Guglielmo Berchet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guglielmo Berchet (Venezia, 3 giugno 1833Mestre, 15 giugno 1913) è stato un patriota, politico e storico italiano.

Nipote di Giovanni Berchet, appena quindicenne (1848) difese Venezia assediata dagli austriaci. Più tardi frequentò l'Università di Padova e, nonostante il conseguimento della laurea in giurisprudenza, si dedicò alla ricerca storica. Grazie all'amicizia con Niccolò Barozzi, entrò a far parte di un gruppo di studiosi che, spronati da Rinaldo Fulin, si accingevano a riscrivere la storia di Venezia, sino ad allora alterata da tradizioni e fraintendimenti, sulla base di indiscusse fonti archivistiche.

Il suo più rilevante lavoro fu l'edizione dei Diari di Marin Sanudo, alla quale, tra l'altro, accompagnò una prefazione.

Diresse (1866-1875) la Gazzetta di Venezia.

Per quanto riguarda la politica fu consigliere comunale e assessore a Venezia, Mestre e Mogliano Veneto.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Prefazione ai Diarii di Marino Sanuto, Venezia 1879-1902, pubblicati a cura di Rinaldo Fulin, Federico Stefani, Nicolò Barozzi, Guglielmo Berchet e Marco Allegri (e-book consultabile in internet su www.liberliber.it)
  • I Malatesta a Venezia, Tipografia del Commercio, Venezia 1862;
  • La Repubblica di Venezia e la Persia, Tipografia G. B. Paravia, Torino, 1865 (ebook su Progetto Gutenberg);
Controllo di autorità VIAF: (EN102316138 · BNF: (FRcb10462877c (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie