Iseo (oratore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Iseo (in greco antico: Ἰσαῖος, Isâios; Calcide, 420 a.C. circa – Atene, 340 a.C. circa) è stato un oratore e logografo ateniese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Non si sa molto della vita di Iseo. Sebbene abbiano scritto a lungo di lui sia Dionigi di Alicarnasso[1] sia lo pseudo Plutarco della Vita dei dieci oratori[2], numerosi dubbi vi sono sia riguardo alle date che ai luoghi di nascita e di morte. Pochi i dati certi anche sugli eventi principali legati alla vita e alla professione. Nacque forse a Calcide, nell'isola di Eubea o ad Atene da Diagora, il cui nome non sembra essere ateniese. I dubbi sul luogo della sua nascita non ci permettono di sapere se egli fosse cittadino ateniese o meteco. Quel che è innegabile è che egli visse ad Atene, dove esercitò la professione di logografo[3]. Con ogni probabilità, fu discepolo di Isocrate e maestro di Demostene, che presumibilmente si rivolse a Iseo perché lo aiutasse nella causa contro i disonesti tutori Afobo ed Onetore.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Delle 64 orazioni giudiziarie attribuite ad Iseo dagli antichi[4], che tuttavia ne giudicavano 14 di dubbia autenticità, ne restano soltanto undici, di cui l'ultima incompleta; una dodicesima opera ("In difesa di Eufileto") ci è stata tramandata attraverso un lungo frammento dal De Isaeo Iudicium di Dionigi di Alicarnasso. Tranne quest'ultima, tutte le opere rimaste risaltano essere logoi klerikoi (λόγοι κληρικόι), ovvero orazioni trattanti questioni di eredità. Iseo è pertanto la fonte principale di conoscenza del diritto attico riguardante la successione. Egli peraltro è incluso nell'elenco dei dieci oratori attici del Canone alessandrino di Aristofane di Bisanzio e Aristarco di Samotracia. La maggiore delle orazioni di Iseo ("Per l'eredità di Cleonimo") fu scoperta nel 1815 da Angelo Mai.

  • Περὶ τοῦ Κλεωνύμου κλήρου (Per l'eredità di Cleonimo)
  • Περὶ τοῦ Μενεκλέους κλήρου (Per l'eredità di Menecle)
  • Περὶ τοῦ Πύρρου κλήρου (Per l'eredità di Pirro)
  • Περὶ τοῦ Νικοστράτου κλήρου (Per l'eredità di Nicostrato)
  • Περὶ τοῦ Δικαιογένους κλήρου (Per l'eredità di Diceogene)
  • Περὶ τοῦ Φιλοκτήμονος κλήρου (Per l'eredità di Filottemone)
  • Περὶ τοῦ Απολλοδώρου κλήρου (Per l'eredità di Apollodoro)
  • Περὶ τοῦ Κίρωνος κλήρου (Per l'eredità di Cirone)
  • Περὶ τοῦ Ἀστυφίλου κλήρου (Per l'eredità di Astifilo)
  • Πρὸς Ξεναίνετον περὶ τοῦ Ἀριστάρχου κλήρου (Per l'eredità di Aristarco)
  • Περὶ τοῦ Ἁγνίου κλήρου (Per l'eredità di Agnia)
  • Υπὲρ Εὐφιλήτου (In difesa di Eufileto)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dionigi d'Alicarnasso, "Iseo" in Opuscoli. Trad. italiana: Milano, F. Sonzogno, 1827, p. 243 e segg. (on-line)
  2. ^ Plutarchus, Le vite degli oratori, Libera versione con note originali dell'avv. Vincenzo Falconi. Milano : Tip. Pietro Faverio, 1890
  3. ^ Ad Atene, la legge permetteva ai cittadini di intervenire nei tribunali, sia in qualità di imputato che di accusato, ma in prima persona; era quindi necessario qualcuno, il logografo, che scrivesse su commissione i discorsi che il cliente imparava a memoria e recitava in tribunale.
