Invasione alleata della Germania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Invasione alleata della Germania
parte della seconda guerra mondiale
Wernberg1945.jpg
Avanzata dell'11ª Divisione corazzata statunitense a Wernberg nell'aprile 1945
Data8 febbraio – 8 maggio 1945
LuogoGermania
EsitoDecisiva vittoria degli Alleati
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
4 500 000 soldati in 91 divisioni[1]
17 000 corazzati[2]
28 000 velivoli[3]
63 000 pezzi d'artiglieria[4]
970 000 veicoli[3]
1 600 000 soldati[5][6]
500 tra cannoni d'assalto e corazzati[7]
2 000 velivoli[8]
Perdite
Statunitensi:
62 704 vittime di cui 15 009 morti[9]
Canadesi:
6 298 vittime di cui 1 482 morti[10]
Britannici e Francesi sconosciute
Tra 265 000 e 400 000 vittime su tutti i fronti[11][12][13][14]
200 000 prigionieri
(gennaio–marzo)
5 400 000 arresisi agli Alleati
(aprile–giugno)[15]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

L'invasione alleata della Germania fu l'insieme delle ultime operazioni e manovre militari avvenute sul fronte occidentale della seconda guerra mondiale. Da febbraio a maggio del 1945, gli Alleati organizzarono e misero in atto una serie di manovre con l'intento di attraversare il fiume Reno, dilagare in Germania e costringere i tedeschi alla resa, avvenuta dopo l'occupazione sovietica di Berlino e la morte di Hitler.

Gli antefatti[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della primavera del 1945, dopo aver respinto in gennaio l'offensiva delle Ardenne, l'ultimo grande attacco tedesco sul fronte occidentale, tutto era pronto per un'azione decisiva degli Alleati che ponesse fine alla seconda guerra mondiale.

Dopo il fallimento nelle Ardenne, l'Esercito tedesco era ormai allo stremo e le rimanenti forze non erano in grado di poter resistere ad un'ennesima offensiva alleata in Europa occidentale. Inoltre, tra febbraio e marzo 1945, l'avanzata in Renania aveva permesso agli Alleati di impadronirsi del ponte di Ludendorff, a Remagen, che permettendo alle truppe anglo-americane di oltrepassare agevolmente il fiume Reno e di dilagare in Germania, causando in quei due mesi circa 400 000 perdite tedesche e facendo 280 000 prigionieri.[16]

Sul fronte orientale, l'Armata Rossa aveva conquistato la maggior parte della Polonia e si stava spingendo verso l'Ungheria e la Cecoslovacchia fermandosi sulla linea Oder-Neisse, tra Germania e Polonia. L'avanzata delle truppe sovietiche aveva travolto molte unità di combattimento tedesche limitando la capacità di Hitler e dei generali tedeschi di fornire rinforzi alle difesa sul Reno.

Le forze in campo[modifica | modifica wikitesto]

Gli Alleati[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 1945 il Comandante supremo delle forze alleate, il generale Dwight D. Eisenhower aveva a disposizione 73 divisioni nell'Europa nord-occidentale: 49 di fanteria, 20 corazzate e 4 aviotrasportate. Di queste, 49 divisioni erano statunitensi, 12 britanniche, 8 francesi, 3 canadesi e una polacca. Nel febbraio 1945 allo schieramento alleato si aggiunsero 7 divisioni americane,[17] mentre dal fronte italiano giunsero la 5ª Divisione di fanteria britannica e il I Corpo d'Armata canadese. Ulteriori rinforzi giunsero per l'inizio dell'invasione, portando il totale di unità a disposizione di Eisenhower a 90 divisioni, di cui 25 corazzate, distribuite lungo una linea del fronte sul Reno lunga 720 km, dal confine franco-svizzero fino alla foce del fiume nei Paesi Bassi.[18]

