Un pettirosso da combattimento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un pettirosso da combattimento
ArtistaLoredana Bertè
Tipo albumStudio
Pubblicazione1997
Durata43:45
Dischi1
Tracce11 (prima ediz.)
10 (seconda ediz.)
11 (terza ediz.)
GenerePop
Pop rock
EtichettaFarita Sony Music
ProduttoreNando Sepe Loredana Bertè
ArrangiamentiMauro Paoluzzi
Bandabertè
Loredana Bertè - cronologia
Album precedente
(1995)
Album successivo
(1998)
Singoli

Un pettirosso da combattimento è un album musicale di Loredana Bertè, pubblicato nel 1997 dalla Farita di Nando Sepe e distribuito da Sony Music.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il primo album di Loredana Bertè dopo la morte della sorella Mia Martini, e a lei interamente dedicato, e il diciottesimo della sua carriera.

Tutti i brani (eccetto L'esodo e Padre davvero) portano la firma della cantante.

L'album ebbe una gestazione difficile in quanto nel 1996, Renato Zero, che doveva inizialmente esserne l'editore, continuava ad insistere su una produzione più commerciale, mentre la Bertè spingeva per un taglio decisamente più rock. A metà lavoro, i due litigarono e Zero si appropriò di quanto era stato realizzato fino a quel momento, chiedendo ben 100 milioni di lire per il successivo utilizzo di tali registrazioni da parte della Bertè, dando origine ad una spiacevole contesa legale. A questo punto, la Bertè registrò nuovamente le sue canzoni con la produzione artistica del musicista Mauro Paoluzzi e il disco venne distribuito dalla Sony.

Ma a causa di un'altra controversia, legata al brano Rap di fine secolo, l'artista venne nuovamente trascinata in una seconda battaglia legale (da lei vinta nel 2003), motivo per cui l'album venne ritirato dal commercio e solo successivamente ristampato in due nuove edizioni.

In tutto ne uscirono tre versioni: la prima, quella ritirata dal commercio; la seconda, che vedeva l'esclusione del brano Rap di fine secolo; e la terza, che include anche il brano Pomeriggi. Nel 2012, una quarta ristampa ad opera del manager Nando Sepe (produttore esecutivo dell'album), ne assembla per la prima volta tutti insieme i 12 brani.

La canzone Luna fu presentata al Festival di Sanremo 1997, mentre La pelle dell'orso è il brano con cui partecipò per l'ultima volta al Festivalbar.

Dopo il Festival di Sanremo, la Bertè presentò l'album nel contenitore televisivo Domenica In, cantando una canzone a puntata.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo dell'album prende spunto dalla canzone "La Domenica delle Salme" di Fabrizio De André: la Bertè chiese personalmente a De Andrè il permesso per l'utilizzo di questo suo verso.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Pomeriggi (solo terza edizione) (Philippe Leon, Loredana Bertè)
  2. La pelle dell'orso (Mauro Paoluzzi, Loredana Bertè) - 4:59
  3. Condominio N. 10 (Philippe Leon, Loredana Bertè) - 4:10
  4. Luna (Maurizio Piccoli, Loredana Bertè) - 4:16
  5. Treno speciale (Giuseppe Deodato, Loredana Bertè) - 4:18
  6. L'esodo (Mariella Nava) - 4:04
  7. Rap di fine secolo (Luca Rustici, Paolo Costa, Loredana Bertè) - 4:37 (solo prima edizione ritirata)
  8. Padre padrone (Luca Rustici, Loredana Bertè) - 4:20
  9. Zona venerdi (Philippe Leon, Loredana Bertè) - 5:22
  10. Cuore in stallo (A.M.Barletta, Philippe Leon, Loredana Bertè) - 3:31
  11. Padre davvero (Antonello De Sanctis - Piero Pintucci) - 3:02
  12. Buon compleanno papà (Loredana Bertè) - 1:06

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica