Paolo Costa (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Paolo Costa (Milano, 29 giugno 1964) è un bassista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello del noto programmatore di suoni Max Costa, ha cominciato a suonare il basso da autodidatta all'età di 16 anni, ma il suo primo strumento è stato la chitarra.

Oltre ad aver fatto parte del gruppo dei Tomato, con cui ha partecipato al Festiva di Sanremo nel 1992 col brano 'Sai Cosa Sento per Te', ha collaborato con molti artisti italiani tra i quali ricordiamo Giuni Russo, Claudio Baglioni, Roby Facchinetti, Franco Fasano, Marco Carena, Irene Fargo, Zucchero Fornaciari, Bungaro, Fiorella Mannoia, Ornella Vanoni, Eugenio Finardi, Anna Tatangelo, Gianluca Grignani, Anna Oxa, Nek, Laura Pausini, Mia Martini, Marcella Bella, Gianni Bella, Eros Ramazzotti, Patty Pravo, Iva Zanicchi, Alessandra Amoroso, Ivano Fossati, Biagio Antonacci, Milva, Al Bano, Jovanotti, Mango, Loredana Bertè, Danilo Amerio, Grazia Di Michele, Ivana Spagna, Annalisa, Roberto Vecchioni, Luca Madonia, Fabio Concato, Samuele Bersani, Andrea Bocelli, Fabrizio De André, Mina, Renato Zero, Franco Battiato e collaborazioni con artisti stranieri come Miguel Bosé, Alejandro Sanz, Ricardo Montaner, Sergio Dalma, Tony Hadley, Justin Hayward e i Tazenda. A collaborazioni pop e rock affianca una carriera jazz/fusion come bassista e, a volte, chitarrista nella Biba Band. Attualmente è il bassista di Renato Zero, del gruppo dei Quarto, della Band di Eros Ramazzotti e della Tom's Family, band soul/funk milanese.

Strumentazione[modifica | modifica wikitesto]

Il musicista utilizza bassi a quattro e cinque corde, con caratteristiche diverse. Predilige bassi Yamaha, tra i quali un Attitude 5 opportunamente modificato (che non è in produzione da diversi anni). Nel suo studio di registrazione ha diversi Fender, Lackland, Hofner e un Music Man Stingray. Da diversi anni usa Amplificatori Markbass tra cui un Preamplificatore da Studio signature "Picosta".

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87544478 · BNE (ESXX1760807 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-87544478