Palazzo Moro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Palazzo Moro (disambigua).
Palazzo Barbini-Moro
Palazzo Moro a San Barnaba (Venice).jpg
La facciata anteriore
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàVenezia
Coordinate45°25′58.15″N 12°19′37.02″E / 45.43282°N 12.32695°E45.43282; 12.32695Coordinate: 45°25′58.15″N 12°19′37.02″E / 45.43282°N 12.32695°E45.43282; 12.32695
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzioneinizio XVI secolo
Stilerinascimentale
Pianiquattro
Realizzazione
Proprietario storicoCristoforo Moro

Palazzo Moro a San Barnaba, frequentemente citato anche come Palazzo Guoro o Barbini-Moro, è un edificio di Venezia affacciato sul Canal Grande e sito nel sestiere di Dorsoduro, nella parrocchia di San Barnaba, a fianco a Palazzo Loredan dell'Ambasciatore e a Palazzetto Stern.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, eretto su una precedente struttura gotica, risale ai primi anni del XVI secolo ma è stato pesantemente ristrutturato durante il XIX secolo. La tradizione ha identificato il palazzo come la casa di Otello, personaggio dell'omonima tragedia di William Shakespeare: si ipotizza questo personaggio sia in realtà stato elaborato sulla base di Cristoforo Moro, futuro doge dalla sfortunata vita familiare[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo è contraddistinto da una facciata chiara, sobria, quasi minimalista per i tempi, senza alcun elemento decorativo. Unici elementi di pregio sono le due quadrifore, simili per aspetto, contraddistinte da balcone e da semplici elementi floreali all'apice e lo scarno portale ad acqua. Il restante apparato decorativo presenta una prevalenza di monofore e solo qualche rara bifora sulla facciata laterale, che appare se possibile ancora più spoglia ed asettica: unici elementi degni di nota sono il portale ad acqua e la sovrastante bifora.

Il palazzo presenta varie corti interne di piccole dimensioni, sulla più ampia delle quali si affaccia una trifora.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brusegan, p. 257-258

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN269378878