Oratoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Oratore)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Arte oratoria" rimanda qui. Se stai cercando l'arte oratoria presso i latini, vedi Ars oratoria.

L'oratoria è l'arte del parlare in pubblico. Viene spesso confusa con la retorica ciceroniana, cioè l'arte del parlare e del persuadere con le parole. In questi termini, l'oratoria appare avere un ambito di utilizzo più ristretto, dato che la retorica ha trovato applicazione anche nella scrittura e ha assunto una fisionomia sfumata, misurandosi in questa veste con altre discipline come linguistica, logica, filosofia del diritto e critica letteraria. La definizione di 'oratoria' è rimasta invece più stabile nel tempo, anche se molte delle analisi e le ricostruzioni concernenti la retorica, che è comunque sorta come una raccolta di principi per l'organizzazione del discorso nel contesto dell'attività giudiziaria, riguardano allo stesso modo l'oratoria.[1][2][3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini greche[modifica | modifica wikitesto]

Le origini dell'oratoria sono rintracciabili già in poemi omerici, dove appaiono chiaramente definite figure di importanti oratori. Temi rilevanti per la grande oratoria politica sono già trattati dalle elegie di Tirteo (VII secolo a.C.) e Solone (VII-VI secolo a.C.). Con Erodoto e poi Tucidide (V secolo a.C.) si hanno testimonianze indirette della pratica oratoria: l'uso di inframezzare la narrazione storica riportando celebri discorsi pubblici ne attesta la rilevanza politica. I biografi e gli storici testimoniano dell'alto livello del discorso politico, anche se non ci sono giunti i discorsi dei grandi uomini politici dell'epoca, come Temistocle e Pericle. I sofisti Gorgia e Trasimaco definirono per l'oratoria principi di stile e di composizione che ne qualificarono lo statuto propriamente artistico. La filologia ellenistica individuò dieci oratori canonici, vissuti ad Atene tra il tardo V secolo e il V secolo a.C.: Antifonte, Andocide, Lisia, Isocrate, Iseo, Eschine, Demostene, Iperide, Licurgo di Atene, Dinarco.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefano Arduini & Matteo Damiani, Dizionario di retorica, LabCom 2010, p. 140.
  2. ^ Lemma Retorica in Marchese, Dizionario, cit., p. 262.
  3. ^ Lemma retorica dal Vocabolario Treccani.
  4. ^ Lemma oratoria dall'Enciclopedia Treccani online.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]