Campionati europei di nuoto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campionati europei di nuoto
SportSwimming pictogram.svg Nuoto
Open water swimming pictogram.svg Nuoto di fondo
Diving pictogram.svg Tuffi
Synchronized swimming pictogram.svg Nuoto sincronizzato
OrganizzatoreLEN
Cadenzabiennale
Partecipanti43 nazioni (2010)
Sito Internetlen.eu
Storia
Fondazione1926
Numero edizioni36
Ultima edizioneRoma 2022

I Campionati europei di Nuoto, Tuffi, Nuoto sincronizzato e Nuoto in acque libere (LEN European Championships in Swimming, Diving, Synchronised Swimming and Open Water Swimming[1]), comunemente noti come Campionati europei di nuoto, sono la più prestigiosa e longeva manifestazione organizzata dalla LEN, la federazione che sovrintende gli sport acquatici in Europa. All'interno di essa si assegnano i titoli europei di tutte le discipline della LEN, ad eccezione della pallanuoto, che è stata parte del programma dei campionati fino al 1997, mentre in seguito ha disputato un campionato indipendente.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto di "campionato europeo di nuoto" è nato molto prima della prima guerra mondiale, addirittura prima dei primi Giochi Olimpici; dal 1889 al 1903 si sono disputate, infatti, tredici edizioni di una manifestazione internazionale con questo nome, organizzata tra l'Impero austro-ungarico e l'Impero tedesco, due nazioni in cui il nuoto era uno sport già consolidato, in cui parteciparono e vinsero campioni olimpici come Alfréd Hajós, Paul Neumann, Otto Wahle e Karl Ruberl. Per vedere però la nascita di campionati con una partecipazione continentale si è dovuto aspettare il 1925, quando al congresso della FINA di Praga l'ungherese Leo Donath[2] (che è stato anche uno dei fondatori della LEN[3]) propose la creazione dei campionati[4].

La prima edizione si disputò nel 1926; l'intenzione dei fondatori era quella di tenere i campionati negli anni pari non olimpici, intenzione non sempre rispettata: per esempio, nel 1930 e nel 1946 la manifestazione venne spostati all'anno successivo. Con la fondazione dei mondiali, i campionati europei si sono disputati, sempre con cadenza quadriennale, negli anni dispari fino al 1983, quando è diventata biennale. Dal 2000 in poi essi si svolgono negli anni pari, in primavera negli anni olimpici ed in estate in quelli non olimpici.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

I primi Campionati europei della storia del nuoto si sono svolti a Budapest, in Ungheria, nel 1926; all'epoca la squadra italiana aveva come suo alfiere l'olimpionico Emilio Polli. Le nazioni che hanno ospitato i Campionati europei di nuoto il maggior numero di volte (quattro) sono l'Ungheria (tutte a Budapest) e la Germania (sommando un'edizione anteguerra, una ad Est, una ad Ovest e una post riunificazione); seguono l'Austria, l'Italia e la Spagna (tre edizioni ciascuna).

No. Anno Sede Date Gare n° atl. n° naz. Miglior nazione
I 1926 Budapest
(Ungheria)
18 - 22 agosto 9 ? ? Germania Germania
(5/3/4)
II 1927 Bologna
(ItaliaItalia)
31 agosto - 4 settembre 16 ? ? Germania Germania
(5/5/6)
III 1931 Parigi
(Francia Francia)
23 - 30 agosto 16 ? ? Ungheria
(5/2/2)
IV 1934 Magdeburgo
(Germania Germania)
12 - 19 agosto 16 300 c.ca 17 Germania Germania
(9/6/4)
V 1938 Londra
(Regno Unito Regno Unito)
6 - 13 agosto 16 ? ? Germania Germania
(5/7/2)
VI 1947 Monte Carlo
(Monaco Monaco)
10 - 14 settembre 16 ? ? Francia Francia
(6/1/1)
VII 1950 Vienna
(Austria Austria)
20 - 27 agosto 16 ? ? Francia Francia
(4/6/2)
VIII 1954 Torino
(Italia Italia)
31 agosto - 5 settembre 18 ? ? Ungheria
(9/6/3)
IX 1958 Budapest
(Ungheria Ungheria)
31 agosto - 6 settembre 20 ? ? Unione Sovietica Unione Sovietica
(5/6/5)
X 1962 Lipsia
(Germania Est Germania Est)
18 - 25 agosto 23 ? ? Paesi Bassi Paesi Bassi
(6/5/5)
XI 1966 Utrecht
(Paesi Bassi Paesi Bassi)
20 - 27 agosto 23 ? ? Unione Sovietica Unione Sovietica
(12/7/5)
XII 1970 Barcellona
(Spagna Spagna)
5 - 13 settembre 34 ? ? Germania Est Germania Est
(16/9/9)
XIII 1974 Vienna
(Austria Austria)
18 - 25 agosto 37 oltre 400 26 Germania Est Germania Est
(17/15/4)
XIV 1977 Jönköping
(Svezia Svezia)
13 - 21 agosto 37 ? ? Germania Est Germania Est
(16/11/7)
XV 1981 Spalato
(Jugoslavia Jugoslavia)
5 - 12 settembre 37 ? ? Germania Est Germania Est
(15/11/3)
XVI 1983 Roma
(Italia Italia)
20 - 27 agosto 38 ? ? Germania Est Germania Est
(17/17/5)
XVII 1985 Sofia
(Bulgaria Bulgaria)
4 - 11 agosto 38 ? ? Germania Est Germania Est
(17/17/6)
XVIII 1987 Strasburgo
(Francia Francia)
16 - 23 agosto 41 ? ? Germania Est Germania Est
(18/13/10)
XIX 1989 Bonn
(bandiera Germania Ovest)
12 - 20 agosto 43 ? ? Germania Est Germania Est
(16/11/11)
XX 1991 Atene
(Grecia Grecia)
16 - 25 agosto 43 ? ? Unione Sovietica Unione Sovietica
(16/7/2)
XXI 1993 Sheffield
(Regno Unito Regno Unito)
29 luglio - 8 agosto 43 ? ? Germania Germania
(15/6/8)
XXII 1995 Vienna
(Austria Austria)
22 - 27 agosto 47 ? ? Russia Russia
(17/2/4)
XXIII 1997 Siviglia
(Spagna Spagna)
13 - 24 agosto 51 ? ? Russia Russia
(18/9/3)
XXIV 1999 Istanbul
(Turchia Turchia)
22 luglio - 1º agosto 55 ? ? Germania Germania
(12/13/11)
XXV 2000 Helsinki
(Finlandia Finlandia)
28 giugno - 9 luglio 55 ? ? Russia Russia
(16/3/4)
XXVI 2002 Berlino
(Germania Germania)
25 luglio - 4 agosto 57 786 38 Germania Germania
(15/12/9)
XXVII 2004 Madrid
(Spagna Spagna)
5 - 16 maggio 58 ? ? Ucraina Ucraina
(11/3/6)
XXVIII 2006 Budapest
(Ungheria Ungheria)
26 luglio - 6 agosto 58 1008 40 Russia Russia
(16/7/3)
XXIX 2008 Eindhoven
(Paesi Bassi Paesi Bassi)
13 - 24 marzo 54 1000 39 Russia Russia
(12/8/5)
XXX 2010 Budapest
(Ungheria Ungheria)
4 - 15 agosto 61 966 43 Russia Russia
(13/7/8)
XXXI 2012 Debrecen
(Ungheria Ungheria) Eindhoven
(Paesi Bassi Paesi Bassi)
14 - 27 maggio[5] 40 570 44 Ungheria Ungheria
(9/10/7)
XXXII 2014 Berlino[5]
(Germania Germania)
13 - 24 agosto 40 572 44 Gran Bretagna Gran Bretagna
(11/8/8)
XXXIII 2016 Londra
(Regno Unito Regno Unito)
9 - 22 maggio 40 583 45 Gran Bretagna Gran Bretagna
(10/11/12)
XXXIV 2018 Glasgow
(Regno Unito Regno Unito)
3 - 12 agosto 43 1000 48 Russia Russia
(10/10/6)
XXXV 2020 Budapest
(Ungheria Ungheria)
10 - 23 maggio 2021[6][7] 51 51 Russia Russia
(20/9/13)
XXXVI 2022 Roma
(Italia Italia)
11 - 21 agosto Italia Italia
(24/24/19)

Programma[modifica | modifica wikitesto]

Il programma della manifestazione è gradualmente cresciuto dalle 9 gare della prima edizione alle 61 di Budapest 2010.

A Budapest 1926 si disputarono solo gare maschili di nuoto (in vasca olimpica da 50 metri), tuffi e pallanuoto; le donne fecero il loro esordio nella seconda edizione, ma non nella pallanuoto, il cui torneo femminile non si disputò all'interno della rassegna fino al 1987.

Il nuoto sincronizzato è entrato nel programma nel 1974 e il nuoto di fondo nel 1995.

A partire dal 1999 è stata organizzata una manifestazione indipendente per la pallanuoto, che non ha più fatto parte del programma dei campionati.

La LEN ha stabilito di assegnare i titoli europei di tuffi e di nuoto in acque libere anche al di fuori dei campionati, organizzando della manifestazioni indipendenti (europei di tuffi, europei di nuoto di fondo) negli anni dispari[8], che non porteranno all'uscita delle due discipline dalla rassegna principale. Tuttavia, l'edizione 2012, a causa di una serie di difficoltà organizzative[5][9][10], ha visto in scena solamente gare di nuoto, mentre fondo, tuffi e sincro hanno avuto rassegne indipendenti[11]. Le quattro discipline sono tornate a svolgersi insieme nell'edizione di Berlino 2014, in cui, tra l'altro, hanno fatto il loro debutto le staffette miste (due uomini e due donne) con la 4x100 m stile libero e la 4x100 m mista[12].

Questo l'elenco dell'attuale programma dei campionati europei di nuoto[13], con accanto la data di esordio della gara:

Sport/Gara Anno di introduzione
uomini donne
Swimming pictogram.svgNuoto 1926 1927
50 m stile libero 1987 1987
100 m stile libero 1926 1927
200 m stile libero 1970 1970
400 m stile libero 1926 1927
800 m stile libero 2008 1970
1500 m stile libero 1926 2008
50 m dorso 1999 1999
100 m dorso 1926 1927
200 m dorso 1970 1970
50 m rana 1999 1999
100 m rana 1970 1970
200 m rana 1926 1927
50 m delfino 1999 1999
100 m delfino 1970 1954
200 m delfino 1954 1970
200 m misti 1970 1970
400 m misti 1962 1962
4x100 m stile libero 1962 1927
4x200 m stile libero 1926 1983
4x100 m misti 1958 1958
4X100 m mista mista 2014 2014
4x100 m mista a stile libero 2014 2014
4x200 m mista a stile libero 2018 2018
Sport/Gara Anno di introduzione
uomini donne
Diving pictogram.svgTuffi 1926 1927
Trampolino 1 m 1989 1989
Trampolino 3 m 1926 1927
Piattaforma 10 m 1926 1927
T3 sincronizzati 1997 1997
P10 sincronizzati 1997 1997
Synchronized swimming pictogram.svgNuoto sincronizzato - 1974
Solo 2022 1974
Duo - 1974
Squadra - 1974
Combinato - 2004
Open water swimming pictogram.svgNuoto di fondo 1995 1995
5 km 1995 1995
10 km 2002 2002
25 km 1995 1995
5 km a squadre miste 2010
Pixel fill.pngTuffi grandi altezze 2022 2022

Medagliere complessivo[modifica | modifica wikitesto]

(aggiornato a Roma 2022)
Sono incluse le medaglie di Nuoto (1926-2022) Tuffi (1926-2010; 2014-2022), Nuoto sincronizzato (1974-2010; 2014-2022), Nuoto di fondo (1995-2006; 2010; 2014-2022) e Pallanuoto (1926-1997).

