Battaglia di Marsa Matruh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di Marsa Matruh
parte della Campagna del Nordafrica della seconda guerra mondiale
Advance of the Panzerjager-Abteilung 39-AC1942.jpg
Carri armati tedeschi
Data26-29 giugno 1942
LuogoMarsa Matruh, Egitto
EsitoVittoria italo-tedesca
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Tedesco: 60 carri armati tedeschi e 40 carri armati italiani200 carri armati
Perdite
8 000Oltre 3 000 tra morti e feriti
40 carri armati
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Marsa Matruh fu combattuta dal 26 al 29 giugno 1942, in seguito alla sconfitta dell'ottava armata (guidata dal generale Sir Claude Auchinleck) nella battaglia di Ain el-Gazala e fece parte della campagna del deserto occidentale della seconda guerra mondiale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 giugno 1942 la 90ª Divisione Leggera guidata dal generale tedesco Ulrich Kleeman con soli 1 500 uomini[1] riuscì ad aprirsi un varco tra il 10° (del generale William Holmes) e il 13º Corpo (del generale William Gott) britannici, portando letteralmente lo scompiglio tra le linee nemiche. Durante la notte del 28 e del 29 giugno, i britannici tentarono di contrattaccare senza successo.[2] Il giorno dopo, le forze britanniche si ritirarono anche da Marsa Matruh, lasciando nelle mani nemiche altri 6 000 prigionieri e un gran quantitativo di materiale vario.[3]

La caduta di Marsa Matruh provocò un cambio al vertice dell'8ª Armata britannica: il generale Neil Ritchie venne sostituito dal parigrado Claude Auchinleck. Dal Medio Oriente vennero fatti affluire nuovi rinforzi in uomini e mezzi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Samuel W. Mitcham, Rommel's Desert Commanders, Greenwood Publishing Group, 2007, pag. 146
  2. ^ David T. Zabecki, World War II in Europe: An Encyclopedia, Volume 1, p. 1578, Taylor & Francis, 1999
  3. ^ Dino Campini, Ferrea Mole Ferreo Cuore, Italia Storica, 2015, p. 180.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Seconda guerra mondiale: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della seconda guerra mondiale