Legnica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legnica
distretto
Legnica – Stemma Legnica – Bandiera
Legnica – Veduta
Dati amministrativi
Stato Polonia Polonia
Voivodato POL województwo dolnośląskie COA.svg Bassa Slesia
Starosta Tadeusz Krzakowski
Territorio
Coordinate 51°13′N 16°10′E / 51.216667°N 16.166667°E51.216667; 16.166667 (Legnica)Coordinate: 51°13′N 16°10′E / 51.216667°N 16.166667°E51.216667; 16.166667 (Legnica)
Altitudine 113-168 m s.l.m.
Superficie 56,29 km²
Abitanti 104 031 (2010)
Densità 1 848,13 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 59-200 a 59-220
Prefisso (+48) 0-76
Fuso orario UTC+1
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Polonia
Legnica
Sito istituzionale

Legnica (in tedesco Liegnitz) è una città polacca della regione della Bassa Slesia (Dolnoślaskie), situata 65 km a nordovest di Breslavia; sorge alla confluenza dei fiumi Czarna Woda e Kaczawa, in una fertile regione agricola.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Anche se non ci sono notizie ufficiali, il nome della città di Legnica parrebbe ricondurre ai vicini giacimenti di Lignite che ancora oggi producono tonnellate di materiale le cui previsioni stimano durare almeno fino al 2040 (Depositi facenti parte del complesso di Legnica-Ścinawa). Menzionata per la prima volta nel 1004, fu capitale del ducato slesiano di Legnica dal 1164 al 1675, retta dalla dinastia dei Piasti; nei pressi della città, a Legnickie Pole, nel 1241 l’esercito polacco ai comandi del duca di Slesia Enrico il Pio e appoggiato dai cavalieri dell'Ordine Teutonico, venne sconfitto dalle armate mongole di Baidar Khan, nella battaglia detta di Liegnitz. Il 9 aprile 2011 si sono celebrati i 770 anni trascorsi da questa battaglia con feste in maschera e manifestazioni a tema. Ricostruita dopo le distruzioni mongole, la città passò all’Austria nel 1675 e alla Prussia nel 1742, rimanendo a far parte della provincia prussiana della Bassa Slesia fino al 1945, quando fu occupata dalle truppe sovietiche; la conferenza di Potsdam la affidò alla Polonia. Durante questo periodo, Legnica divenne un avamposto del regime sovietico, tanto da essere chiamata 'Piccola Mosca' (Mala Moskwa). L'aeroporto era usato dal quarto reggimento aereo e circa il 30% del territorio comunale era in mano ai russi. L'area occupata ad uso militare (circa 39 ettari) era cintata da un muro alto 2 metri che formava una zona denominata 'Kwadrat', inaccessibile ai polacchi e autosufficiente. Nelle altre zone della città, circa 2500 appartamenti/case erano stati espropriati e usati da civili e collaboratori del regime sovietico. Il 16 settembre 1993, dopo 48 anni, l'ultima truppa lascio' definitivamente la città.

Luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

La città è dotata di un ampio parco, situato a ridosso del fiume Kaczawa, vera oasi di pace e tranquillità dove non è raro vedere gli scoiattoli. Il parco è stato seriamente danneggiato e molti dei suoi alberi secolari sono stati sradicati dalla furia di un tornado abbattutosi sulla città e zone limitrofe il 22 luglio 2009.

Tra gli edifici cittadini più interessanti, molti dei quali danneggiati nel corso della seconda guerra mondiale, si ricordano l’imponente Castello del 1176, il teatro, la chiesa gotica trecentesca dei Santi Pietro e Paolo, la chiesa barocca dei Gesuiti e il Palazzo Municipale, entrambi del XVIII secolo.

Importante nodo ferroviario sulle linee che collegano Breslavia a Berlino e a Dresda, Legnica conta diverse industrie, specializzate nei settori metallurgico (fonderie di rame), tessile, dell’abbigliamento, alimentare; si distingue inoltre per la produzione di cavi elettrici e di pianoforti.

Nella zona sud-est, a circa 4,5 km dal centro, è presente una pista di volo lunga 1600 metri (Codice IATA EPLE), ex aeroporto sovietico, teatro di una affollatissima messa celebrata da papa Giovanni Paolo II. Attualmente è inutilizzato, fatta eccezione per una piccola parte sulla quale sono sorti alcuni centri commerciali.

Il Rynek (Piazza del Mercato) è stato recentemente sistemato e ora ospita anche una centro commerciale chiamato Galeria Piastòw. Poco lontano, su via Chojnowska, proprio davanti all'edificio che ospitava il tribunale sovietico, è stata recentemente inaugurata la Galeria Gwarna. Altri centri commerciali importanti sono Carrefour, Auchan, Real, Castorama, Kaufland, Decathlon, Leroy Merlin e Mediamarkt. Prossimamente sarà realizzato Makro.

Sport[modifica | modifica sorgente]

La locale squadra di calcio Autonomiczna Sekcja Piłki Nożnej Miedź Legnica (abbreviato in Miedz Legnica), fondata nel 1971, ha in Bacheca la Coppa di Polonia vinta nel 1992.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Polonia Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Polonia