Resistenza nella seconda guerra mondiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Con resistenza nella seconda guerra mondiale, si intendono quei movimenti sviluppatosi in ogni paese occupato con una varietà di mezzi, che vanno dalla non cooperazione alla propaganda, al nascondere i piloti caduti e persino alla guerra aperta e alla riconquista delle città.

I movimenti di resistenza possono essere suddivisi in due campi politicamente polarizzati: la resistenza antifascista e solitamente guidata dal Partito Comunista locale che esisteva in quasi tutti i paesi del mondo; e i vari gruppi di resistenza nazionalista fascista/anticomunista nei paesi occupati dai nazisti o dai sovietici che si opponevano ai fascisti stranieri e ai comunisti, spesso cambiando schieramento a seconda delle vicissitudini della guerra.

Tra i movimenti di resistenza più importanti c'erano la Resistenza polacca (incluso l'esercito nazionale polacco, e tutto lo Stato segreto polacco), i partigiani jugoslavi, i partigiani sovietici, la resistenza italiana (guidata principalmente dal CLN), la resistenza greca, la resistenza francese, la resistenza belga, la resistenza norvegese, la resistenza danese, la resistenza ceca, la resistenza albanese, la resistenza olandese e l'opposizione nella stessa Germania (c'erano 16 principali gruppi di resistenza e almeno 27 tentativi falliti di assassinare Hitler con molti altri pianificati).

Molti paesi avevano movimenti di resistenza dedicati a combattere o indebolire gli invasori dell'Asse, e la stessa Germania nazista aveva anche un movimento antinazista. Sebbene la Gran Bretagna non fosse stata occupata durante la guerra, eccozion fatta per le Isole del Canale, gli inglesi fecero preparativi complessi per un movimento di resistenza britannico. L'organizzazione principale fu creata dal Secret Intelligence Service (SIS, alias MI6) ed è ora conosciuta come Sezione VII.[1] Inoltre c'era una forza di comando segreta a breve termine chiamata Unità ausiliarie. Varie organizzazioni sono state anche costituite per stabilire cellule di resistenza straniere o supportare movimenti di resistenza esistenti, come il British Special Operations Executive e l'American Office of Strategic Services (il precursore della Central Intelligence Agency).

C'erano anche movimenti di resistenza che combattevano contro gli invasori alleati. Nell'Africa orientale italiana, dopo che le forze italiane furono sconfitte durante la campagna dell'Africa orientale, alcuni italiani parteciparono a una guerriglia contro gli inglesi (1941-1943). Il movimento di resistenza tedesco e nazista Werwolf, e i " Fratelli della foresta " di Estonia, Lettonia e Lituania includevano molti combattenti che operarono contro l'occupazione sovietica degli Stati baltici negli anni '60. Durante o dopo la guerra, una simile resistenza antisovietica sorse in luoghi come Romania, Polonia, Bulgaria, Ucraina e Cecenia.

Mentre storici e governi di alcuni paesi europei hanno tentato di ritrarre la resistenza all'occupazione nazista come diffusa tra le loro popolazioni,[2] solo una piccola minoranza di persone ha partecipato alla resistenza organizzata, stimata dall'uno al tre percento della popolazione dei paesi dell'Europa occidentale. Nell'Europa orientale, dove il dominio nazista era più oppressivo, una percentuale maggiore di persone faceva parte dei movimenti di resistenza organizzati, ad esempio, si stima il 10-15 percento della popolazione polacca. La resistenza passiva per mancata cooperazione con gli occupanti era molto più comune.[3]

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il primo shock della guerra lampo, la gente iniziò lentamente ad organizzarsi, sia a livello locale che su scala più ampia, specialmente quando ebrei e altri gruppi iniziarono ad essere deportati e usati come Arbeitseinsatz (lavoro forzato per i tedeschi). L'organizzazione era pericolosa, quindi la maggior parte delle azioni di resistenza veniva eseguita da singoli individui. Le possibilità dipendevano molto dal terreno; dove c'erano ampi tratti di terra disabitata, specialmente colline e foreste, la resistenza poteva organizzarsi più facilmente; questo favoriva in particolare i partigiani sovietici nell'Europa orientale. Nei paesi più densamente popolati come i Paesi Bassi, venne sfruttata la natura selvaggia di Biesbosch. Nell'Italia settentrionale, sia le Alpi che gli Appennini offrivano rifugio alle brigate partigiane, sebbene molti gruppi operassero direttamente all'interno delle maggiori città.

C'erano molti tipi diversi di gruppi, che andavano dall'aiuto umanitario alla resistenza armata.

La resistenza di solito nasceva spontaneamente, ma spesso veniva incoraggiata, finanziata e supportata da Londra e Mosca.

Dimensione[modifica | modifica wikitesto]

I cinque maggiori movimenti di resistenza in Europa erano olandesi, francesi, polacchi, sovietici e jugoslavi; nel complesso le loro dimensioni possono essere considerate comparabili, in particolare negli anni 1941-1944.

Un certo numero di fonti indica che l'esercito polacco è stato il più grande movimento di resistenza nell'Europa occupata dai nazisti. Norman Davies scrive che "l'Armia Krajowa (Esercito Nazionale), potrebbe tranquillamente affermare di essere la più grande delle organizzazioni di resistenza europee".[4] Gregor Dallas scrive che "l'esercito nazionale (Armia Krajowa o AK) alla fine del 1943 contava circa 400.000 persone, il che la rendeva la più grande organizzazione di resistenza in Europa".[5] Mark Wyman scrive che "l'Armia Krajowa era considerata la più grande unità di resistenza in Europa in tempo di guerra".[6] Tuttavia, il numero dei partigiani sovietici era molto simile a quello della resistenza polacca,[7] come il numero dei partigiani jugoslavi. Per la Resistenza francese, François Marcot ha azzardato una stima di 200.000 attivisti e altri 300.000 con un coinvolgimento sostanziale nelle operazioni della Resistenza.[8] Per la Resistenza in Italia, si stima che, nell'agosto 1944, il numero dei partigiani raggiunse circa 100.000, e salì a più di 250.000 con l'insurrezione finale nell'aprile 1945.[9]

Forme di resistenza[modifica | modifica wikitesto]

Tra le forme di resistenza si annovera:

  • Resistenza non violenta
    • Sabotaggio - l'Arbeitseinsatz costringeva i locali a lavorare per i tedeschi, ma il lavoro veniva spesso svolto lentamente o intenzionalmente male.
    • Scioperi e manifestazioni.
    • Basata su organizzazioni esistenti, come chiese, studenti, comunisti e medici (resistenza professionale).
  • Resistenza armata
  • Spionaggio, compreso l'invio di rapporti di importanza militare (es. movimenti di truppe, bollettini meteorologici ecc.)
  • Stampa illegale per contrastare la propaganda nazista.
  • Propaganda antinazista, inclusi film, ad esempio il film a colori antinazista Calling Mr. Smith (1943) sugli attuali crimini nazisti nella Polonia occupata dai tedeschi.
  • Ascolto nascosto di trasmissioni della BBC per notiziari e messaggi in codice.
  • Resistenza politica per preparare la riorganizzazione dopo la guerra.
  • Aiutare le persone a nascondersi (ad esempio, per sfuggire all'Arbeitseinsatz o alla deportazione) era una delle attività principali nei Paesi Bassi, a causa del gran numero di ebrei e dell'alto livello di amministrazione, che rendeva facile per i tedeschi identificare gli ebrei.
  • Linee di fuga ed evasione per aiutare il personale militare alleato catturato dietro le linee dell'Asse
  • Aiutare i prigionieri di guerra con forniture illegali, evasioni, comunicazioni, ecc.
  • Falsificazione di documenti.

Operazioni di resistenza[modifica | modifica wikitesto]

1939-1940[modifica | modifica wikitesto]

Il primo partigiano della seconda guerra mondiale Hubal e la sua unità in Polonia nell'inverno 1939

Il 15 settembre 1939, un membro del movimento di resistenza ceco, Ctibor Novák, piantò ordigni esplosivi a Berlino. La sua prima bomba è esplosa davanti al ministero dell'Aeronautica e la seconda davanti alla questura. Entrambi gli edifici furono danneggiati e molti tedeschi furono feriti.

Il 28 ottobre 1939 (anniversario della fondazione della Cecoslovacchia nel 1918) ebbero luogo a Praga grandi manifestazioni contro l'occupazione nazista, a cui parteciparono circa 100.000 cechi. La polizia tedesca dovette disperdere i manifestanti e in serata iniziò a sparare. La prima vittima fu il fornaio Václav Sedláček, che fu ucciso. La seconda vittima era lo studente Jan Opletal. Altre 15 persone rimasero gravemente ferite e centinaia di persone riportarono ferite lievi.

Nel marzo 1940, un'unità partigiana della prima organizzazione di guerriglia della seconda guerra mondiale in Europa, guidata dal maggiore Henryk Dobrzański (Hubal) distrusse completamente un battaglione di fanteria tedesca in una scaramuccia nei pressi del villaggio polacco di Huciska. Pochi giorni dopo, in un'imboscata nei pressi del villaggio di Szałasy, causò gravi perdite a un'altra unità tedesca. Col passare del tempo, le forze di resistenza crebbero in dimensioni e numero. Per contrastare questa minaccia, le autorità tedesche formarono un'unità antipartigiana speciale di 1.000 uomini di forze combinate SS - Wehrmacht, incluso un gruppo Panzer. Sebbene l'unità di Dobrzański non superasse mai i 300 uomini, i tedeschi schierarono almeno 8.000 uomini nell'area per proteggerla.[10]

Nel 1940, Witold Pilecki, della resistenza polacca, presentò ai suoi superiori un piano per entrare nel campo di concentramento di Auschwitz in Germania, per raccogliere informazioni sul campo dall'interno e organizzare la resistenza dei detenuti.[11] L'esercitoapprovò questo piano, gli fornì una carta d'identità falsa, e il 19 settembre 1940, deliberatamente si fece catturare nel corso di un rastrellamento nelle di Varsavia-łapanka, ed insieme ad altri civili fu inviato ad Auschwitz. Nel campo organizzò l'organizzazione clandestina Związek Organizacji Wojskowej (ZOW).[12] Dall'ottobre 1940, la ZOW inviò i primi rapporti sul campo e sul suo genocidio al quartier generale dell'esercito nazionale a Varsavia attraverso la rete di resistenza organizzata ad Auschwitz.

Nella notte tra il 21 e il 22 gennaio 1940, nella città podolica di Czortków occupata dai sovietici, iniziò la rivolta di Czortków. Fu la prima rivolta polacca e la prima rivolta antisovietica della seconda guerra mondiale. I polacchi antisovietici, la maggior parte dei quali adolescenti delle scuole superiori locali, fecero irruzione nella locale caserma dell'Armata Rossa e in una prigione, per liberare i soldati polacchi detenuti.

Il 1940 fu l'anno della fondazione del ghetto di Varsavia e del famigerato campo di sterminio Auschwitz-Birkenau da parte dei nazisti nella Polonia occupata. Tra le molte attività della resistenza polacca e del popolo polacco, una era quella di aiutare gli ebrei. I cittadini polacchi hanno il più alto numero al mondo di individui che sono stati riconosciuti come Giusti tra le Nazioni da Yad Vashem come non ebrei che hanno rischiato la vita per salvare gli ebrei dallo sterminio durante l'Olocausto.[13]

Uno degli eventi che hanno aiutato la crescita della Resistenza francese è stato il prendere di mira ebrei francesi, comunisti, rom, omosessuali, cattolici e altri, costringendo molti a nascondersi. Questo a sua volta diede alla Resistenza francese nuove persone da incorporare nelle loro strutture politiche.

Intorno al maggio 1940, si formò un gruppo di resistenza attorno al sacerdote austriaco Heinrich Maier, che fino al 1944 trasmise con grande successo i piani e i luoghi di produzione di razzi V-2, carri armati Tiger o aeroplani ( Messerschmitt Bf 109, Messerschmitt Me 163 Komet, ecc.) agli Alleati, perché potessero distruggere queste importanti fabbriche in modo mirato e, d'altra parte, per il dopoguerra previsto dagli stati mitteleuropei. Molto presto trasmise agli Alleati informazioni sull'omicidio di massa degli ebrei.[14][15][16]

Il SOE "Special Operations Executive" era un'organizzazione britannica della seconda guerra mondiale. Dopo l'approvazione del Gabinetto, fu ufficialmente costituita dal Ministro della Guerra Economica Hugh Dalton il 22 luglio 1940, per sviluppare uno spirito di resistenza nei paesi occupati e per preparare una quinta colonna di combattenti della resistenza per impegnarsi in aperta opposizione agli occupanti. Per aiutare nel trasporto di agenti e nel rifornimento dei combattenti della resistenza, fu sviluppato un servizio speciale della Royal Air Force. Mentre il SIS era principalmente coinvolto nello spionaggio, il SOE e i combattenti della resistenza erano orientati alla ricognizione delle difese tedesche e al sabotaggio. In Inghilterra il SOE fu anche coinvolto nella formazione delle Auxiliary Units , un'organizzazione di resistenza stay-behind top secret che sarebbe stata attivata in caso di invasione tedesca della Gran Bretagna. Il SOE operò in tutti i paesi o ex paesi occupati o attaccati dalle forze dell'Asse, tranne dove furono concordate linee di demarcazione con i principali alleati della Gran Bretagna (Unione Sovietica e Stati Uniti).

L'organizzazione è stata ufficialmente sciolta il 15 gennaio 1946.

1941[modifica | modifica wikitesto]

Un manifesto sovietico del 1941, che invitava alla distruzione della retroguardia nemica e alla resistenza attiva nei territori occupati dai tedeschi

Nel febbraio 1941, il Partito Comunista Olandese organizzò uno sciopero generale ad Amsterdam e nelle città circostanti, noto come sciopero di febbraio, in segno di protesta contro le misure antiebraiche delle forze di occupazione naziste e la violenza dei combattenti di strada fascisti contro gli ebrei. Diverse centinaia di migliaia di persone hanno partecipato allo sciopero. Lo sciopero fu represso dai nazisti e alcuni partecipanti furono giustiziati.

Nell'aprile del 1941, nella provincia di Lubiana, fu fondato il Fronte di liberazione della nazione slovena. Il suo braccio armato erano i partigiani sloveni. Rappresentava sia la classe operaia che l'etnia slovena.[17]

Dall'aprile 1941, l'Ufficio di informazione e propaganda dell'Unione per la lotta armata iniziò in Polonia l'operazione N guidata da Tadeusz Żenczykowski. L'azione fu un complesso di attività di sabotaggio, sovversione e propaganda nera svolte dalla resistenza polacca contro le forze di occupazione tedesche naziste durante la seconda guerra mondiale

A partire dal marzo 1941, i rapporti di Witold Pilecki furono inoltrati tramite la resistenza polacca al governo polacco in esilio e, attraverso di esso, al governo britannico a Londra e ad altri governi alleati. Questi rapporti furono le prime informazioni sull'Olocausto e la principale fonte di intelligence su Auschwitz per gli Alleati occidentali.[18]

Nel maggio 1941, la Squadra di Resistenza " Elevtheria " (Libertà) fu fondata a Salonicco dai politici Paraskevas Barbas, Apostolos Tzanis, Ioannis Passalidis, Simos Kerasidis, Athanasios Fidas, Ioannis Evthimiadis e dall'ufficiale militare Dimitrios Psarros. Il suo braccio armato comprendeva due forze armate; Athanasios Diakos guidato da Christodoulos Moschos (capitano "Petros"), operante a Kroussia; e Odysseas Androutsos guidato da Athanasios Genios (capitano "Lassanis"), che opera in Visaltia.[19][20][21]

La prima rivolta antisovietica durante la seconda guerra mondiale iniziò il 22 giugno 1941 (data di inizio dell'operazione Barbarossa ) in Lituania. Lo stesso giorno si formò in Croazia, vicino alla città di Sisak , il distaccamento partigiano di liberazione del popolo di Sisak. È stata la prima unità partigiana armata in Croazia.

La rivolta iniziata dai comunisti contro l'Asse iniziò nella Serbia occupata dai tedeschi il 7 luglio 1941 e sei giorni dopo in Montenegro. La Repubblica di Užice (Ужичка република) fu un territorio jugoslavo liberato di breve durata, la prima parte dell'Europa occupata ad essere liberata. Organizzato come un mini-stato militare, esistette per tutto l'autunno del 1941 nella parte occidentale della Serbia. La Repubblica fu fondata dal movimento di resistenza partigiano e il suo centro amministrativo era nella città di Užice. Il governo era costituito da consigli odbors, e i comunisti aprirono scuole e pubblicarono un giornale, Borba (che significa "Lotta"). Sono persino riusciti a gestire un sistema postale e circa 145 km della ferrovia, e una fabbrica di munizioni.

Nel luglio 1941 Mieczysław Słowikowski (usando il nome in codice "Rygor" - polacco per "Rigor") fondò l'"Agenzia Africa", una delle organizzazioni di intelligence di maggior successo della seconda guerra mondiale.[22] I suoi alleati polacchi in questi sforzi includevano il tenente colonnello Gwido Langer e il maggiore Maksymilian Ciężki. Le informazioni raccolte dall'Agenzia furono utilizzate dagli americani e dai britannici per pianificare gli sbarchi anfibi dell'Operazione Torch[23][24] del novembre 1942 in Nord Africa.

Il 13 luglio 1941, nel Montenegro occupato dall'Italia, il separatista montenegrino Sekula Drljević proclamò un regno indipendente del Montenegro, su cui si intensificò una ribellione a livello nazionale sollevata da partigiani, ufficiali reali jugoslavi e vario altro personale armato. Fu la prima rivolta armata organizzata nell'Europa allora occupata e coinvolse 32.000 persone. La maggior parte del Montenegro fu rapidamente liberata, ad eccezione delle principali città dove le forze italiane erano ben fortificate. Il 12 agosto - dopo una grande offensiva italiana che coinvolse 5 divisioni e 30.000 soldati - la rivolta fallì mentre le unità si disintegravano. Il bilancio finale della rivolta del 13 luglio in Montenegro è stato di 735 morti e 1120 feriti

L'11 ottobre 1941, a Prilep, occupata dai bulgari, i macedoni attaccarono il posto della polizia di occupazione bulgara, che fu l'inizio della resistenza macedone contro i fascisti che occuparono la Macedonia: tedeschi, italiani, bulgari e albanesi. La resistenza terminò con successo nell'agosto-novembre 1944, quando fu formato lo stato indipendente macedone, che fu successivamente unito alla Repubblica federale popolare di Jugoslavia.

All'epoca in cui Hitler diede il suo decreto contro la resistenza Nacht und Nebel - lo stesso giorno dell'attacco a Pearl Harbor nel Pacifico - era in corso la pianificazione dell'operazione Anthropoid in Gran Bretagna, come mossa di resistenza per assassinare Reinhard Heydrich, il vice protettore della Boemia e Moravia e il capo della Soluzione Finale, dalla resistenza ceca a Praga. Oltre quindicimila cechi furono uccisi per rappresaglie, con gli incidenti più infami che furono la completa distruzione delle città di Lidice e Ležáky.

1942[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 febbraio 1942, il Fronte di Liberazione Nazionale guidato dal Partito Comunista Greco (KKE) diede il permesso a un veterano comunista, Athanasios (Thanasis) Klaras (in seguito noto come Aris Velouchiotis) di esaminare le possibilità di un movimento di resistenza armata, che portò a la formazione dell'Esercito Popolare di Liberazione Greco (ELAS). L'ELAS iniziò azioni contro le forze di occupazione tedesche e italiane in Grecia il 7 giugno 1942. L'ELAS crebbe fino a diventare il più grande movimento di resistenza contro i fascisti in Grecia.

Lo sciopero generale lussemburghese del 1942 fu un movimento di resistenza passiva organizzato in breve tempo per protestare contro una direttiva che incorporava i giovani lussemburghesi nella Wehrmacht. Uno sciopero generale nazionale, originato principalmente a Wiltz, ha paralizzato il Paese e ha costretto le autorità tedesche occupanti a rispondere con la violenza condannando a morte 21 scioperanti.

Il 27 maggio 1942 ebbe luogo l'operazione Anthropoid. Due membri armati cecoslovacchi dell'esercito in esilio (Jan Kubiš e Jozef Gabčík) tentarono di assassinare l'SS- obergruppenführer Reinhard Heydrich. Heydrich non è stato ucciso sul posto, ma è morto più tardi in ospedale per le ferite. È il nazista di rango più alto ad essere stato assassinato durante la guerra.

Nel settembre 1942, fu costituito il Consiglio per aiutare gli ebrei (Żegota), fondato da Zofia Kossak-Szczucka e Wanda Krahelska-Filipowicz ("Alinka"), composto da democratici polacchi e altri attivisti cattolici. La Polonia era l'unico paese dell'Europa occupata in cui esisteva un'organizzazione segreta così dedicata. La metà degli ebrei sopravvissuti alla guerra (quindi oltre 50.000) furono aiutati in qualche modo da Żegota.[25] L'attivista più noto di Żegota era Irena Sendler capo della divisione dei bambini che ha salvato 2.500 bambini ebrei contrabbandandoli fuori dal ghetto di Varsavia, fornendo loro documenti falsi e ospitandoli in case per bambini individuali e di gruppo fuori dal ghetto.

Il 25 novembre, i guerriglieri greci con l'aiuto di dodici sabotatori britannici[26] effettuarono con successo un'operazione che interruppe il trasporto di munizioni tedesco al German Africa Corps sotto Rommel: la distruzione del ponte Gorgopotamos (Operazione Harling ).[27][28]

Il 20 giugno 1942 ebbe luogo la più spettacolare fuga dal campo di concentramento di Auschwitz. Quattro polacchi, Eugeniusz Bendera,[29] Kazimierz Piechowski, Stanisław Gustaw Jaster e Józef Lempart riuscirono a fuggire audacemente.[30] I fuggitivi erano vestiti da membri delle SS-Totenkopfverbände, armati di tutto punto e in un'auto delle SS. Hanno guidato fuori dal cancello principale in un'automobile Rudolf Hoss rubata Steyr 220 con un rapporto di contrabbando di Witold Pilecki sull'Olocausto. I tedeschi non hanno mai catturatonessuno di loro.[31]

Lo Zamość fu una rivolta armata dell'Armia Krajowa e Bataliony Chłopskie contro la forzata espulsione di polacchi dalla regione dello Zamość. I tedeschi tentarono di rimuovere i polacchi locali dall'area della Grande Zamosc (attraverso la rimozione forzata, il trasferimento nei campi di lavoro forzato o, in rari casi, l'omicidio di massa) per prepararla alla colonizzazione tedesca. Durò dal 1942 al 1944 e, nonostante le pesanti perdite subite, i tedeschi fallirono.

1943[modifica | modifica wikitesto]

Bielorussia, 1943. Un gruppo partigiano ebraico della Brigata Chkalov.

All'inizio di gennaio 1943, il gruppo operativo principale di 20.000 partigiani jugoslavi, di stanza nella Bosnia occidentale, fu attaccato ferocemente da oltre 150.000 soldati tedeschi e dell'Asse, supportati da circa 200 aerei della Luftwaffe in quella che divenne nota come la battaglia della Neretva ( il nome in codice tedesco era "Fall Weiss" o "Case White" ).[32] L'Asse radunò undici divisioni, sei tedesche, tre italiane e due divisioni dello Stato Indipendente di Croazia (supportate da formazioni ustascia), nonché un certo numero di brigate cetniche.[33] L'obiettivo era quello di distruggere il quartier generale partigiano e l'ospedale da campo principale (tutti i partigiani feriti e i prigionieri dovevano affrontare una certa esecuzione), ma questo fu ostacolato dalla diversione e dalla ritirata attraverso il fiume Neretva, pianificata dal comando supremo partigiano guidato dal maresciallo Josip Broz Tito. La principale forza partigiana fuggì in Serbia.

Il 19 aprile 1943, tre membri del movimento di resistenza belga riuscirono a fermare il ventesimo convoglio, il ventesimo trasporto di prigionieri in Belgio organizzato dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale. L'eccezionale azione dei membri della resistenza belga è avvenuta per liberare civili ebrei e rom ("zingari") che venivano trasportati in treno dalla base militare di Dossin situata a Mechelen, in Belgio, al campo di concentramento di Auschwitz. Il 20° convoglio di treni trasportava 1.631 ebrei (uomini, donne e bambini). Alcuni dei prigionieri riuscirono a fuggire e segnarono questo particolare tipo di azione di liberazione del movimento di resistenza belga come unico nella storia europea dell'Olocausto.

Una delle manifestazioni più coraggiose e significative di sfida pubblica contro i nazisti è il salvataggio degli ebrei danesi nell'ottobre 1943. Quasi tutti gli ebrei danesi furono salvati dai campi di concentramento dalla resistenza danese. Tuttavia, l'azione fu in gran parte dovuta all'intervento personale del diplomatico tedesco Georg Ferdinand Duckwitz, che fece trapelare notizie del previsto rastrellamento degli ebrei sia all'opposizione danese che ai gruppi ebraici e negoziò con gli svedesi per assicurarsi che gli ebrei danesi sarebbero stati accettati. in Svezia.

La battaglia di Sutjeska del 15 maggio-16 giugno 1943 fu un attacco congiunto delle forze dell'Asse che ancora una volta tentarono di distruggere la principale forza partigiana jugoslava, vicino al fiume Sutjeska nel sud-est della Bosnia. L'Asse radunò 127.000 truppe per l'offensiva, tra cui unità tedesche, italiane, NDH, bulgare e cosacche, oltre a oltre 300 aerei (sotto comando operativo tedesco), contro 18.000 soldati del principale gruppo operativo partigiano jugoslavo organizzato in 16 brigate. Affrontando quasi esclusivamente truppe tedesche nell'accerchiamento finale, i partigiani jugoslavi riuscirono finalmente a irrompere attraverso il fiume Sutjeska attraverso le linee della 118ª divisione Jäger tedesca, della 104ª divisione Jäger e della 369ª divisione di fanteria (croata) in direzione nord-ovest, verso la Bosnia orientale. Tre brigate e l'ospedale centrale con oltre 2.000 feriti rimasero circondati e, seguendo le istruzioni di Hitler, il comandante in capo tedesco generale Alexander Löhr ordinò ed eseguì il loro annientamento, compreso il personale medico ferito e disarmato. Inoltre, le truppe partigiane soffrirono di una grave mancanza di cibo e forniture mediche e molte furono colpite dal tifo. Tuttavia, il fallimento dell'offensiva segnò un punto di svolta per la Jugoslavia durante la seconda guerra mondiale.

È iniziata l'operazione Heads, un'azione di omicidi in serie del personale nazista condannato a morte dai tribunali speciali per crimini contro cittadini polacchi nella Polonia occupata. I combattenti della Resistenza dell'unità Agat dell'esercito nazionale polacco uccidono Franz Bürkl durante l'operazione Bürkl nel 1943 e Franz Kutschera durante l'operazione Kutschera nel 1944. Entrambi gli uomini erano SS di alto rango e ufficiali di polizia segreta responsabili dell'omicidio e del brutale interrogatorio di migliaia di ebrei polacchi e combattenti e sostenitori della resistenza polacca.

L'insurrezione del ghetto di Varsavia da parte degli ebrei del ghetto di Varsavia durò dal 19 aprile al 16 maggio e costò alle forze naziste 17 morti e 93 feriti secondo il loro stesso conteggio, anche se alcune figure della resistenza ebraica affermarono che le vittime tedesche erano molto più alte.

Italia, 1943. Partigiani italiani che celebrano la liberazione di Napoli.

Il 30 settembre le forze tedesche che occupavano la città italiana di Napoli furono espulse dai cittadini e dalla Resistenza italiana prima dell'arrivo delle prime forze alleate nella città il 1 ottobre. Questa rivolta popolare è conosciuta come i Quattro giornate di Napoli.[34]

Il 9 ottobre 1943, i guerriglieri di Kinabalu lanciarono la rivolta di Jesselton contro l'occupazione giapponese del Borneo britannico.

Dal novembre 1943 iniziò l'operazione Most III. L'Armia Krajowa fornì agli Alleati informazioni cruciali sul razzo tedesco V-2. In effetti, circa 50 kg delle parti più importanti del V-2 catturato, nonché il rapporto finale, le analisi, i disegni e le foto, sono state trasportate a Brindisi da un velivolo Douglas Dakota della Royal Air Force. Alla fine di luglio 1944, le parti del V-2 furono consegnate a Londra.[35]

1944[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'esercito polacco che difende una barricata nel distretto di Powiśle di Varsavia durante la rivolta di Varsavia, agosto 1944
Rivolta di Varsavia, agosto 1944
Membri del gruppo di resistenza francese Maquis a La Tresorerie, 14 settembre 1944, Boulogne
Membri della Resistenza Olandese con le truppe della 101 Divisione Aviotrasportata degli Stati Uniti davanti alla chiesa di Lambertus a Veghel durante l'Operazione Market Garden, settembre 1944
La centrale idroelettrica di Vemork in Norvegia, sede della produzione di acqua pesante e parte del programma nucleare tedesco, sabotata dai norvegesi tra il 1942 e il 1944
Soldati della resistenza polacca durante la rivolta di Varsavia del 1944 .
Il partigiano jugoslavo Stjepan "Stevo" Filipović grida "Smrt fašizmu sloboda narodu!" ("Morte al fascismo, libertà al popolo!") (lo slogan partigiano) pochi secondi prima di precipitare verso la morte.
Lapide commemorativa di Berlino, Ruth Andreas-Friedrich
Un partigiano italiano a Firenze il 14 agosto 1944
Tre partigiani italiani giustiziati per impiccagione a Rimini, agosto 1944

L'11 febbraio 1944, i combattenti della Resistenza dell'unità Agat dell'esercito polacco giustiziarono Franz Kutschera, SS e capo della polizia del Reich a Varsavia in un'azione nota come Operazione Kutschera .[36][37]

Nella primavera del 1944, gli Alleati escogitarono un piano per rapire il generale Müller, le cui dure misure repressive gli avevano valso il soprannome di "macellaio di Creta ". L'operazione è stata guidata dal maggiore Patrick Leigh Fermor, insieme al capitano W. Stanley Moss, agenti della SOE greca e combattenti della resistenza cretese. Tuttavia, Müller lasciò l'isola prima che il piano potesse essere eseguito. Imperterrito, Fermor decise invece di rapire il generale Heinrich Kreipe.

