Poopdeck Pappy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Babbo di Bordo
Universo Braccio di Ferro
Nome orig. Poopdeck Pappy
Lingua orig. Inglese
1ª app. 1936
1ª app. in The Thimble Theatre
Interpretato da
  • Jack Mercer (Cortometraggi 1938 e 1952)
  • Ray Walston (Film 1980)
Specie Umana
Sesso Maschio
Professione Ex-marinaio
Abilità
  • Astuzia
  • Volontà indomabile
  • Forza sovrumana
  • Abile lottatore

Poopdeck Pappy (detto anche Babbo di bordo o Braccio di legno o Trinchetto) è un personaggio del fumetto e della serie animata Braccio di Ferro. È il padre di Braccio di Ferro, il protagonista dei fumetti e delle serie animate.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Poopdeck Pappy fece la sua prima apparizione in The Thimble Theatre nel 1936, quando la serie era ormai già famosa. Appena nato Braccio di Ferro, lo abbandonò senza dare più nessuna notizia di sé.

Solo poco dopo che Braccio di Ferro venne in possesso di Eugene il Jeep decise di andare alla ricerca del padre, utilizzando le doti soprannaturali di Eugene. Così organizzò una spedizione insieme a Olivia e Toar, un cavernicolo. Trovata l'abitazione del padre, questo si rivela ingrato verso il figlio che l'ha cercato rispondendogli che non gradisce i parenti. Viene comunque a casa di Braccio di Ferro accompagnato da alcune sirene, con le quali aveva flirtato.

Apparve nella prima serie animata dei Fleischer Studios nel 1938 in un libero adattamento della versione cartacea, ossia nel cortometraggio intitolato Goonland, qui doppiato da Jack Mercer (già storico doppiatore dello stesso Popeye, di Poldo, dei nipotini Pipeye, Peepeye, Poopeye e Pupeye e di molti altri personaggi delle diverse serie dedicate al marinaio guercio). Con la serie successiva dei Famous Studios sarà poi prodotta una nuova versione del corto, Popeye's Pappy del 1952.

Carattere[modifica | modifica wikitesto]

È una goccia d'acqua del figlio, soltanto più vecchio. Viene definito nel 1975 da Palmiro Boschesi «un arcigno, rissoso, donnaiolo e irascibile campione di scorrettezza, di brutalità e di mancanza di sentimenti. Afferma d'avere 99 anni eppure è in perfetta forma fisica. Le donne sono la sua grande passione: giunge perfino al punto di nascondersi nelle carrozzine dei bimbi per farsi baciare dalle signore».

Nelle storie di ideazione italiana è rappresentato come un avido bevitore di barbera e le sue avventure sono incentrate sugli innumerevoli espedienti (anche illeciti) che usa per procurarsene. A differenza del fannullone Poldo Sbaffini, questo vecchio si dimostra più volenteroso di fronte alle attività lavorative (pur di guadagnare denaro per poter bere barbera) anche se, spesso e volentieri, viene scartato dal lavoro per ragioni di età.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti