Stefano Santospago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Stefano Santospago (Roma, 13 febbraio 1954) è un attore e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma, ha recitato principalmente in teatro, lavorando con alcuni tra i maggiori registi e nei più importanti teatri italiani a partire dalla metà degli anni settanta.

Ha esordito nel centro multiculturale “Il Politecnico”, in compagnia di Giorgio Pressburger, Giancarlo Sammartano e Amedeo Fago. Nel 1976 l'incontro con Antonio Calenda, poi Augusto Zucchi, molte volte con Mario Missiroli, Ulisse e la balena bianca dal Moby Dick, diretto e interpretato da Vittorio Gassman. Una stagione al Sistina con la commedia musicale “A che servono gli uomini”, regia di Pietro Garinei con musiche di Giorgio Gaber, Giuseppe Patroni Griffi (“Metti una sera a cena”, “Nata ieri”), “Orgia” di Pier Paolo Pasolini, Luca Ronconi nello spettacolo “Infinities”, e poi in una trilogia classica a Siracusa.

È stato protagonista in numerosi spettacoli diretti da Cesare Lievi: Tradimenti di Harold Pinter, Il principe di Homburg di Heinrich von Kleist, Alcesti di Euripide. Ha partecipato come protagonista a due regie di Marco Sciaccaluga, Intrigo e amore di Friedrich Schiller e Il gabbiano di Anton Cechov. Protagonista ne “Il vecchio e il mare”, “L’ultima notte del Rais” in cui interpreta il ruolo di Gheddafi e “La divina Sarah”, entrambi diretti da Daniele Salvo.

Ha partecipato a dieci messe in scena nell'ambito delle rappresentazioni classiche nel Teatro greco di Siracusa, dal Prometeo e Le rane, regia di Luca Ronconi, Orestiade, regia di Pietro Carriglio, Edipo a Colono, regia di Jannis Kokkos, Le baccanti, regia della Fura dels Baus, Le nuvole diretto da Antonio Calenda, Ifigenia in Tauride, regia di Jacopo Gassman.

Ha preso parte a numerose produzioni televisive e cinematografiche. Fra i suoi lavori più importanti: i film Ricordati di me di Gabriele Muccino nel 2003, Cuore sacro di Ferzan Özpetek nel 2005, Un gioco da ragazze con la regia di Matteo Rovere, Heaven di Tom Tykwer con Cate Blanchett.

In televisione è apparso nelle fiction Donna detective con la regia di Cinzia TH Torrini, Caterina e le sue figlie 2 con la regia di Fabrizio Terracciano, Tutti per Bruno con Claudio Amendola con la regia di Francesco Pavolini. Ha interpretato il ruolo di Francesco Fontamara nella serie televisiva Il peccato e la vergogna (2010-2014) ed è stato tra i protagonisti di Suburra - La serie.

Negli anni ottanta ha condotto la prima edizione del quiz televisivo Help! e del programma di intrattenimento domenicale Buona Domenica.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]