Campionato europeo individuale di scacchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sala torneo del Campionato del 2005 a Zegrze in Polonia.

Il campionato europeo individuale di scacchi è un torneo di scacchi organizzato annualmente dalla European Chess Union a partire dal 2000.

Oltre a determinare il campione europeo, è usato come fase di qualificazione per il campionato del mondo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo torneo dal nome di "campionato europeo" fu disputato a Monaco di Baviera tra il 14 e il 26 settembre 1942, organizzato da Ehrhardt Post, a capo della Federazione scacchistica tedesca. Questo torneo non ha avuto tuttavia nessun riconoscimento ufficiale, in quanto né i giocatori ebrei né quelli provenienti da paesi in guerra con la Germania nazista furono ammessi a partecipare. Nonostante questo, erano presenti alcuni tra i più forti giocatori dell'epoca, come il campione del mondo Aleksandr Alechin, Paul Keres, Efim Bogoljubov e Gösta Stoltz, che ne hanno fatto, secondo chessmetrics.com, il più forte torneo tra il 1942 e il 1943.[1] Il torneo, un girone all'italiana tra dodici giocatori, fu vinto da Alechin con 8,5 punti davanti a Keres (7,5) e Jan Foltys (7).[2]

Dal 2000, in seguito alla riorganizzazione del campionato del mondo operata dalla FIDE, si iniziò a tenere l'attuale campionato europeo, i cui primi classificati si sarebbero qualificati per la fase finale.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il torneo è diviso in due sezioni, una open[3] e una femminile, giocati con il sistema svizzero (ad eccezione del primo campionato femminile, che fu ad eliminazione diretta). Le prime edizioni furono giocate in due sedi separate, mentre dal 2006 al 2010 sono stati ospitati nella stessa città; dal 2011 si è ritornati alla separazione.

Per dirimere eventuali parità nel determinare le medaglie e i piazzamenti (necessari per la qualificazione) fu adottato nella prima edizione il sistema Buchholz, che fu sostituito poi da spareggi a tempo rapido e poi dalla performance Elo.

Essendo parte del ciclo del campionato mondiale, anche il campionato europeo è stato minato da alcune controversie legate a questo evento: il tempo di riflessione fu reso analogo a quello usato nel campionato del mondo (75 minuti per 40 mosse, 15 minuti per finire, più 15 secondi a mossa), cioè più breve di quello precedentemente usato, e che era indicato da alcuni come responsabile di un peggioramento degli scacchi giocati.[4] In anni successivi, il tempo di flessione è stato aumentato a 90 minuti per 40 mosse, 30 minuti per finire, più 30 secondi a mossa. Inoltre, alcuni campionati del mondo, sebbene previsti (come quello del 2003) non furono giocati, rendendo inutili le qualificazioni ottenute nell'edizione del 2002.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Torneo assoluto[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Gold medal.svg Oro Silver medal.svg Argento Bronze medal.svg Bronzo Partecipanti
(turni)
Note
2000 Italia Saint Vincent Russia Pavel Tregubov Bielorussia Aleksej Aleksandrov Polonia Tomasz Markowski 120 (11) [5]
2001 Macedonia Ocrida Israele Emil Sutovskij Ucraina Ruslan Ponomarëv Georgia Zurab Azmaiparashvili 203 (13) [6]
2002 Georgia Batumi Polonia Bartłomiej Macieja Belgio Michail Gurevič Russia Sergej Volkov 101 (13) [7]
2003 Turchia Istanbul Georgia Zurab Azmaiparashvili Russia Vladimir Malachov Germania Alexander Graf 207 (13) [8]
2004 Turchia Antalya Ucraina Vasyl' Ivančuk Bosnia ed Erzegovina Predrag Nikolić Armenia Lewon Aronyan 74 (13) [9]
2005 Polonia Zegrze Romania Liviu-Dieter Nisipeanu Azerbaigian Teymur Rəcəbov Armenia Lewon Aronyan 229 (13) [10]
2006 Turchia Kuşadası Croazia Zdenko Kožul Ucraina Vasyl' Ivančuk Bulgaria Kiril Georgiev 138 (11) [11]
2007 Germania Dresda Francia Vladislav Tkačëv Israele Emil Sutovsky Russia Dmitrij Jakovenko 403 (11) [12]
2008 Bulgaria Plovdiv Paesi Bassi Sergej Tivjakov Slovacchia Sergey Movsesyan Russia Sergej Volkov 323 (11) [13]
2009 Montenegro Budua Russia Evgenij Tomaševskij Russia Vladimir Malachov Georgia Baadur Jobava 306 (11) [14]
2010 Croazia Fiume Russia Jan Nepomnjaščij Georgia Baadur Jobava Russia Artëm Timofeev 408 (11) [15]
2011 Francia Aix-les-Bains Russia Vladimir Potkin Polonia Radosław Wojtaszek Ungheria Judit Polgár 407 (11) [16]
2012 Bulgaria Plovdiv Russia Dmitrij Jakovenko Francia Laurent Fressinet Russia Vladimir Malachov 348 (11) [17]
2013 Polonia Legnica Ucraina Oleksandr Moïsejenko Russia Evgenij Alekseev Russia Evgenij Romanov 281 (11) [18]
2014 Armenia Erevan Russia Aleksandr Motylëv Spagna David Antón Guijarro Russia Vladimir Fedoseev 258 (11) [19]
2015 Israele Gerusalemme Russia Evgenij Naer Rep. Ceca David Navara Polonia Mateusz Bartel 250 (11) [20]
2016 Kosovo Gjakova Russia Ėrnesto Inarkiev Lettonia Ihor Kovalenko Georgia Baadur Jobava 245 (11) [21]
2017 Bielorussia Minsk Russia Maksim Matlakov Georgia Baadur Jobava Russia Vladimir Fedoseev 397 (11) [22]
2018 Georgia Batumi Croazia Ivan Šarić Polonia Radosław Wojtaszek Inghilterra Gawain Jones 302 (11) [23]

