Franco Barbero (attore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franco Barbero

Franco Barbero (Asti, 9 febbraio 1944) è un attore italiano specializzato nei ruoli da caratterista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attivo soprattutto in teatro, recita nei primi anni Settanta nel ruolo di secondo comico in dieci commedie con Erminio Macario. Dal 1975 al 1980 forma con Carlo Campanini una Compagnia del teatro comico, che agisce principalmente in Piemonte, Lombardia e Liguria rappresentando testi di Amendola e Corbucci, Hennequin e Veber, Eugène Labiche, Mariani, Casaleggio, Curcio, Chiosso-D'Ottavi e altri; ai lavori prendono parte, tra gli altri, Sylva Koscina, Femi Benussi, Tonino Micheluzzi, Carla Maria Puccini, Margherita Fumero, Genny Folchi, Carlo Rizzo, Nella Colombo e Maria Teresa Ruta. Con Piero Mazzarella e Rino Silveri nel 1978 e 1979, a Milano, gestisce il teatro di Via San Calimero.

Nel 1981 e 1982 crea una propria compagnia chiamando accanto a sé Alfredo Rizzo e Luca Sportelli. Nel 1983/84 con Stella Carnacina rappresenta La gatta e il coniglio di Amendola e Corbucci, con le musiche di Guido e Maurizio De Angelis. Dal 1984 al 1994 è il comico della Compagnia italiana di operette Franco Barbero-Nadia Furlon, lavorando in tutti i principali teatri italiani con un repertorio di 11 operette. Nel 1995 la soubrette è Maria Rosa Congia. Finito questo periodo di attore comico, inizia una nuova carriera di attore comico e drammatico, ed interpreta, tra gli altri: Comico, spalla e soubrette, Le nuvole di Aristofane, Amleto di Shakespeare, Le furberie di Scapino di Molière, Amore e chimica, Uomini stregati dalla luna, Càsina di Plauto, Forbici follia, Rudens di Plauto, La scuola dei mariti di Molière, Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, Mercator di Plauto, L'eunuco di Terenzio, Le souper di Ferenc Molnár, Processo di Giordano Bruno, Riccardo III di Shakespeare, Il povero Piero di Campanile, Sottobanco di Starnone, Margherita e il gallo di Erba, L'Orestiade di Eschilo, Bamboccioni, che noia il posto fisso, Vedova Pautasso Antonio, in cerca di matrimonio, La santa coppia, Forza venite gente, Pane, latte e lacrime, e ...poi cinema e televisione.[1].

Al cinema viene ricordato nel ruolo dell'odiato cognato di Lino Banfi nel film Al bar dello sport.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Una scena del film Al Bar dello Sport

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Prosa televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda biografica di Franco Barbero dal documento di presentazione del film A.A.A. Achille

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]