Pos. Paese Oro Argento Bronzo Totale
1 Russia Russia 198 116 87 401
2 Germania Germania 176 160 137 473
3 Italia Italia 153 172 216 541
4 Germania Est Germania Est 146 116 68 330
5 Ungheria Ungheria 126 114 83 323
6 Gran Bretagna Gran Bretagna 117 123 142 383
7 Unione Sovietica Unione Sovietica 97 88 78 263
8 Francia Francia 93 106 102 301
9 Paesi Bassi Paesi Bassi 92 98 93 283
10 Ucraina Ucraina 75 68 64 206
11 Svezia Svezia 72 76 71 219
12 bandiera Germania Ovest 41 33 49 123
13 Spagna Spagna 31 62 51 144
14 Danimarca Danimarca 29 23 32 84
15 Polonia Polonia 19 18 23 60
16 Romania Romania 15 27 32 73
17 Finlandia Finlandia 13 9 12 34
18 Austria Austria 12 21 28 61
19 Grecia Grecia 7 11 26 44
20 Svizzera Svizzera 6 16 17 39
21 Norvegia Norvegia 6 8 5 19
22 Bielorussia Bielorussia 5 10 17 32
23 Belgio Belgio 5 6 16 27
24 Irlanda Irlanda 4 6 1 11
25 Lituania Lituania 4 5 13 22
26 Serbia Serbia 4 1 2 7
27 Rep. Ceca Rep. Ceca 4 1 15 20
28 Israele Israele 3 4 9 16
29 Slovacchia Slovacchia 3 11 6 20
30 bandiera Jugoslavia 2 15 13 30
31 Croazia Croazia 2 7 7 16
32 Slovenia Slovenia 2 5 10 17
33 Cecoslovacchia Cecoslovacchia 2 4 12 18
34 Bulgaria Bulgaria 2 4 9 15
35 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 1 0 1 2
36 Fær Øer Fær Øer 0 3 0 3
37 Islanda Islanda 0 2 1 3
38 Portogallo Portogallo 0 1 6 7
39 Estonia Estonia 0 1 0 1
39 Turchia Turchia 0 0 3 3
40 Armenia Armenia 0 0 1 1
Totale 1493 1493 1492 4474

Trofeo dei Campionati[modifica | modifica wikitesto]

La LEN, oltre agli atleti, assegna un premio oggi denominato Championships Trophy (Trofeo dei campionati) alle Federazioni. Vengono conferiti quattro trofei, uno per ogni disciplina, attraverso l'attribuzione di un punteggio agli atleti o alle squadre a seconda del piazzamento in ciascuna gara; il sistema di punteggio varia per le singole discipline[14].
Il trofeo è nato con la prima edizione dei campionati nel 1926 col nome di Coppa Europa, all'inizio solo per le squadre maschili e comprendeva il nuoto e i tuffi. Nel 1934 è stata aggiunta la Coppa Bredius, riservata alle squadre femminili e che sommava i risultati di nuoto e tuffi[15]. Dal 1966 in poi è stato assegnato un trofeo separato per i tuffi, dal 1974 quello per il nuoto sincronizzato e dal 1977 il trofeo per il nuoto è stato unificato[16].

