Scott Banister.[15] Mentre si aggiungevano più sostenitori per la crescita della società, questo investimento ha permesso di portare a Niantic ad essere un'industria pioniera nel settore strategico, tra cui l'aggiunta di Gilman Louie al suo consiglio.[16]

Il 6 luglio 2016, Pokémon Go è stato distribuito in Australia, Nuova Zelanda e gli Stati Uniti su App Store e Play Store; nello stesso giorno è stato annunciata la costruzione di Pokémon Go Plus un piccolo dispositivo indossabile, sviluppato da Nintendo, che utilizza una connessione bluetooth a basso consumo energetico per notificare agli utenti quando un Pokémon è vicino.[17] Il dispositivo è stato poi distribuito nel mese di luglio 2016; la distribuzione in Europa è stata rinviata dopo che nel lancio iniziale siano andati in tilt i server.[18]

Il sistema Niantic[19] utilizza tecniche geo spaziali di indicizzazione e filtraggio in tempo reale per elaborare più di 200 milioni di azioni di gioco al giorno, gestendo le persone che interagiscono con oggetti reali e virtuali nel mondo fisico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Blair Hanley Frank, Google’s Niantic Labs merges another virtual world with reality in upcoming game, su Geekwire.com, Geek Wire. URL consultato il 18 marzo 2015.
  2. ^ Rosenblatt, Seth Google's Niantic follows Ingress with Endgame Cnet retrieved September 9, 2014
  3. ^ Dean Takahashi, Google’s Niantic Labs embarks on a giant interactive transmedia project with controversial author James Frey, su Venture Beat, 17 dicembre 2014.
  4. ^ Adi Robertson, Google is helping James Frey build a multimedia sci-fi juggernaut, su The Verge, 28 luglio 2014.
  5. ^ a b Russell Holly, Google makes Ingress codes available through HINT water partnership, su GEEK, 25 febbraio 2013.
  6. ^ Inc. Niantic Labs, Ultra Strike Weapon Revealed - INGRESS REPORT - EP19, su Ingress YouTube Page, 1º agosto 2013.
  7. ^ Inc. AXA Financial, AXA and Google's Niantic Labs Partner to Integrate 20,000 Global Retail Agencies into Ingress' Interactive'Real World' Mobile Gameplay Experience, su AXA Press Release, 16 dicembre 2014.
  8. ^ Corp. Softbank Group, ソフトバンクショップがIngressに登場!, su Softbank Press Release, 27 luglio 2015.
  9. ^ Sarah Kessler, Can A Startup Live Inside Google? Niantic Labs, Creators Of Field Trip And "Ingress" Try, su Fast Company. URL consultato il 22 maggio 2013.
  10. ^ Filmato audio Pokémon GO Press Conference, in YouTube, 10 settembre 2015.
  11. ^ Niantic Inc. Raises $20 Million in Financing from The Pokémon Company, Google and Nintendo, su nianticlabs.com. URL consultato il 7 luglio 2016.
  12. ^ Michael McWhertor, Nintendo, Google and Pokémon Company invest $20M in Pokémon Go developer, su Polygon, Vox Media, 15 ottobre 2015. URL consultato il 15 ottobre 2015.
  13. ^ Christian Nutt, Pokémon Go dev Niantic Labs scores another $5 million in funding, su www.gamasutra.com. URL consultato il 7 luglio 2016.
  14. ^ Welcoming Gilman Louie, David Jones, Fuji TV, Cyan & Scott Banister, and Lucas Nealan to the Niantic Family, su www.nianticlabs.com. URL consultato il 7 luglio 2016.
  15. ^ Feb 25, 2016: Niantic Labs - Funding Round - Series A | CrunchBase, su www.crunchbase.com. URL consultato il 7 luglio 2016.
  16. ^ Niantic raises another $5m in Series A, su gamesindustry.biz. URL consultato il 7 luglio 2016.
  17. ^ Pokémon GO Plus | Pokémon GO, su www.pokemongo.com. URL consultato l'8 luglio 2016.
  18. ^ 'Pokémon Go' international rollout will be 'paused' as players overload the system, su uk.businessinsider.com. URL consultato il 9 luglio 2016.
  19. ^ Employment Opportunities | Niantic, su www.nianticlabs.com. URL consultato il 7 luglio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN7424147605377357760008