Palazzo Memmo Martinengo Mandelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo Memmo Martinengo Mandelli
Ca' Memmo.jpg
Il prospetto laterale del palazzo Memmo Martinengo Mandelli
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Località Venezia
Indirizzo sestiere di Cannaregio
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione XVIII secolo

Palazzo Memmo Martinengo Mandelli è un palazzo di Venezia, ubicato nel sestiere di Cannaregio, affacciato sul lato sinistro del Canal Grande, tra il Palazzo Gritti Dandolo e la Chiesa di San Marcuola

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costruito durante il XVIII secolo e ristrutturato durante il successivo, fu dimora di Andrea Memmo, eletto procuratore nel 1775, ma noto soprattutto per la sua amicizia con Giacomo Casanova. Ospitò uffici pubblici: l'Ufficio Distrettuale delle Imposte dirette, la Direzione Regionale delle Entrate ed ora la Corte dei Conti.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Caratterizzato dal presentare per ognuno dei tre livelli l'apertura più importante (finestra più larga delle altre o portale) spostata sul lato sinistro del prospetto, la sua facciata appare suddivisa in livelli grazie all'utilizzo di cornici e fasce in pietra d'Istria, che collegano davanzali, finestre, architravi. Il piano terra è a bugnato. Il palazzo si sviluppa in profondità e presenta sia una corte centrale, sia un giardino.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Brusegan, I palazzi di Venezia, Roma, Newton & Compton, 2007, pp. 234-235, ISBN 978-88-541-0820-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]