Palazzo Erizzo Nani Mocenigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Erizzo Nani Mocenigo
Palazzo Nani Mocenigo gran canal san marco.jpg
La facciata principale
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàVenezia
Coordinate45°26′04.42″N 12°19′40.19″E / 45.43456°N 12.32783°E45.43456; 12.32783Coordinate: 45°26′04.42″N 12°19′40.19″E / 45.43456°N 12.32783°E45.43456; 12.32783
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1470 - 1480
Stilegotico - veneziano
PianiTre più sottotetto

Palazzo Erizzo Nani Mocenigo è un edificio civile veneziano sito nel sestiere di San Marco e affacciato sul Canal Grande tra Palazzo Da Lezze e Palazzo Contarini delle Figure.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu costruito dalla famiglia Erizzo nel 1480 in stile gotico e passò alla famiglia Nani (poi Nani Mocenigo) nel 1537.[1]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La facciata su Canal Grande, realizzata in mattone e nel complesso ben conservata, si divide verticalmente in tre sezioni, ognuna delle quali presenta decorazioni di matrice tardogotica. Non sono rari i fioroni apicali, gli archi trilobati, le cornici dentellate, i capitelli di forma corinzia. L'elemento più interessante della composizione è la quadrifora del primo piano nobile, contraddistinta da un poggiolo di pregio eccezionale, sostenuto da mensole elaborate e decorato con figure zoomorfe, riprese anche in altri elementi. Fanno da cornice gli spigoli in pietra d'Istria, il marcapiano e due stemmi della famiglia Da Lezze. Elemento pregevole ma in netto disaccordo con gli altri elementi è il portale ad acqua a tutto sesto, realizzato in forme rinascimentali.[2]

La facciata posteriore, prospiciente un ampio giardino e decorata con patere zoomorfe, è caratterizzata da due trifore centrali, alle quali fanno da contorno varie monofore. Elemento caratteristico del complesso è anche la presenza di un grande e recente abbaino, sintomo di un ampliamento posteriore che portò all'apertura di numerose terrazze sopra al tetto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Marcello Brusegan, I Palazzi di Venezia, Roma, Newton & Compton, 2007, ISBN 978-88-541-0820-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]