Ediz. Coppa Europa Coppa Bredius
1926 Germania Germania --
1927 Germania Germania --
1931 Ungheria --
1934 Germania Germania Paesi Bassi Paesi Bassi
1938 Germania Germania Danimarca Danimarca
1947 Ungheria Ungheria Danimarca Danimarca
1950 Francia Francia Paesi Bassi Paesi Bassi
1954 Ungheria Ungheria Ungheria Ungheria
1958 Unione Sovietica Unione Sovietica Paesi Bassi Paesi Bassi
1962 Unione Sovietica Unione Sovietica Paesi Bassi Paesi Bassi
1966 Unione Sovietica Unione Sovietica Unione Sovietica Unione Sovietica
1970 Germania Est Germania Est Germania Est Germania Est
1974 Unione Sovietica Unione Sovietica Germania Est Germania Est
Ediz. Nuoto Tuffi Sincro Fondo
1966 Unione Sovietica Unione Sovietica
1970 Germania Est Germania Est
1974 Unione Sovietica Unione Sovietica Gran Bretagna Gran Bretagna
1977 Germania Est Germania Est Unione Sovietica Unione Sovietica Gran Bretagna Gran Bretagna
1981 Germania Est Germania Est Unione Sovietica Unione Sovietica Gran Bretagna Gran Bretagna
1983 Germania Est Germania Est Unione Sovietica Unione Sovietica Gran Bretagna Gran Bretagna
1985 Germania Est Germania Est Unione Sovietica Unione Sovietica Francia Francia
1987 Germania Est Germania Est Unione Sovietica Unione Sovietica Francia Francia
1989 Germania Est Germania Est Unione Sovietica Unione Sovietica Francia Francia
1991 Germania Germania Unione Sovietica Unione Sovietica Unione Sovietica Unione Sovietica
1993 Germania Germania Germania Germania Russia Russia
1995 Germania Germania Germania Germania / Russia Russia Russia Russia ?
1997 Germania Germania Germania Germania Russia Russia ?
1999 Germania Germania Germania Germania Russia Russia ?
2000 Italia Italia Russia Russia Russia Russia ?
2002 Germania Germania Germania Germania Russia Russia ?
2004 Russia Russia Germania Germania Russia Russia Germania Germania
2006 Gran Bretagna Gran Bretagna Russia Russia Russia Russia Germania Germania
2008 Russia Russia ? Spagna Spagna non in programma
2010 Francia Francia Germania Germania Russia Russia Italia Italia
2012 Italia Italia non in programma non in programma non in programma

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Denominazione ufficiale tratta dal regolamento (vedi Collegamenti esterni)
  2. ^ ISHOF - Leo Donath (HUN) - 1988 Honor Pioneer Contributor Archiviato il 24 novembre 2010 in Internet Archive.
  3. ^ Water Polo legends: Dr. Leo Donath (1888-1941)
  4. ^ Los “otros” Campeonatos de Europa. Sus inicios Archiviato il 18 giugno 2008 in Internet Archive.
  5. ^ a b c (EN) LEN allocates upcoming European Championships, in LEN - Press Releases, 16 maggio 2011. URL consultato il 27 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2012).
  6. ^ (EN) 2020 LEN European Championships – LEN.eu | Ligue Européenne de Natation, su www2.len.eu. URL consultato il 23 luglio 2019.
  7. ^ (EN) European Championships 2020 – LEN.eu | Ligue Européenne de Natation, su www2.len.eu. URL consultato il 23 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2019).
  8. ^ (EN) LEN - Comunicati stampa, 2010 LEN Congress in Limassol, 02/06/2010 ( Len.eu (PDF). URL consultato il 31 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2017).)
  9. ^ (EN) Craig Lord, No Bidders Yet For 2012 European Champs, in Swimnews.com, 16 febbraio 2011. URL consultato il 27 gennaio 2012.
  10. ^ (EN) 31st European Swimming Championships reallocated to Debrecen (HUN), in LEN - Press Releases, 16 febbraio 2012. URL consultato il 17 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2012).
  11. ^ (EN) Len.eu, LEN Events 2012, su len.eu. URL consultato il 27 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2012).
  12. ^ Nuoto: la Len inserisce le staffette miste maschi/femmine nel programma degli Europei [collegamento interrotto], in Federnuoto.it, 27 aprile 2012. URL consultato il 1º maggio 2012.
  13. ^ Programma ufficiale tratto dal regolamento (vedi Collegamenti esterni)
  14. ^ Regolamenti Championships Trophy (vedi Collegamenti esterni)
  15. ^ (RU) Cronologia dei maggiori campionati con notizie, risultati e classifiche trofei dei campionati, su swimmingmasters.narod.ru. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  16. ^ Lenweb.org, Winners of LEN Trophies (PDF), su lenweb.org (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2006).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Sito ufficiale della LEN, su len.eu. URL consultato il 5 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2011).* (EN) della manifestazione.
  • (EN) Omegatiming.com: risultati ufficiali dal 2000 in poi.
  Portale Nuoto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nuoto