Palazzo Michiel del Brusà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Michiel del Brusà
Palazzo Michiel del Brusà.JPG
La facciata sul Canal Grande
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàVenezia
IndirizzoStrada Nova
Coordinate45°26′24.36″N 12°20′07.8″E / 45.4401°N 12.3355°E45.4401; 12.3355Coordinate: 45°26′24.36″N 12°20′07.8″E / 45.4401°N 12.3355°E45.4401; 12.3355
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Distruzione1774
Ricostruzione1777
Stilegotico ricostruito
UsoPrivato
Pianiquattro
Ascensori1
Realizzazione
Proprietario storicoFamiglia Michiel

Palazzo Michiel del Brusà è un palazzo sito a Venezia, più precisamente nel sestiere di Cannaregio, e affacciato sul Canal Grande. Si trova tra palazzo Michiel dalle Colonne e palazzo Smith Mangilli Valmarana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1774 il palazzo fu colpito e devastato completamente da un incendio dovuto all'incuria di una domestica: venne ricostruito in seguito grazie a finanziamenti elargiti dalla Repubblica Serenissima di Venezia in i virtù di antichi meriti della famiglia. Sulla facciata vi è la seguente iscrizione, a memoria dell'evento: QUOS IGNIS CONSUMPSIT PATRIA MEMENTA MOJORUM NEPOTIBUS PATRIOS LARES RESTITUIT S.E. VIDUS IANUARIJ 1777. [1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il prospetto principale è caratterizzato da tripartizione e simmetria, come tipico del palazzo veneziano. Elementi importanti della facciata sono i due portali ad acqua posti al pianterreno e le quadrifore arricchite dagli usuali fioroni gotici trilobati sulla cuspide dell'arco. Tutti i fori presenti in facciata sono caratterizzati da una grande estensione; sono numerosi i balconi aggettanti, utilizzati sia per quanto riguarda le monofore sia per quanto concerne le polifore.

Gli interni sono arricchiti da decori a stucco e a fresco, realizzati in gran parte da Jacopo Guarana. Si segnala pure la presenza di un importante portale a terra aperto lungo la Strada Nova.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brusegan, p. 237.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]