Marin Sanudo il Giovane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marin Sanudo conosciuto anche col nome italianizzato di Marino Sanuto il giovane (Venezia, 22 maggio 1466Venezia, 4 aprile 1536) è stato uno storico e politico italiano di origini veneziane, attivo come diarista e cronista a cavallo tra il XV e il XVI secolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Stemma presente su Palazzo Sanudo

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Venezia nella parrocchia di San Giacomo dall'Orio dall'illustre casato dei Sanudo. I Sanudo erano una famiglia di origine longobarda, risalente al nono secolo come i Candiani, che secondo molti storici e come afferma lo stesso Marin nelle Vite dei Dogi, erano la medesima famiglia, probabilmente rifugiatasi nella pianura veneta a seguito della conquista dei Franchi. La sua famiglia possedeva il Palazzo Sanudo sul Canal grande, quello che poi diverrà il Fontego dei Turchi e che oggi ospita il Museo di storia naturale della città lagunare.

Il padre, senatore della Serenissima, era Leonardo Sanudo, e morì nel 1476 mentre era a Roma quale oratore della Repubblica, lasciando il giovane Marin solo, all'età di dieci anni. Il ragazzo venne cresciuto dalla madre, con l'aiuto degli zii.

Compose il suo primo lavoro all'età di quindici anni nel 1481, il Memorabilia Deorum Dearumque opera, in latino, dedicata allo zio, che conosciamo attraverso la stessa citazione dell'autore nella sua Storia sulla guerra di Ferrara. Il giovane Marin nel 1483 accompagnò il cugino Mario, nominato come uno dei tre Sindici inquisitori in una spedizione nella terraferma veneziana da Bergamo ad Albona in Istria, dopo che la Repubblica aveva istituto questo ufficio nelle terre conquistate. Marin Sanudo colse l'occasione per documentare questo viaggio nel suo diario, dal quale poi produrrà l'opera Itinerario per la terraferma veneziana.

In questo viaggio, compiuto all'età di diciotto anni, il giovane Sanudo ebbe anche le sue prime esperienze amorose, lasciandone una delle opere più alte dei suoi componimenti in campo amoroso.

L'attività politica[modifica | modifica sorgente]

Il 23 ottobre 1484 ricevette la balla d'oro, ossia l'autorizzazione a poter accedere al Maggior Consiglio.

Sposò il 15 febbraio 1505 Cecilia Priuli di Costantino, vedova di Girolamo Barbarigo di Francesco, che aveva già una figlia, Elena, maritatasi nel 1510 a Vincenzo Malipiero di Andrea. Non ebbe figli legittimi, ma due figlie naturali, delle quali non è mai stato possibile risalire alle madri.

Negli anni tra il 1510 e il 1516 fu impegnato per la Repubblica in varie missioni, recuperando tasse nella varie città per finanziare le difese delle città stesse. Lo troviamo a Mestre, Treviso, Chioggia, Legnaro, Padova. In quegli anni documentò la nascente corruzione che negli anni delle guerre contro Genova (1509-1516) aveva cominciato a dilagare in seguito all'uso sempre più diffuso da parte del Senato veneziano di concedere il titolo di senatore a chi avesse versato ingenti somme: contestò duramente, e contribuì ad affossare, la proposta di legge di offrire le nomine al maggior offerente[1].

Di sé scrisse più tardi circa la sua esperienza politica:

« «La mia coscienza mi incitava a parlare, perché Dio mi ha dato buona voce, robusta memoria, e molta cognizione delle cose, avendo io studiato per anni i documenti di governo. Mi sembrava che avrei tradito me stesso, se non esprimevo la mia opinione su ciò di cui si discuteva» »
(Marin Sanudo nei suoi diarii[1])

I Diarii[modifica | modifica sorgente]

Poi nel 1516 non riuscì a essere rieletto e il suo dispiacere copre un'intera pagina del suo diario il 23 aprile di quell'anno. Si dedicò allora alla compilazione dei suoi diari e alla cura della sua biblioteca, dove egli stesso cita di aver volumi rari come le cronache di Altino, una cronaca della Storia di Venezia, alcune opere di Angelo Poliziano e Ovidio, anche perché amico del curatore Aldo Manuzio.

Altra delusione l'ebbe a causa di Andrea Navagero che, incaricato di redigere la storia di Venezia dal Senato, non lo interpellò: alla sua morte nel 1529, gli successe nell'opera Pietro Bembo. Solo nel 1531 il Senato riconobbe il lavoro di Sanudo, concedendogli un vitalizio di 150 ducati d'oro all'anno. Interruppe la cronaca dei suoi diari nel settembre 1533, perché gravemente malato. Morì nel 1536.

Principali opere[modifica | modifica sorgente]

Pagine manoscritte da Marin Sanudo

L'inizio della sua attività politica coincise con uno dei momenti più produttivi del giovane autore, che compilò componimenti e resoconti quali:

  • Notatorio di Collegio
  • Elenco degli ordini religiosi in Venezia
  • Lettera del Petrarca nuovamente ritrovata
  • Descrizione della Patria del Friuli
  • una raccolta di epitaffi ed epigrafi
  • Dissertazione sulle Metamorfosi di Ovidio
  • Vita dei Pontefici
  • un saggio di traduzione del Liber Secretorum fidelium crucis del suo illustre antenato Marino Sanuto detto Torsello.

Compose poi un'altra opera di rilevanza storica, La spedizione di Carlo VIII in Italia, che Marin Sanudo sentiva come un evento contemporaneo molto importante.

Ma la sua più grande fatica fu la composizione dei Diarii, un'opera non ancora completamente studiata, composta di 58 volumi. I Diarii sono una cronaca dettagliata dei fatti e degli avvenimenti susseguitisi nell'arco della sua vita, tra la fine del Quattrocento e i primi 30 anni del Cinquecento, redatta senza retorica, ma da attento cronista, descrivendo minuziosamente ciò che accadeva e i personaggi coinvolti, sia per la storia di Venezia che per le altre città di cui aveva notizia nel bacino del Mediterraneo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Frederic C. Lane, Storia di Venezia, Torino, Edizioni Einaudi, 1978, pag. 308-309: «Ai cittadini che incontravano la sua approvazione, e che versavano 2000 ducati, il Consiglio dei Dieci concedeva il titolo di Senatore, e l'ammissione in quell'organo sia pure senza diritto di voto.»

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gaetano Cozzi, Marin Sanudo Il Giovane, Dalla cronaca alla storia, in Ambiente Veneziano, Ambiente veneto, Venezia, Saggi Marsilio, 1997, pp. 87-108
  • Guglielmo Berchet, Prefazione ai Diarii di Marino Sanuto, in (a cura di) Rinaldo Fulin, Federico Stefani, Niccolò Barozzi, Guglielmo Berchet e Marco Allegri, I Diarii di Marino Sanuto, Venezia, Stabilimento Visentini cav. Federico – Editore, 1879-1902
  • Angela Caracciolo Aricò, Marin Sanudo il giovane: le opere e lo stile, in STUDI VENEZIANI, vol. N.S. LV (2008), pp. 351-390. ISSN 0392-0437

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 71431194 LCCN: n00029413 SBN: IT\ICCU\VIAV\002366