Le forze alleate erano organizzate in tre Gruppi d'Armate. Dal Mare del Nord fino a circa 16 km a nord di Colonia, era schierato il 21º Gruppo d'Armate britannico comandato dal generale Bernard Montgomery e costituito, da nord a sud, dalla 1ª Armata canadese guidata da Harry Crerar, dalla 2ª Armata britannica di Miles Dempsey e dalla 9ª Armata statunitense di William H. Simpson. Al centro della linea alleata, fino a circa 24 km a sud di Magonza, era schierato il 12º Gruppo d'Armate statunitense di Omar Bradley. Sotto il comando di Bradley c'erano la 1ª Armata statunitense di Courtney Hodges a nord e la 3ª Armata statunitense di George S. Patton a sud. Infine, da Magonza fino al confine con la Svizzera era schierato il 6º Gruppo d'Armate statunitense comandato dal generale Jacob L. Devers e costituito dalla 7ª Armata statunitense di Alexander Patch a nord e dalla 1ª Armata francese del generale Jean de Lattre de Tassigny a sud.[19]

Quando gli Alleati giunsero sulla sponda occidentale Reno, Eisenhower cominciò a ripensare i suoi piani per la spinta finale oltre il fiume, nel cuore della Germania. Originariamente, aveva programmato di eliminare tutte le sacche di resistenza lungo il fiume, usandolo come barriera naturale per difendere le aree più deboli del fronte. Dopodiché, la spinta decisiva sarebbe stata affidata alle truppe di Montgomery, le quali avrebbero dovuto avanzare verso est e unirsi alla 1ª Armata statunitense, che nel frattempo avrebbe dovuto oltrepassare il fiume più a sud, in direzione nord-est. Se avessero avuto successo, la manovra a tenaglia avrebbe circondato la valle del fiume Ruhr e la sua area industriosa, neutralizzando ciò che rimaneva della capacità industriale della Germania.[20]

I tedeschi[modifica | modifica wikitesto]

A difesa del Reno, vi era l'Oberbefehlshaber West ("Comando d'Armata Ovest") comandato dal feldmaresciallo Albert Kesselring che, il 10 marzo 1945, aveva sostituito il feldmaresciallo Gerd von Rundstedt come comandante in capo della Wehrmacht sul fronte occidentale. Kesselring aveva dimostrato durante la campagna d'Italia ottime capacità difensive, tuttavia non aveva a disposizione uomini e mezzi sufficienti per poter fermare gli Alleati. Durante le battaglie a ovest del Reno, fino al marzo 1945, le forze tedesche sul fronte occidentale erano state ridotte a 26 divisioni, organizzate nell'Heeresgruppe H, B e G, e non c'erano possibilità di ottenere rinforzi. L'Oberkommando der Wehrmacht, infatti, continuava a concentrare la maggior parte delle risorse per frenare l'avanzata sovietica da est, tanto che si stimò ci fossero circa 214 divisioni tedesche schierate sul fronte orientale nell'aprile 1945.[21]

Il 21 marzo, il quartier generale dell'Heeresgruppe H divenne l'Oberbefehlshaber Nordwest, comandato da Ernst Busch che lasciò l'ex comandante dell'Heeresgruppe H, Johannes Blaskowitz, a guidare il Comando d'Armata "Olanda" (25ª Armata) nei Paesi Bassi. Busch comandò quindi il fianco destro delle difese tedesche, vantando come unità principale la 1ª Armata paracadutistica. Al centro, a difesa della Ruhr, Kesselring aveva posto il feldmaresciallo Walther Model al comando dell'Heeresgruppe B, che comprendeva la 15ª Armata e la 5ª Armata corazzata. A sud infine vi era l'Heeresgruppe G di Paul Hausser, con la , la e la 19ª Armata.[21][22]

La strategia di Eisenhower[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver occupato il bacino della Ruhr, Eisenhower aveva programmato di far avanzare il 21º Gruppo d'Armate britannico verso Berlino attraversando la Germania settentrionale, protetto dal 12º e dal 6º Gruppo d'Armate statunitensi che avrebbero dovuto portare a termine offensive secondarie per impedire ai tedeschi di contrastare efficacemente le manovre di Montgomery. In caso quest'ultimo avesse trovato delle difficoltà, l'avanzata degli statunitensi avrebbe permesso di continuare verso Berlino da un'altra direttrice.[20]

Nel marzo 1945, però, Eisenhower decise di rivedere la sua strategia. Gli giunsero infatti notizie che i sovietici avevano passato il fiume Oder, a soli 50 km da Berlino mentre gli anglo-americani distavano ancora a quasi 500 km dalla capitale tedesca e dovevano ancora attraversare il fiume Elba, a più di 300 km dalle loro attuali posizioni. Risultava quindi chiaro che i sovietici sarebbero giunti a Berlino molto prima degli Alleati, rendendo inutile una corsa per la città. Eisenhower quindi rivolse la sua attenzione su altri obiettivi, in particolar modo l'incontro tra le truppe alleate e quelle sovietiche in modo da dividere le forze tedesche in due e poterle sconfiggere più facilmente, impedendo loro di organizzare una difesa unificata.[20]

A ciò si aggiunse la questione della Ruhr. Nonostante nella regione vi fosse un significativo numero di soldati dell'Asse e sufficienti complessi industriali da considerarla un obiettivo importante, l'intelligence alleata riteneva che molta dell'industria bellica era stata spostata più a sud-est, nell'entroterra tedesco. Crebbe quindi l'importanza di un'offensiva oltre il Reno anche da sud.[20]

Sempre riguardo l'offensiva meridionale, circolavano insistenti voci che Hitler e il suo Stato Maggiore avessero intenzione di asserragliarsi in un ridotto alpino (in tedesco Alpenfestung) per resistere ad oltranza tra la Germania meridionale e l'Austria occidentale. Se avessero resistito per un anno o più, il dissenso tra sovietici e Alleati avrebbe potuto dare loro una leva politica per una pace per loro in qualche modo favorevole. In realtà, già quando gli Alleati attraversarono il Reno, la Wehrmacht aveva subito perdite così pesanti su entrambi i fronti che non sarebbe stata in grado di organizzare azioni d'interdizione, meno ancora raggruppare truppe sufficienti per organizzare una resistenza alpina. Tuttavia, l'intelligence alleata non poteva negare con certezza che le forze tedesche rimanenti avrebbero organizzato un'ultima resistenza suicida sulle Alpi. Impedire ciò divenne un altro argomento per ripensare il ruolo dell'offensiva meridionale.[23]

Forse la ragione principale per dare maggiore enfasi all'assalto meridionale ebbe più a che fare con le azioni statunitensi che con quelle tedesche. Mentre, infatti, a nord Montgomery stava pianificando con attenzione e cautela la sua offensiva, che prevedeva l'uso di artiglieria in modo massiccio e di un assalto aviotrasportato, le forze americane a sud manifestavano tutt'altro stile, mostrando un'aggressività che Eisenhower apprezzava. Tale comportamento portò, il 7 marzo, alla battaglia di Remagen dove la 1ª Armata statunitense prese il ponte di Ludendorff, l'ultimo rimasto intatto sul Reno.[23]

Poco più a sud, nella regione della Saar-Palatinato, la 3ª Armata di Patton aveva duramente colpito la 7ª Armata tedesca e, assieme alla 7ª Armata statunitense, aveva quasi distrutto la 1ª Armata della Wehrmacht. In cinque giorni di battaglia, tra il 18 e il 22 marzo, le forze di Patton catturarono 68 000 tedeschi, eliminando le ultime posizioni tedesche a ovest del Reno. Anche se l'avanzata di Montgomery rimaneva l'assalto principale, Eisenhower credeva che il buon momento degli americani poteva essere usato meglio che per tenere la linea lungo il fiume, o limitandoli a manovre diversive. A fine marzo, infine, Eisenhower decise di dare maggior responsabilità alle sue forze meridionali e gli eventi dei primi giorni dell'ultima campagna della guerra furono sufficienti per convincerlo di aver fatto la scelta giusta.[23]

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Le ultime operazioni delle forze alleate tra il 19 aprile e il 7 maggio 1945.

Il 19 marzo Eisenhower ordinò a Bradley di prepararsi ad attaccare a partire dal 22 marzo. Due giorni dopo, il 21 marzo Bradley autorizzò un'offensiva di Patton sul Reno per preparare l'avanzata di Montgomery. Patton fece finta di avanzare verso nord del fiume Meno (che scorre parallelamente al Reno 48 km a est di questo), dove i tedeschi si aspettavano un'offensiva, ma attaccò a Nierstein-Oppenheim.

La notte del 22 marzo la 5ª Divisione statunitense di fanteria attraversò il Reno senza incontrare resistenza, seguita in pochi giorni dal resto della 3ª Armata. Il 26 marzo la 6ª Armata attaccò le forze tedesche a Worms (40 km a sud di Magonza) e, superate le difese nemiche, si assestò oltre il Reno. A seguito di questi successi, il generale Montgomery lanciò l'Operazione Plunder e attraversò il Reno a capo del 21º Gruppo d'Armate composto da oltre 1.250.000 uomini.

In pochi giorni le forze alleate avevano intrappolato l'esercito tedesco nella Ruhr e in pochi giorni il Gruppo d'armate B dell'esercito tedesco dovette arrendersi (oltre 325.000 soldati tedeschi vennero fatti prigionieri) e il suo comandante Walther Model si suicidò. L'offensiva alleata proseguì lungo l'Elba. La 1ª Armata di Hodge avanzò verso Lipsia mentre a nord la 9ª Armata progredì verso Magdeburgo. A sud la 3ª Armata di Patton si diresse a est verso Chemnitz e proseguì verso l'Austria. Contemporaneamente il generale Denver mosse verso la Baviera e la Foresta Nera.

Il 9 aprile 1945 il 12º Gruppo d'Armate USA oltrepassò l'Elba. Ormai le difese tedesche erano stremate e opponevano scarsa resistenza. Il 26 aprile tutti gli eserciti alleati si ricongiunsero a Torgau (dove avvenne l'incontro tra il generale Emil F. Reinhardt e il generale Vladimir Rusakov) tagliando in due il territorio tedesco.

La resa tedesca[modifica | modifica wikitesto]

Le posizioni degli Alleati e dell’Armata Rossa nel maggio 1945

Alla fine di aprile ormai il Terzo Reich era stato distrutto. Hitler si suicidò il 30 aprile 1945 lasciando all'ammiraglio Karl Dönitz il compito di arrendersi. Dopo aver cercato invano di negoziare (proponendo una resa solo sul fronte occidentale) il 7 maggio Dönitz incaricò il generale Alfred Jodl di firmare la resa incondizionata. L'8 maggio 1945, con la capitolazione della Wehrmacht e la fine del nazismo, aveva termine la guerra in Europa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MacDonald (2005), p. 322.
    Sono incluse 25 divisioni corazzate e 5 aviotrasportate. In tutto furono impiegate 55 divisioni statunitensi, 18 britanniche, 11 francesi, 5 canadesi e una polacca, oltre a diverse brigate indipendenti. Una delle divisioni britanniche e uno dei corpi d'armata canadesi giunsero dall'Italia a campagna già cominciata.
  2. ^ (EN) Tanks and AFV News, su tankandafvnews.com, 27 gennaio 2015.
    In questa intervista Steven Zaloga afferma che i carri armati e i cacciacarri statunitensi ammontavano a 11 000. Afferma inoltre che gli Stati Uniti componevano i 2/3 delle forze alleate totali.
  3. ^ a b MacDonald (2005), p. 478.
  4. ^ (EN) S. L. A. Marshall, On Heavy Artillery: American Experience in Four Wars", in Journal of the US Army War College, p. 10.
    Nell'articolo viene riportato che le forze armate statunitensi sul fronte occidentale ("The ETO") potevano contare su 42 000 pezzi d'artiglieria, i 2/3 delle unità totali.
  5. ^ Glantz (1995), p. 304.
  6. ^ Zimmerman (2008), p. 277.
  7. ^ (EN) Tanks and AFV News, su tankandafvnews.com, 27 gennaio 2015.
    Citando una stima data in un'intervista da Steven Zaloga.
  8. ^ (EN) Alfred Price, Luftwaffe Data Book, Greenhill Books, 1997.
  9. ^ Dept of the Army (1953), p. 92.
  10. ^ Stacey & Bond (1960), p. 611.
  11. ^ Il generale statunitense George Marshall stimò circa 263 000 tedeschi morti tra lo sbarco in Normandia e la resa della Germania, o in un periodo più lungo.
    (EN) George C. Marshall, Biennial reports of the Chief of Staff of the United States Army to the Secretary of War : 1 July 1939-30 June 1945, Washington DC, Center of Military History, 1996, p. 202.
  12. ^ Lo storico della Germana Ovest Burkhart Müller-Hillebrand (in Das Heer 1933–1945, Vol 3, pagina 262) stimò 265 000 morti per qualunque causa e 1 012 000 dispersi o prigionieri di guerra su tutti i fronti tra il 1º gennaio e il 30 aprile 1945.
  13. ^ In MacDonald (1993), pagina 478, si afferma che "esclusi i prigionieri di guerra, tutte le vittime tedesche sul fronte occidentale dal D-Day alla fine del conflitto probabilmente coincidono con quelle alleate, o sono leggermente superiori". Viene inoltre riportato: "le uniche informazioni specifiche disponibili provengono dall'Oberbefehlshaber West per il periodo 2 giugno 1941 – 10 aprile 1945 come seguono: morti 80 819; feriti 265 526; dispersi 490 624; totali 836 969. (Del totale, 4 548 vittime si ebbero prima del D-Day). Si vedano i rapporti: Der Heeresarzt im Oberkommando des Heeres Gen St d H/Gen Qu, Az.: 1335 c/d (IIb) Nr.: H.A./263/45 g. Kdos. of 14 Apr 45 and 1335 c/d (Ilb) (nessuna data, ma prima della fine del 1945). Il primo è nell'OCMH X 313, un'istantanea di un documento contenuto nella cartella H 17/207 dell'armamento tedesco; l'ultimo nella cartella 0KW/1561 (OKW Wehrmacht Verluste). Questi dati riguardano solo l'Esercito, sono escluse quindi unità di terra della Luftwaffe e le Waffen-SS. Poiché raramente i tedeschi rimanevano in controllo del campo di battaglia in modo da poter verificare lo stato dei dispersi, una percentuale considerevole di questi probabilmente sono morti. Il ritardo nei rapporti potrebbe aver impedito alle stime di riflettere le pesanti perdite durante la corsa alleata al Reno nel marzo 1945 e di includere quelle nella sacca della Ruhr e in altre zone di combattimento nella Germania centrale".
  14. ^ Lo storico militare Rüdiger Overmans (Deutsche militärische Verluste im Zweiten Weltkrieg, Oldenbourg, 2000, pp. 265-272) sostiene, basandosi su estrapolazioni da campioni statistici di rapporti militari tedeschi, che le forze armate tedesche subirono 1 230 045 morti nelle "Battaglie finali" su entrambi i fronti da gennaio a maggio 1945. Le stime sono riportate come seguono: 401 660 morti in combattimento, 131 066 morti per altre cause, 697 319 dispersi e presunti morti. Secondo Overmans, le stime sono calcolate al "todeszeitpunkt", il punto di morte (la fine della guerra), e ciò significa che tali perdite sono state subite tra gennaio e maggio 1945 (pp. 275, 279). Afferma inoltre che non ci sono dati sufficienti per dare un numero esatto alla stima di 1,2 milioni di morti negli scontri finali in Germania (p. 174). Dà però una stima complessiva delle vittime di guerra nelle forze armate in quel periodo, ossia 5,3 milioni di uomini; 4 milioni (75%) sul fronte orientale, 1 milione (20%) su quello occidentale e 500 000 (10%) su altri teatri. Fino al dicembre 1944, le perite a occidente erano state di 340 000 uomini, quindi tra il gennaio e il maggio 1945 le vittime tedesche potrebbero essere state tra le 400 000 e le 600 000 (p. 265).
  15. ^ (DE) Rüdiger Overmans, Soldaten hinter Stacheldraht. Deutsche Kriegs-gefangene des Zweiten Weltkrieges, Ullstein Taschenbuchvlg, 2002, p. 273.
    Durante il periodo da gennaio a marzo 1945, i prigionieri di guerra finiti in mani alleati erano circa 200 000; tra aprile e giugno 1945 il numero crebbe fino a 5 440 000, a causa del gran numero di soldati che si arresero di spontanea volontà. Questo numero non include prigionieri di guerra che morirono o che furono rilasciati in quello stesso periodo.
  16. ^ Zaloga & Dennis (2006), p. 88.
  17. ^ Hastings (2005), p. 465.
  18. ^ Bedessem (1996), p. 3.
  19. ^ Bedessem (1996), pp. 3–6.
  20. ^ a b c d Bedessem (1996), p. 6.
  21. ^ a b Keegan (1989), p. 182.
  22. ^ (EN) Marcus Wendel, Heer, su AxisHistory.com.
  23. ^ a b c Bedessem (1996), p. 7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]