Chiesa di San Stae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di San Stae
Chiesa di San Stae Venezia Facciata.jpg
La facciata dal Canal Grande
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
LocalitàVenezia-Stemma.png Venezia
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareEustachio
ArchitettoDomenico Rossi, Giovanni Grassi
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzioneXII secolo
Completamento1708

Coordinate: 45°26′28.74″N 12°19′50.41″E / 45.441317°N 12.330669°E45.441317; 12.330669

La chiesa di San Stae (o chiesa di Sant'Eustachio e Compagni martiri) è un luogo di culto cattolico di Venezia, già sede dell'omonima parrocchia, situato nel sestiere di Santa Croce, nel campo omonimo, e dedicato a Sant'Eustachio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È ancora da chiarire l'origine della chiesa. Secondo Giuseppe Cappelletti, sarebbe stata edificata da Obelario, primo vescovo di Olivolo, verso la fine dell'VIII secolo. Le cronache, invece, affermano che fu fondata nel 966 dalle famiglie Tron, Zusto e Adoaldo. Tuttavia, il cronista Andrea Dandolo, che descrisse il grave incendio del 1105, non la menziona e la prima testimonianza certa è un documento del 1127, dove è ricordata come parrocchia filiale di San Pietro. Nel 1331 è invece ricordata come collegiata.

La chiesa venne riedificata nella sua forma definitiva su impulso del doge Alvise II Mocenigo, poi sepolto nella chiesa stessa. Secondo quanto riportano i resoconti delle visite pastorali del Settecento, San Stae era una parrocchia popolosa, ricca e vitale e i suoi parroci erano anche canonici della basilica di San Marco. Con gli editti di Napoleone, divenne rettoria di San Cassiano, ma tornò parrocchiale nel 1953. Tuttavia, venne nuovamente soppressa nel 1965. Dall'anno successivo è una rettoriale indipendente[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Facciata[modifica | modifica wikitesto]

La facciata barocca, ma d'ispirazione palladiana, fu realizzata secondo il disegno del 1709 di Domenico Rossi, il prescelto tra i dodici progetti inviati a concorso[2]. È tripartita da un ordine gigante di semicolonne posate su alti basamenti e conclusa ai lati da due brevi ali – più basse e leggermente arretrate – nell'ordine minore. Dall'alto dei fasci estremi delle ali – formati da pilastri e semicolonne posati direttamente sullo zoccolo – parte un trabeazione ritmica che intreccia la facciata fino a formare la base del timpano del portale. Corona la parte centrale il timpano forato da un elaborato rosone. Muovono ulteriormente la facciata le ricche sculture opera dei principali artisti dell'epoca, tra i quali Antonio Tarsia, Giuseppe Torretto, Francesco Cabianca, Pietro Baratta e Antonio Corradini. A quest'ultimo autore sono certamente attribuite le tre delle statue acroteriche del timpano, la Fede, la Speranza ed al centro il Redentore[3]. Al sommo delle ali stanno altre due statue, a sinistra la Carità ed a destra un'altra figura femminile non identificabile.

Al centro della facciata sta il complesso portale formato da un arco circondato da semicolonne e e semipilastri che ripetono il motivo delle ali innestandosi direttamente sullo zoccolo e la gradinata. Culmina il complesso un frontone a timpano spezzato sormontato, al centro, da un movimentato gruppo marmoreo della gloria di angeli che sostiene un cartiglio raffigurante il miracolo della conversione di Eustachio (opera probabilmente del Torretto) ed, ai lati, dalle pacate figure allegoriche della Pazienza e della Mansuetudine. Un ardito putto con cartiglio spunta dalla chiave di volta dell'arco, opera probabile di Giuseppe o Paolo Groppelli[4].

