Ente locale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un ente locale è un ente pubblico di governo locale la cui competenza è limitata entro un determinato ambito territoriale (ad esempio una circoscrizione).

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Età comunale.

Caratteri generali[modifica | modifica wikitesto]

Tali organi perseguono interessi pubblici propri di tale circoscrizione. Agli enti locali si contrappongono gli enti nazionali che hanno organi la cui competenza si estende su tutto il territorio statale o che, pur essendo destinati ad operare in un ambito territoriale limitato, perseguono nondimeno interessi pubblici di portata nazionale.

In quanto enti pubblici, gli enti locali possono essere dotati di potestà amministrative (autarchia) e normative (autonomia). L'attribuzione di funzioni agli enti locali realizza il cosiddetto decentramento autarchico, che si contrappone al decentramento burocratico nel quale, invece, le funzioni sono attribuite ad organi periferici di dicasteri statali (o di un ente locale più ampio).

Nell'ambito degli enti locali si distinguono gli enti locali territoriali, per i quali il territorio della circoscrizione non è solo limite della competenza degli organi ma anche un elemento costitutivo dell'ente stesso, i cui organi di governo sono rappresentativi della popolazione residente. Attraverso questi enti si realizza l'autogoverno della comunità residente nella circoscrizione, secondo vari gradi di autonomia che raggiunge il massimo nei sistemi federali. Il concetto di ente locale è più ampio di quello di ente territoriale locale, sebbene nel linguaggio corrente si tenda ad usare il primo termine come sinonimo del secondo.

Nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ente locale (ordinamento italiano).

Nell'ordinamento italiano il termine ente locale è usato, oltre che con il significato più generale di cui si è detto, con un significato più specifico, derivato dall'uso che ne fa il legislatore, per riferirsi agli enti locali territoriali diversi dalla regione: comuni, province e città metropolitane, previsti dall'art. 114 della Costituzione, nonché comunità montane, comunità isolane, unioni di comuni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]