Torneo femminile[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Gold medal.svg Oro Silver medal.svg Argento Bronze medal.svg Bronzo Partecipanti
(turni)
Note
2000 Georgia Batumi Ucraina Natalja Žukova Russia Ekaterina Kovalevskaja Georgia Majja Čiburdanidze
Russia Tat'jana Stepovaja
32
(elim. dir.)
[24]
2001 Polonia Varsavia Moldavia Almira Skripčenko Russia Ekaterina Kovalevskaja Georgia Ketevan Arakhamia 157 (11) [25]
2002 Bulgaria Varna Bulgaria Antoaneta Stefanova Armenia Lilit Mkrtchian Russia Alisa Galljamova 114 (11) [26]
2003 Turchia Istanbul Svezia Pia Cramling Lituania Viktorija Čmilytė Russia Tat'jana Kosinceva 113 (11)
2004 Germania Dresda Russia Aleksandra Kostenjuk Paesi Bassi Zhaoqin Peng Bulgaria Antoaneta Stefanova 108 (12) [27]
2005 Moldavia Chișinău Ucraina Kateryna Lahno Russia Nadežda Kosinceva Grecia Yelena Dembo 164 (12) [28]
2006 Turchia Kuşadası Turchia Ekaterina Atalik Paesi Bassi Tea Bosboom-Lanchava Armenia Lilit Mkrtchian 96 (11)
2007 Germania Dresda Russia Tat'jana Kosinceva Bulgaria Antoaneta Stefanova Russia Nadežda Kosinceva 150 (11)
2008 Bulgaria Plovdiv Ucraina Kateryna Lahno Lituania Viktorija Čmilytė Ucraina Anna Ušenina 157 (11)
2009 Russia San Pietroburgo Russia Tat'jana Kosinceva Armenia Lilit Mkrtchian Russia Natalija Pogonina 168 (11) [29][30]
2010 Croazia Fiume Svezia Pia Cramling Lituania Viktorija Čmilytė Polonia Monika Soćko 158 (11) [31]
2011 Georgia Tbilisi Lituania Viktorija Čmilytė Bulgaria Antoaneta Stefanova Armenia Elina Danielian 130 (11) [32]
2012 Turchia Gaziantep Russia Valentina Gunina Russia Tat'jana Kosinceva Slovenia Anna Muzyčuk 101 (11) [33][34]
2013 Serbia Belgrado Ungheria Hoang Thanh Trang Georgia Salome Melia Armenia Lilit Mkrtchian 169 (11)
2014 Bulgaria Plovdiv Russia Valentina Gunina Russia Tat'jana Kosinceva Georgia Salome Melia 116 (11)
2015 Georgia Chakvi Ucraina Natalja Žukova Georgia Nino Batsiashvili Russia Alina Kašlinskaja 98 (11) [35]
2016 Romania Mamaia Ucraina Anna Ušenina Spagna Sabrina Vega Bulgaria Antoaneta Stefanova 112 (11) [36]
2017 Lettonia Riga Georgia Nana Dzagnidze Russia Aleksandra Goryachkina Russia Alisa Galliamova 144 (11) [37]
2018 Slovacchia Vysoké Tatry Russia Valentina Gunina Georgia Nana Dzagnidze Ucraina Anna Ušenina 144 (11) [38]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chessmetrics Summary for 1942-1943
  2. ^ Event Details: Munich, 1942