Ai lati della facciata due nicchie con le statue di Sant’Osvaldo (del Torretto) e San Sebastiano (del Baratta[5]) sormontate, oltre la trabeazione, da due bassorilievi con le storie del martirio di Eustachio: Eustachio e i suoi famigliari risparmiati dalle fiere e il Martirio di Eustachio e dei suoi famigliari nel toro di bronzo arroventato.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Lato destro della navata

Il progetto dell'interno, la cui realizzazione iniziò nel 1678, è opera dell'architetto Giovanni Grassi. La struttura è a navata unica con soffitto a volta e, scandite da semicolonne di ordine composito, tre cappelle per ciascun lato ed un grande presbiterio. Le strutture degli altari delle cappelle sono tutte impostate ad una certa severità: due semplici dritte colonne sormontate da un timpano con due angeli accosciati ai lati ed un putto al centro, in marmo pressoché monocromo.

Al centro del pavimento della navata giace la grande pietra tombale di Alvise II Mocenigo, contornata semplicemente da commessi a forma di scheletri ed ossa e recante soltanto la scritta Nomen et cineres una cum vanitate sepulta. Il Doge volle per testamento esservi sepolto in abito da cappuccino[6].

Le quattro statue in marmo nelle nicchie ai lati del presbiterio e, in controfacciata, ai lati dell'organo, raffigurano San Marco, un santo Papa e due santi vescovi.

Cappelle di destra[modifica | modifica wikitesto]

  • prima cappella: pala de La Madonna ed i Santi Lorenzo Giustiniani, Francesco d'Assisi e Antonio da Padova di Niccolò Bambini (1710 ca.);
  • seconda cappella: pala della Conversione miracolosa di Sant'Eustachio di Giuseppe Camerata (dopo il 1710), una delle pochissime opere sopravvissute dell'autore[7];
  • terza cappella (dal 1711 altare della Scuola dei Tiraoro e Battioro[8]): Sant'Osvaldo in gloria di Antonio Balestra (1710 ca.).

Presbiterio[modifica | modifica wikitesto]

Presbiterio e altare maggiore

Il monumentale altare si sviluppa attorno al grande tabernacolo a forma di tempietto inserito in una nicchia di marmo scuro contornata da un ordine minore di colonne e sormontata da un timpano centinato. Attorno a questo è la struttura dell'ordine maggiore con colonne binate chiusa dal timpano. Sopra al timpano angioletti con turiboli ed angeli inginocchiati guardano il gruppetto centrale di cherubini che sostiene in grande calice dorato del sacramento. L'effetto scenografico è completato dall'affresco nella lunetta retrostante: dietro i raggi dell'ostia spuntano luminose nubi gialle a contrasto con la grisaglia pullulante di cherubini. Sul paliotto a bassorilievo un Cristo deposto e angeli del Torretto. Sui basamenti delle quattro colonne esterne di nuovo le Virtù teologali, bassorilievo di un anonimo: se le due a sinistra e quella all'estrema destra sono chiaramente identificabili come Virtù Teologali dagli attributi canonici – l′ancora per la Speranza, la grande croce per la Fede e i bambini per la Carità – resta difficile l'assegnazione della rimanente virtù accessoria che porta un ramoscello ed una piccola croce.

Le pareti laterali del presbiterio ospitano un cospicuo ciclo di pitture dedicate ai dodici apostoli realizzate grazie al lascito del patrizio Andrea Stazio[8], cui si aggiungono due inserti più tardi di tema eucaristico commissionati dalla Scuola del Santissimo[9]. I dipinti, incorniciati e collegati tra loro da decorazioni a stucco con cherubini e volute floreali, sono tutti di diversi autori e costituiscono un importante compendio della pitture veneziana del primo settecento.

Sul soffitto il grande ovale su tela de Le Virtù e due confratelli della Scuola del Santissimo Sacramento di Bartolomeo Litterini (1708) già attribuito a Sebastiano Ricci[10].

Cappelle di sinistra[modifica | modifica wikitesto]

  • prima cappella (Cappella Foscarini): è l'unica in questa chiesa adibita alla celebrazione di una famiglia patrizia, i Foscarini: sull'altare il Crocifisso, scultura di Giuseppe Torretti (1710 ca.); sulle pareti laterali i busti commemorativi di Sebastiano Foscarini del Torretto, Antonio Foscarini di Antonio Tarsia, Ludovico Foscarini di Pietro Baratta e di Girolamo Foscarini di Paolo Groppelli;
  • seconda cappella: Pala dell'Assunta di Francesco Migliori (dopo il 1722), unico altare tra le cappelle con un paliotto a bassorilievo con una curiosa scena di angeli e putti musicanti e danzanti ed il cartiglio centrale dalla scritta "Assumpta est Maria in Coelum";
  • terza cappella a sinistra: pala dei Santi Caterina e Andrea di Jacopo Amigoni (1719).

Sagrestia[modifica | modifica wikitesto]

Si accede dalla porta a sinistra del presbiterio. A destra, sulla parete di fondo, si trova il dipinto seicentesco Cristo Morto di Pietro della Vecchia. Procedendo in senso antiorario si trova il tondo anonimo Miracolo del cieco nato, seguono le due grandi tele Traiano ordina a Eustachio di sacrificare agli idoli di Giambattista Pittoni (dopo il 1753) e Traiano ordina ad Eustachio di combattere di scuola tiepolesca attribuibile a Giustino Menescardi[10] (dopo il 1753). Sull'altare si trova la pala seicentesca della Crocifissione e le Pie Donne di Maffeo Verona e sulla parete sinistra Sant′Eustachio in prigione di Bartolomeo Litterini seguito da un altro tondo, in pendant con quello di fronte, una Predica di Cristo. Sul soffitto una Resurrezione di scuola tedesca del XVII secolo. Subito sotto al soffitto corre un lungo fregio dipinto predisposto ad accogliere i ritratti dei pievani, è rimasto però inutilizzato dopo i primi[8].

Organo[modifica | modifica wikitesto]

Organo Callido

In controfacciata si trova il grande organo a canne di Gaetano Callido (1772, opus 75, 1 tastiera e 15 registri)[11]. L'ampia cantoria e al cassa sono riccamente decorate con festoni, motivi vegetali, cherubini e angeli musicanti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Informazioni dal Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 15 dicembre 2015.
  2. ^ Perocco p. 1044
  3. ^ Rossella Vodret Adamo, Antonio Corradini, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 18/3/2017.
  4. ^ Maria Elena Massimi, Groppelli, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 18 marzo 2108.
  5. ^ Hugh Honour, Pietro Baratta, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 18 marzo 2108.
  6. ^ Gino Benzoni, Alvise Mocenigo, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 1º settembre 2017.
  7. ^ Nicola Ivanoff, Giuseppe Camerata, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 18/3/2018.
  8. ^ a b c Chorus
  9. ^ SIUSA | Ecclesiae Venetae - Scuola del Santissimo Sacramento in Parrocchia di Sant'Eustachio Stae di Venezia, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 18 marzo 2018.
  10. ^ a b Lorenzetti, p. 474
  11. ^ Sandro Dalla Libera, L'arte degli organi a Venezia, Venezia-Roma, Fondazione Giorgio Cini-Istituto per la collaborazione culturale, 1962, pp. 154-155

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gino Bortolan, Le chiese del Patriarcato di Venezia, Venezia, 1975.
  • Giulio Lorenzetti, Venezia e il suo estuario, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1963.
  • Guido Perocco e Antonio Salvadori, Civiltà di Venezia, Venezia, Stamperia di Venezia, 1976.
  • Ennio Concina e Elisabetta Molteni, Le chiese di Venezia: l'arte e la storia, Udine, Magnus, 1995.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN157183362 · LCCN (ENn85381270 · GND (DE2165190-5 · ULAN (EN500312372