  4. ^ Oltre Dionigi di Alicarnasso e lo Pseudo-Plutarco, anche Arpocrazione, Aristofane di Bisanzio, Aristarco di Samotracia e Fozio

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Isaei Orationes cum aliquot deperditarum fragmentis. Edidit Carolus Scheibe. Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1889
  • Isaei Orationes cum deperditarum fragmentis. Post Carolum Scheibe iterum edidit Th. Thalheim. Lipsiae: in aedibus B. G. Teubneri, 1903
  • Isaei orationes cum fragmentis a Dionysio Halicarnassensi servatis, edidit H. Buermann. Berolini: Apud Weimannos, 1883
  • Isaei orationes quae vulgo in editionibus leguntur. Ad optimorum librorum fidem accurate editae : accedit oratio de Meneclis hereditate, Londini primum expressa et duplo auctior de Cleonymi ereditate, edita per Angelum Maium. Lipsiae: sumtibus et typis Caroli Tauchnitii, 1829
  • Isaei, Dinarchi, Lycurgi, Demadis et sophistarum Quae extant omnia indicibus locupletissimis continua interpretatione Latina annotationibus variorum H. Wolfii, H. Stephani, Taylori, Reiskii, Hauptmanni, Mori, Beckeri, Osanni, Pinzgeri aliorumque et suis. Illustravit Gulielmus Stephanus Dobson A.M. ... Praefiguntur adversaria nunc primum publici juris facta Petri Pauli Dobree . Londini: prostant apud J. F. Dove, 1828
  • Isaeus Dinarchus Lycurgus Aeschines et Demades. Oxonii: e typographeo Clarendoniano, 1822
  • Isaeus, Dinarchus, Lycurgus, Aeschines, Demades. Berolini: typis et impensis G.E. Reimeri, 1823
  • Orationes XI : cum aliquot deperditarum fragmentis. Recognovit et commentarios adiecit Georg. Frid. Schomann. Gryphiswaldiae ecc. : Luchtmanns, 1831
  • Orationes, cum aliquot deperditarum fragmentis. Edidit Carolus Scheibe. Leipzig: B. G. Teubner, 1860
  • Oratores attici ex recensione Immanuelis Bekkeri. Oxonii: e typographeo Clarendoniano, 1823
  • Oratorum Graeciae praestantissimorum Antiphontis, Andocidis & Isaei orationes XXX. Cum ciuilium, tum criminalium causarum iureconsultis ac rhetoribus utilissimae: interprete Alphonso Miniato Bononiensi. Hanouiae: typis Wechelianis, impensis Danielis ac Dauidis Aubriorum, & Clementis Schleichii, 1619
  • Contro Leocare : sulla successione di Diceogene. Introduzione, testo critico, traduzione e commento a cura di Pietro Cobetto Ghiggia. Pisa: ETS, 2002
  • Due orazioni : I.: Per l'eredità di Cleonimo; II.: Per l'eredità di Menecle. Trad. di Filippo Caccialanza. Torino: Tip. Vincenzo Bona, 1889
  • La successione di Kiron. Introduzione, testo critico, traduzione e commento a cura di Stefano Ferrucci. Pisa: ETS, 2005
  • Le orazioni di Iseo, tradotte con prolegomeni e note da Filippo Pio Caccialanza. Roma: Della Pace, 1901
  • Orazioni d'Iseo, volgarizzate da Giuseppe Spezi. Roma: Tipografia delle Belle arti, 1844
  • Per l'eredità di Astifilo. Con introduzione e note di Goffredo Patriarca. Roma: Gopa, stampa 1932
  • Per l'eredità di Cirone. Testo critico, introduzione e commento di Giuseppe Ammendola. Napoli: A. Rondinella, 1933 (Tip. Sangiovanni)
  • Per l'eredità di Menecle. Testo critico, introduzione e commento di Giuseppe Ammendola. Napoli: Casa Ed. A. Rondinella, 1932 (Tip. Sangiovanni)
  • Per l'eredità di Nicostrato. A cura di Antonio De Marino. Messina; Firenze: G. D'Anna, 1961
  • Per l'eredità di Pirro. Con introduzione e note di Ugo Enrico Paoli. Firenze: Le Monnier, 1935
  • Discours. Texte etabli et traduit par Pierre Roussel. Paris : Les Belles Lettres, 1922 (FR)
  • Les plaidoyers d'Isée. Traduits en français avec arguments et notes par Rodolphe Dareste ; avec la collaboration de B. Haussoullier. Paris : Librairie de la societe du recueil general des lois et des arrets, 1898 (FR)
  • Index to the speeches of Isaeus. By W. A. Goligher and W. S. Maguinness. Cambridge : W. Heffer & sons, 1961 (EN)
  • Isaeus. Translated with introduction and notes by Michael Edwards. Austin, Tex. : University of Texas, 2007 (EN)
  • Isaeus. With an English translation by Edward Seymour Forster. London : Heinemann ; Cambridge, Mass. : Harvard University Press, 1927 (EN)
  • The speeches of Isaeus. With critical and explanatory notes by W. Wyse. Cambridge: University press, 1904 (New York: Arno Press, 1979) (EN)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN265571975 · ISNI (EN0000 0000 8163 0055 · LCCN (ENn90621891 · GND (DE118710869 · BNF (FRcb12176312b (data) · NLA (EN36555166 · BAV ADV12174326 · CERL cnp00398610