  3. ^ Comunemente chiamata maschile, ma aperta a giocatori di entrambi i sessi.
  4. ^ The Week in Chess 377, su chesscenter.com.
  5. ^ Classifica finale su ruschessruschess
  6. ^ Classifica finale su ruschess, su ruschess.com.
  7. ^ Classifica finale su Chess-Results, su chess-results.com.
  8. ^ Classifica finale su Chess-Results
  9. ^ Classifica finale su Chess-Results, su chess-results.com.
  10. ^ Classifica finale su Chess-Results, su chess-results.com.
  11. ^ Classifica finale su ruchess, su ruschess.com.
  12. ^ Classifica finale su ruchess
  13. ^ Risultati in The Week in Chess 704, su theweekinchess.com.
  14. ^ Classifica finale su Chess-Results
  15. ^ Classifica finale su Chess-Results
  16. ^ Classifica finale su Chess-Results
  17. ^ Classifica finale su Chess-Results
  18. ^ Classifica finale su Chess-Results
  19. ^ Classifica finale su Chess-Results, su chess-results.com.
  20. ^ Classifica finale su Chess-Results, su chess-results.com.
  21. ^ Classifica finale su Chess-Results, su chess-results.com.
  22. ^ Classifica finale su Chess-Results, su chess-results.com.
  23. ^ Classifica finale su Chess-Results, su chess-results.com.
  24. ^ The Week in Chess 292, su chesscenter.com.
  25. ^ The Week in Chess 339, su chesscenter.com.
  26. ^ The Week in Chess 396, su chesscenter.com.
  27. ^ The Week in Chess 491, su chesscenter.com.
  28. ^ The Week in Chess 555, su chesscenter.com.
  29. ^ Sul sito ufficiale, su wiecc2009.com. (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2009).
  30. ^ The Week in Chess 750, su chesscenter.com.
  31. ^ Sul sito ufficiale, su chess-results.com.
  32. ^ The Week in Chess 863 [collegamento interrotto], su chess.co.uk.
  33. ^ The week in Chess 906 [collegamento interrotto], su chess.co.uk.
  34. ^ Sito ufficiale gaziantep 2012, su eiwcc2012.tsf.org.tr.
  35. ^ http://www.chess-results.com/tnr164130.aspx?lan=16 16th European Individual Women's Chess Championship in Chess-Results
  36. ^ http://www.chess-results.com/tnr214515.aspx?lan=16 European Individual Women's Chess Championship in Chess-Results
  37. ^ http://chess-results.com/tnr269716.aspx?lan=16&art=1&rd=11&flag=30&wi=821 European Individual Women's Chess Championship in Chess-Results
  38. ^ http://chess-results.com/tnr338143.aspx?lan=16 European Individual Women Chess Championship 2018 Slovakia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Scacchi Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi