Foscarini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Foscarini (disambigua).
Foscarini
CoA fam ITA foscarini.png
D'oro, alla banda di fusi accollati d'azzurro[1].
Statobandiera Repubblica di Venezia
TitoliPatrizi veneti
EtniaItaliana

I Foscarini furono una famiglia patrizia veneziana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Come per altre casate dell'aristocrazia della Repubblica di Venezia, sulle origini dei Foscarini le cronache hanno tramandato leggende non confermate dalle fonti storiche. Si dice che fossero originari di Altino o di Padova e che, giunti in Laguna nell'867, avessero dato al governo dell'antico Ducato dei tribuni. Inoltre, in origine si sarebbero chiamati Cobeschini, mutando il cognome in occasione della serrata del Maggior Consiglio[2][3].

Di certo si tratta di una famiglia molto antica, infatti nel 1090 è attestato un giudice Foscarini[4]; tuttavia riuscì ad affermarsi solo tra il Duecento e il Trecento, in occasione dell'espansione veneziana in Oriente (in particolare a Candia e Corfù), e nel corso della guerra di Chioggia[5].

Tra i membri più illustri spiccano Ludovico (1409 - 1480), politico e letterato, Giacomo (1523 - 1603), diplomatico e militare, e Marco (1696 - 1763), doge dal 1762 alla morte[5].

Foscarini ai Carmini[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Foscarini ai Carmini.

Si diramarono dai Foscarini "di San Polo" nella prima metà del Quattrocento: in questo periodo visse il primo membro noto, Bernardo, eletto procuratore nel 1431[6]. Inizialmente dimoranti a Santa Fosca, si costruirono poi una nuova residenza di fronte alla chiesa dei Carmini con Andrea (nato nel 1499) e l'omonimo figlio (nato nel 1522)[6].

Fu il ramo più ricco e importante[7][8], tuttavia finì per estinguersi nel 1745 con la morte del procuratore Pietro. I cospicui beni di famiglia passarono, come da testamento, ai Foscarini "San Stae", pur non esistendo rapporti di stretta parentela tra i due rami[9][10].

Foscarini di San Stae[modifica | modifica wikitesto]

Il ramo residente nel palazzo di San Stae si originò dai Foscarini "di San Polo" sempre nel Quattrocento[6], ma si distinse per ricchezza e prestigio solo dalla fine del Seicento. Nel 1595, infatti, la famiglia aveva subito un tracollo finanziario per gli eventi legati alla guerra di Cipro[11]; successivamente si erano consumati i casi di Alvise di Girolamo (1628 - 1664) e di Nicolò di Alvise (1647 - 1671), l'uno morto a Mantova dove era stato esiliato per un delitto passionale, l'altro assassinato dal nobile Giovanni Mocenigo per futili motivi[12]. Le loro sorti si risollevarono grazie alle folgoranti carriere di Sebastiano di Alvise (1649 - 1711) e di Nicolò di Nicolò (1671 - 1752), favorite dalle parentele influenti (il secondo era figlio di Ruzzina Ruzzini, sorella del doge Carlo)[9] e dalle aumentate disponibilità finanziarie: nel 1740, infatti, il procuratore Pietro Foscarini, ultimo del ramo "ai Carmini", li designò suoi eredi (benché tra le due linee non sussistessero rapporti di vicina parentela), con la clausola che si trasferissero nel suo palazzo di Dorsoduro assumendo a loro volta la specifica "ai Carmini"[9][10][13].

Questa situazione portò la famiglia all'apice del prestigio - si veda l'ascesa di Marco di Nicolò (1696 - 1763) al soglio ducale -, ma al contempo ne minò la solidità economica a causa dell'aumento degli impegni politici e mondani[13]. La situazione, aggravatasi a causa della loro stessa prodigalità (tra tutti si cita la scandalosa condotta di Giacomo di Sebastiano, confinato dagli Inquisitori di Stato nel castello di Brescia[13]), portò i Foscarini di San Stae a vendere la gran parte del proprio patrimonio[14].

Membri illustri[modifica | modifica wikitesto]

Architetture[modifica | modifica wikitesto]

Palazzi veneziani[modifica | modifica wikitesto]

Ville di terraferma[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Goffredo di Crollalanza, Enciclopedia araldico-cavalleresca, Pisa, presso la direzione del Giornale araldico, 1876-1877, p. 14.
  2. ^ Giuseppe Tassini, Curiosità Veneziane, note integrative e revisione a cura di Marina Crivellari Bizio, Franco Filippi, Andrea Perego, Venezia, Filippi Editore, 2009 [1863], p. 75.
  3. ^ Dizionario storico-portatile di tutte le venete patrizie famiglie, Giuseppe Bettinelli, 1780, p. 128.
  4. ^ Andrea Castagnetti, Il primo comune, in Storia di Venezia, Vol. 2 - L'età del comune - L'avvio, Treccani, 1995.
  5. ^ a b Roberto Cessi, da Carrara, in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1932. URL consultato il 19 maggio 2015.
  6. ^ a b c Ileana Chiappini di Sorio, L'apoteosi dei Foscarini nel palazzo ai Carmini, in Arte documento, nº 23, Edizioni della Laguna, 2007, pp. 202-209.
  7. ^ Renata Targhetta, Alvise Foscarini, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 49, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997. URL consultato il 20 maggio 2015.
  8. ^ Renata Targhetta, Alvise Foscarini, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 49, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997. URL consultato il 20 maggio 2015.
  9. ^ a b c Piero Del Negro, Marco Foscarini, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 49, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997. URL consultato il 19 maggio 2015.
  10. ^ a b Marco Foscarini, Della letteratura veneziana ed altri scritti intorno ad essa (introduzione di Ugo Stefanutti), Pisa, Arnaldo Forni Editore, 1876-1877, p. 14.
  11. ^ Roberto Zago, Girolamo Foscarini, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 49, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997. URL consultato il 19 maggio 2015.
  12. ^ Renata Targhetta, Nicolò Foscarini, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 49, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997. URL consultato il 19 maggio 2015.
  13. ^ a b c Giuseppe Gullino, Sebastiano Foscarini, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 49, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997. URL consultato il 19 maggio 2015.
  14. ^ Paolo Preto, Nicolò Filippo Foscarini, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 49, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997. URL consultato il 19 maggio 2015.
  15. ^ Nicolò Foscarini, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  16. ^ Giacomo Foscarini, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  17. ^ Antonio Foscarini, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  18. ^ Guglielmo Berchet Nicolò Barozzi, Relazione degli Stati europei lette al Senato dagli Ambasciatori veneti, Serie degli ambasciatori ordinari e straordinari inviati dalla Repubblica veneta alla Corte di Francia durante il secolo decimosettimo, Serie II Vol. I, Venezia 1857, p.421

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]