Questo nostro amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questo nostro amore
Questo nostro amore.png
Immagine della sigla della prima stagione
Paese Italia
Anno 2012 – in produzione
Formato serie TV
Genere commedia
Stagioni 2 Modifica su Wikidata
Episodi 12 Modifica su Wikidata
Durata 100 min (puntata)
Lingua originale italiano
Rapporto 16:9
Crediti
Regia Luca Ribuoli
Soggetto Stefano Bises, Elena Bucaccio
Sceneggiatura Stefano Bises, Elena Bucaccio, Francesco Cioce, Fidel Signorile
Interpreti e personaggi
Fotografia Armando Buttafava, Bonallogi
Montaggio Marco Garavaglia
Musiche Nicola Tescari
Scenografia Massimo Santomarco
Costumi Sandra Cardini
Produttore Paola Leonardi, Monica Paolini
Produttore esecutivo Riccardo Cardarelli
Casa di produzione Paypermoon, Rai Fiction
Prima visione
Dal 28 ottobre 2012
Al in corso
Rete televisiva Rai 1
Rai HD

Questo nostro amore è una serie televisiva italiana, trasmessa da Rai 1 dal 28 ottobre 2012.

Protagoniste della serie sono le famiglie Costa e Strano, apparentemente molto diverse, alle prese con la difficile realtà della Torino tra la fine degli anni sessanta e l'inizio degli anni settanta del XX secolo. Le loro vite si intrecciano continuamente, anche a causa dell'amore tanto profondo quanto tormentato che lega i rispettivi figli primogeniti, Benedetta Costa e Bernardo Strano.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gennaio 1967. Le famiglie Costa e Strano vivono nello stesso condominio a Torino. Vittorio Costa, già sposato con un'altra donna, convive con Anna Ferraris. La coppia, che ha tre figlie, teme che la loro situazione, irregolare per l'epoca, sia scoperta. Gli Strano, invece, sono una numerosa famiglia di origine siciliana, composta da Salvatore, Teresa e i loro quattro figli maschi. La serie si concluderà con la partenza di Bernardo per la Germania, lasciando la famiglia e la sua amata Benedetta a Torino.

Prima stagione: Questo nostro amore[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Questo nostro amore (prima stagione).

Sono gli anni '60. La famiglia principale sono i Costa: il padre Vittorio, la madre Anna e le loro tre figlie, la diciottenne Benedetta, Marina di dieci anni e la piccola Clara, sei anni, sono costretti ad andarsene dal paesino piemontese in cui vivono, cacciati dal padrone di casa, che ha scoperto che Anna e Vittorio non sono sposati. Vittorio in giovanissima età si era infatti già sposato, ma la moglie Francesca, lo lasciò solo, e ancora non ha ottenuto l'annullamento. Si trasferiscono a Torino, città natale di Anna, pensando che in una grande città sarà più facile passare inosservati. Si sente aria di cambiamenti: Anna corona il sogno della sua vita, insegnare, e lo farà a persone che non hanno mai avuto la fortuna di andare a scuola (operai, anziani..). Benedetta si frequenta con il suo compagno di banco Maurizio, ma la reazione del padre (Vittorio) è quella di un vero padre all'antica. I Costa vengono scoperti anche questa volta, e il vicinato non li guarda più con “buon occhio”, ma questa volta loro riescono a farcela, a vincere il mal occhio della gente, grazie anche alla reazione di Vittorio. Accanto ai Costa, vive la famiglia Strano, di origine siciliana in cerca di fortuna, formata da Salvatore e Teresa e il ventenne Bernando, i due gemellini, e il piccolo “Ciccio”. Benedetta è confusa, perché è stata colpita dal fascino del giovane Bernando, e tra i due scatta un bacio in una gita in montagna tra le due famiglie. Vittorio trova lavoro all'Italiavox, però è costretto a nascondere una valigetta con i documenti compromettenti dell’azienda in casa e spesso deve uscire, nel cuore della notte, per portarli in ufficio all’efficiente Mirna che così può eludere la presenza della Finanza che, durante il giorno, continua a presidiare l’Italiavox. Anna equivocando gli strani spostamenti e l’atteggiamento sfuggente di Vittorio, teme che abbia un’amante. Quando finalmente il mistero viene chiarito, Anna si scusa con Vittorio per aver dubitato di lui e si augura di poter ritrovare la serenità perduta. Vittorio però non è contento di continuare a nascondere tutto ciò, quindi decide di non lavorare più lì; il caso vuole che avrà a che fare con la libreria del signor Motta che non gli dà nessuna soddisfazione, e ha pure intenzione di vendere la libreria e non sa cosa farsene di un collaboratore. Vittorio è quindi di nuovo disoccupato e deve accontentarsi di un umile lavoro da magazziniere, mentre Anna ha vinto il concorso magistrale e quindi, alla riapertura delle scuole, potrà insegnare. Benedetta e Bernardo si lasciano. All'improvviso spunta Francesca, ancora risultante signora Costa, che cerca di tranquillizzare Vittorio dicendo che non ha intenzione di interferire nella sua vita, ma il suo atteggiamento è ambiguo e per nulla rassicurante. L’avvocato di Vittorio gli consiglia di essere prudente, di cercare di mantenere buoni rapporti con la moglie per evitare di mandare all’aria l’annullamento tanto auspicato. Benedetta e Bernardo si rincontrano e i due sentono la loro vecchia potente attrazione e fanno l’amore; Bernardo però è consapevole di quanto il loro rapporto sia impari, di quanto le loro aspirazioni siano diverse, ma sa anche di amarla profondamente. Decide quindi di rompere il fidanzamento con Angelica, promessa sposa decisa dal padre, e di andare a lavorare in Germania, il più lontano possibile da Benedetta....

