Palazzo Dandolo Paolucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo Dandolo Paolucci
Palazzo Dandolo Paolucci Canal Grande Venezia.jpg
La facciata sul Canal Grande, a fianco di Palazzo Civran Grimani
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
LocalitàVenezia
Indirizzosestiere di San Polo
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVII secolo
La corte posteriore

Palazzo Dandolo Paolucci è un edificio civile veneziano sito nel sestiere di San Polo e affacciato sul Canal Grande tra Palazzo Dolfin e Palazzo Civran Grimani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costruito nel XVII secolo sul sito di un precedente edificio gotico, è stato pesantemente rimaneggiato nelle epoche successive. Nel 1924 venne realizzata una grande terrazza.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Caratterizzato da una particolare pianta complessa, articolata attorno a una corte centrale,[1] e da un'architettura essenziale, presenta un portale ad acqua che immette nella pregevole corte colonnata, posta sul retro e recante vera da pozzo. Elementi di pregio della facciata principale sono invece i portali ad acqua gemelli, che testimoniano un uso bifamiliare del palazzo, e le quadrifore impilate, leggermente spostate sulla destra. Presenta pure una terrazza moderna, sita all'ultimo piano, sopra la linea di gronda.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La piantina dell'ultimo piano Archiviato il 2 febbraio 2014 in Internet Archive.
  2. ^ Brusegan, p. 105

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]