Paolo Nuzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Nuzzi

Paolo Nuzzi (Napoli, 2 dicembre 1939) è un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver diretto alcune mini-serie TV e documentari si presenta sul grande schermo nel 1974 con l'opera prima Il piatto piange, tratto dall'omonimo romanzo di Piero Chiara. Il film, una co-produzione italo-francese, fu prodotto da Leo Pescarolo per la Clodio Cinematografica e distribuito dall'Euro International Film, vede come interpreti Aldo Maccione, Agostina Belli, Andréa Ferréol, Erminio Macario, Claudio Gora e Bernard Blier. Quasi interamente girato sul lago d'Orta (Orta San Giulio) in Piemonte, ricostruisce la vita di provincia negli anni del Fascismo. Nel '76 girò "Giovannino", tratto dal romanzo omonimo di Ercole Patti, interpretato tra gli altri dall'allor giovane Christian De Sica, da Maria Mercader, Miguel Bosè e altri.

Assieme ad alcuni giovani registi, nel 1963 aveva preso parte al film zavattiniano a episodi "I misteri di Roma".

Nuzzi ha collaborato agli inizi della sua carriera con Federico Fellini: è stato assistente alla scenografia per La strada (1954), assistente alla regia per Il bidone (1955), assistente alla produzione per Le notti di Cabiria (1957) e primo assistente alla regia per La dolce vita (1960).

Amico di Cesare Zavattini, alla sua morte (1989) si è dedicato con Arturo, figlio dell'artista luzzarese,alla sistemazione delle carte del ponderoso archivio zavattiniano in vista del trasferimento del medesimo presso la Biblioteca Panizzi del Comune di Reggio Emilia. Ha poi seguito con estrema competenza e rigore scientifico tutte le operazioni volte alla valorizzazione di quell'importante giacimento culturale. Tra le varie iniziative editoriali che lo hanno visto protagonista, Nuzzi ha pubblicato, assieme a Ottavio Iemma, il volume "De Sica & Zavattini, parliamo tanto di noi" (Roma, Editori Riuniti, 1997) ed è stato curatore del libro postumo di Cesare Zavattini "Io, un'autobiografia", uscito nel centenario della nascita di Z. (Torino, Einaudi, 2002).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]