Palazzo Soranzo Piovene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Soranzo Piovene
Palazzo Soranzo Piovene Cannaregio Canal Grande Venezia.jpg
Palazzo Soranzo Piovene
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
LocalitàVenezia
Indirizzosestiere di Cannaregio
Coordinate45°26′32.86″N 12°19′51.06″E / 45.442462°N 12.33085°E45.442462; 12.33085Coordinate: 45°26′32.86″N 12°19′51.06″E / 45.442462°N 12.33085°E45.442462; 12.33085
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Usosede della Guardia di Finanza
Pianitre

Palazzo Soranzo Piovene è un palazzo di Venezia, sito nel sestiere di Cannaregio ed affacciato sul Canal Grande tra Palazzo Molin Erizzo e Palazzo Emo, oggi sede della Guardia di Finanza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio risale, stilisticamente, ai primi decenni del XVI secolo.[1] Il palazzo venne acquisito dai Soranzo e passò ai Piovene per via del matrimonio tra Cecilia Soranzo e Girolamo Piovene, celebrato nel 1760.[2] Oggi è in parte sede del Comando Interregionale per l'Italia Nord Orientale della Guardia di Finanza, che occupa il piano nobile e il mezzanino.[2] La parte restante del palazzo, sviluppata attorno al cortile centrale e sul retro di questo, è costituita da residenze private.[2]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto è tradizionalmente attribuito a Sante Lombardo.[1] Il fronte principale è caratterizzato dalla sovrapposizione di due trifore, affiancate sulla destra da due monofore e sulla sinistra da una sola. Questo elemento è piuttosto anomalo, se raffrontato al modello offerto dalla maggior parte degli edifici veneziani, che rispettano la tripartizione simmetrica sia in verticale che in orizzontale.[1] Troviamo sempre in facciata sei decorazioni a targhe o cerchi incorniciati.

All'interno, notevoli sono l'atrio e la scala. Nel portego del piano terra si trova un piccolo teatro.[2] Il palazzo è arricchito da un cortile interno con pozzo, sul retro del quale si sviluppa una seconda ala. È presente anche un giardino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Brusegan, p. 340.
  2. ^ a b c d Palazzo Soranzo Piovene su venicewiki.org

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Brusegan, I palazzi di Venezia, Roma, Newton & Compton, 2007, ISBN 978-88-541-0820-2.
  • Mario Canato, Maria Teresa Pasqualini Canato, I Molin al traghetto della Maddalena e il loro palazzo, Venezia, Marsilio, 2015, ISBN 978-88-317-2405-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]