Bianca Guidetti Serra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Bianca Guidetti Serra (Torino, 19 agosto 1919Torino, 24 giugno 2014) è stata un avvocato, politica e partigiana italiana.

Bianca Guidetti Serra
Bianca-guidetti-serra.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature X
Gruppo
parlamentare
Democrazia Proletaria
Collegio Torino
Incarichi parlamentari
Componente di organi parlamentari:
  • Componente della Giunta per le autorizzazioni a procedere in giudizio dal 23 luglio 1987 al 15 maggio 1991
  • Componente della 2a Commissione (Giustizia) dal 4 agosto 1987 al 15 maggio 1991
  • Componente del Comitato parlamentare per i procedimenti d'accusa dal 19 gennaio 1989 al 15 maggio 1991
  • Componente della Commissione parlamentare per il parere al governo sulle norme delegate relative al nuovo codice di procedura penale dal 23 ottobre 1987 al 15 maggio 1991
  • Componente della Commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni ciminali similari
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico indipendente nelle liste di Democrazia Proletaria
Titolo di studio Laureata in Giurisprudenza
Professione Avvocata, politica

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di un avvocato civilista e di una sarta[1], rimase orfana di padre appena diciottenne; la sua scelta antifascista avvenne fin dal tempo del liceo, per reazione alle leggi razziali di cui vedeva i soprusi che imponevano ai suoi amici ebrei, tra cui Primo Levi e Alberto Salmoni che nel maggio 1945, a guerra appena finita, sarebbe diventato suo marito.

La partecipazione alla Resistenza[modifica | modifica wikitesto]

Partecipa attivamente alla Resistenza nelle file del PCI e, insieme ad Ada Gobetti per il Partito d'Azione e altre militanti delle varie forze aderenti al CLN, organizza la rete torinese dei "Gruppi di difesa della donna e per l'assistenza ai combattenti della libertà", stampando e diffondendo clandestinamente il giornalino "La difesa della lavoratrice"; organizza brevi comizi clandestini in preparazione del 25 aprile 1945[2]. Furono indirizzate a lei le uniche due cartoline postali con cui Primo Levi dette notizia della sua deportazione e della sua prigionia ad Auschwitz.

L'attività da avvocato[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la Liberazione, intraprende l'attività di avvocata penalista: è una dei 6 avvocati donna su 800 appartenenti al Foro torinese[3]. L'impegno professionale e politico di Bianca è attivo nel campo del diritto di famiglia e della tutela dei più deboli, dei minori e carcerati, nelle fabbriche torinesi per assistere gli operai per conto della Camera del lavoro, nelle cause di lavoro come nelle prime battaglie giudiziarie contro la nocività e l'inquinamento ambientale (Ipca di Cirié; Eternit di Casale Monferrato). Negli anni settanta è protagonista di grandi processi "politici" di rilievo nazionale, tra cui quello contro le schedature politiche degli operai alla FIAT.

Operò attivamente in molte associazioni. A nome dei Giuristi democratici, fece parte di delegazioni internazionali a sostegno delle donne carcerate (1959) e dei sindacalisti processati (1973) nella Spagna franchista, e poi ancora in Paraguay (1979) per il caso di un desaparecido argentino. Fu tra i soci fondatori, nel 1961, del Centro studi Piero Gobetti (di cui, nel 1994, divenne presidente per un decennio); con Francesco Santanera fu socia fondatrice, nel 1962, dell'Anfaa (Associazione nazionale famiglie adottive e affilianti), che si batté per la riforma della legge sulle adozioni, e nel 1965 dell'Uces (Unione contro l'emarginazione sociale) in difesa dei minori maltrattati negli orfanotrofi o negli istituti di ricovero.

L'attività nelle istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni ottanta e novanta partecipa attivamente alla vita politico-istituzionale dapprima in ambito torinese e poi nazionale: candidata indipendente, presentata come capolista dal gruppo di Democrazia Proletaria, viene eletta (1985) nel Consiglio comunale di Torino, e si occupa principalmente di carcere, in particolare sui temi della socialità negli istituti di pena, della ricerca di forme alternative di pena, dei servizi ai detenuti e delle misure per il reinserimento dei detenuti[1].

Nel 1987 si dimette da consigliere per presentarsi, sempre come indipendente nelle file di Democrazia Proletaria, alle elezioni per la Camera dei Deputati; in Parlamento partecipa ai lavori delle Commissioni giustizia e antimafia occupandosi degli stessi temi di cui si era sempre occupata come avvocata, i temi della legalità e dei diritti, in particolare a tutela dei più deboli: minori, carcerati e lavoratori[1]. Nel 1990, insieme a Medicina Democratica e all'Associazione Esposti Amianto (AEA) partecipa e alla presentazione, come prima firmataria, di una proposta di legge per la messa al bando dell'amianto, approvata poi nel 1992 ("Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto", Legge n. 257 del 27 marzo 1992[4]).

Dimessasi dal Parlamento nel 1990, viene nuovamente eletta al Consiglio comunale di Torino, ma questa volta come indipendente del Partito Democratico della Sinistra. Rimase in carica fino al 1999, dimettendosi a metà del secondo mandato della giunta guidata dal sindaco Valentino Castellani[1]. Si è dedicata da sempre a questioni centrali quali la giustizia, la galera, l'ergastolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Bianca Guidetti Serra, Il paese dei celestini. Istituti di assistenza sotto processo, Torino, Einaudi, 1973.
  • Bianca Guidetti Serra, Compagne. Testimonianze di partecipazione politica femminile, Torino, Einaudi, 1977, ISBN 8806096133.
  • Bianca Guidetti Serra, Le schedature Fiat. Cronaca di un processo e altre cronache, Rosenberg & Sellier, 1984, ISBN 8870111857.
  • Bianca Guidetti Serra, Storie di giustizia, ingiustizia e galera (1944-1992), Linea d'ombra edizioni, 1994, ISBN 8809150066.
  • Bianca Guidetti Serra con Santina Mobiglia, Bianca la rossa, Torino, Einaudi, 2009, ISBN 8806196650.
  • Bianca Guidetti Serra, Contro l'ergastolo. Il processo alla banda Cavallero, Edizioni dell'Asino, 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN50632372 · ISNI (EN0000 0000 2513 8293 · LCCN (ENn84155411