Seconda stagione: Questo nostro amore 70[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Questo nostro amore (seconda stagione).

Terza stagione: Questo nostro amore 80[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Questo nostro amore (terza stagione).

Attualmente[quando?] si sta girando la terza stagione, ambientata negli anni 80. [1] Le riprese dovrebbero terminare a dicembre del 2016.


Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV Italia
Prima stagione 6 2012
Seconda stagione 6 2014

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nata col titolo di Tutti i giorni della mia vita[2], poi cambiato in Questo nostro amore, la serie è una coproduzione Rai Fiction e Paypermoon con la regia di Luca Ribuoli, su un soggetto di Stefano Bises (già autore di Tutti pazzi per amore e Una grande famiglia) ed Elena Bucaccio, che hanno anche firmato la sceneggiatura con Francesco Cioce e Fidel Signorile.

Luca Ribuoli ha dichiarato di essersi ispirato alla commedia all'italiana, in particolare ad alcuni film degli anni sessanta che, secondo lui, rappresentano lo specchio della società italiana di quegli anni[3].

Il direttore della rai Eleonora Andreatta conferma la realizzazione della terza stagione. La trama sarà ambientata negli anni '80. Sono in corso le riprese.

Location[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La sigla della prima stagione è Questo nostro amore di Rita Pavone, canzone del 1967, sostituita nella seconda stagione da One Way Lie della cantautrice australiana Nadéah.

Nella colonna sonora della prima stagione colonna sono incluse Notte di ferragosto di Gianni Morandi, Io ti darò di più di Ornella Vanoni, Ciao amore, ciao di Luigi Tenco, Fortissimo di Rita Pavone, Il mondo è con noi dei Dik Dik, Che colpa abbiamo noi dei The Rokes.

Per la seconda stagione: Ma che freddo fa di Nada, Venus dei Shocking Blue, Se perdo anche te di Gianni Morandi, Un pugno di sabbia dei Nomadi, Vent'anni di Massimo Ranieri; Whatever lovers say, At the moment, Suddenly afternoon, Hurricane Katrina, Song I just wrote, Even quadriplegics get the blues, Odile, Tell me, Get out your head, Darling monitor, Sunshowers, Sadie Mercedes, Kansas rough master, Sun for my eyes e One way lie di Nadeah; Children's panic, Forever free, Papapa, Never, I Said yeah e Little Poor Girl della band romana Grannies Club, tratti dagli album One night Stand - Teen Sound (2009) e Wait&See (2011).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione