Che papà Braccio di Ferro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Che papà Braccio di Ferro
serie TV cartone
Titolo orig.Popeye and Son
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
StudioHanna-Barbera, King Features Syndicate
ReteCBS
1ª TV12 settembre 1987 – 5 dicembre 1987
Episodi26 (completa)
Durata ep.11 min
Rete it.Italia 1, Canale 5
1ª TV it.10 settembre 1992
Episodi it.26 (completa)

Che papà Braccio di Ferro (Popeye and Son) è una serie televisiva a cartoni animati prodotta da Hanna-Barbera e King Features Syndicate negli anni ottanta e basata al personaggio di Braccio di Ferro.

Produzione e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

In Italia è andata in onda il 10 settembre 1992 su Italia 1 all'interno di Ciao Ciao e riproposta nel 1999 all'interno di Bim bum bam Weekend prima della replica andata in onda nel 2000 su Canale 5 la domenica mattina all'interno de I Tiratardi.

Personaggi principali e doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio italiano è stato eseguito dalla Effe Elle Due.

Elenco degli episodi[modifica | modifica wikitesto]

1 - L'attacco della strega Bacheca - Felice anniversario

2 - Il mostro marino - Poopdeck pappy and the family tree (English Dubbed)

3 - La piscina con le onde di Bruto - Oggi qui domani lì

4 - Non rinunciare al picnic - Il tesoro perso nella baia dei pirati

5 - Il genio di Junior - La potente Olivia battitrice

6 - Junior trova lavoro - Surf movie (English Dubbed)

7 - Ricorre il compleanno di Junior - Barbarossa

8 - La ragazza venuta dagli abissi - Olivia e il dilemma del dinosauro

9 - Dr. Junior e Mr. Hide - Popeye's surfin' adventure (English Dubbed)

10 - Divise da una decisione - The case of the Burger Burglar (English Dubbed)

11 - Orchid you not (English Dubbed) - Ain't Mythbehavin (English Dubbed)

12 - There goes the Neighborhood (English Dubbed) - Principe di un compagno

13 - Il giorno di libertà di Olivia - La donzella in pericolo

Sigla italiana[modifica | modifica wikitesto]

La sigla italiana della serie è scritta da Alessandra Valeri Manera e Ninni Carucci e cantata da Cristina D'Avena.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]