Nella notte del 26 aprile, il generale Kreipe lasciò il suo quartier generale ad Archanes e si diresse senza scorta alla sua residenza ben custodita, "Villa Ariadni", circa 25 km fuori Heraklion. Il maggiore Fermor e il capitano Moss, vestiti da poliziotti militari tedeschi, lo aspettavano prima della sua residenza. Hanno chiesto all'autista di fermarsi e hanno chiesto i loro documenti. Non appena l'auto si fermò, Fermor aprì rapidamente la portiera di Kreipe, si precipitò dentro e lo minacciò con le sue pistole mentre Moss si sedeva al posto di guida. Dopo aver percorso una certa distanza, i britannici lasciarono l'auto, con materiale che suggeriva che una fuga dall'isola fosse stata fatta da un sottomarino, e con il generale iniziò una marcia attraverso il paese. Braccato dalle pattuglie tedesche, il gruppo si spostò attraverso le montagne per raggiungere il lato meridionale dell'isola, dove un British Motor Launch ( ML 842, comandato da Brian Coleman) doveva raccoglierli. Alla fine, il 14 maggio 1944, furono prelevati (dalla spiaggia di Peristeres vicino a Rhodakino) e trasferiti in Egitto.

Nell'aprile-maggio 1944, le SS lanciarono l'audace raid aereo su Drvar volto a catturare il maresciallo Josip Broz Tito, il comandante in capo dei partigiani jugoslavi, oltre a interrompere la loro leadership e struttura di comando. Il quartier generale dei partigiani all'epoca si trovava sulle colline vicino a Drvar, in Bosnia. Erano presenti anche i rappresentanti degli Alleati, il britannico Randolph Churchill ed Evelyn Waugh. Le unità di commando paracadutisti delle SS tedesche d'élite si sono fatte strada fino al quartier generale della grotta di Tito e si sono scambiati pesanti colpi di arma da fuoco provocando numerose vittime da entrambe le parti.[38] Anche i cetnici guidati da Draža Mihailović accorsero allo scontro a fuoco nel tentativo di catturare Tito. Tuttavia, quando le forze tedesche erano penetrate nella grotta, Tito era già fuggito.. Sembrerebbe che Tito e il suo staff fossero ben preparati per le emergenze. I commando riuscirono solo a recuperare l'uniforme da maresciallo di Tito, che fu poi esposta a Vienna. Dopo aspri combattimenti dentro e intorno al cimitero del paese, i tedeschi riuscirono a unirsi alle truppe di montagna.

Un'intricata serie di operazioni di resistenza è stata lanciata in Francia prima e durante l'operazione Overlord. Il 5 giugno 1944, la BBC trasmise un gruppo di frasi insolite, che i tedeschi sapevano essere parole in codice, probabilmente per l'invasione della Normandia. La BBC trasmetteva regolarmente centinaia di messaggi personali, di cui solo alcuni davvero significativi. Pochi giorni prima del D-Day, i comandanti della Resistenza ascoltarono la prima riga della poesia di Verlaine, " Chanson d'automne ", "Les sanglots longs des violons de l'automne" ( Lunghi singhiozzi di violini autunnali ) il che significava che il "giorno" era imminente. Quando fu ascoltato il secondo verso "Blessent mon cœur d'une langueur monotone" ( ferire il mio cuore con un languore monotono ), la Resistenza sapeva che l'invasione sarebbe avvenuta entro le prossime 48 ore. Allora sapevano che era il momento di svolgere le rispettive missioni preassegnate. In tutta la Francia erano stati coordinati gruppi di resistenza e vari gruppi in tutto il paese aumentarono i loro sabotaggi. Le comunicazioni sono state interrotte, i treni sono deragliati, le strade, i serbatoi dell'acqua e i depositi di munizioni distrutti e le guarnigioni tedesche sono state attaccate. Alcuni hanno trasmesso informazioni sulle posizioni difensive tedesche sulle spiagge della Normandia ai comandanti americani e britannici via radio, poco prima del 6 giugno. In seguito agli omicidi di Tulle, la compagnia Waffen-SS del maggiore Otto Diekmann ha spazzato via il villaggio di Oradour-sur-Glane il 10 giugno. La resistenza aiutò anche la successiva invasione alleata nel sud della Francia ( Operazione Dragoon ). Hanno iniziato insurrezioni in città come Parigi quando le forze alleate si sono avvicinate.

L'operazione Halyard, che ebbe luogo tra agosto e dicembre 1944,[39] fu un'operazione di trasporto aereo alleato dietro le linee nemiche durante la seconda guerra mondiale condotta dai cetnici nella Jugoslavia occupata. Nel luglio 1944, l'Ufficio dei servizi strategici (OSS) elaborò piani per inviare una squadra ai cetnici guidata dal generale Draža Mihailović nel territorio occupato dai tedeschi del comandante militare in Serbia allo scopo di evacuare gli aviatori alleati abbattuti su quell'area . Questa squadra, conosciuta come la squadra di Halyard, era comandata dal tenente George Musulin, insieme al sergente maggiore Michael Rajacich e allo specialista Arthur Jibilian, l'operatore radio. La squadra è stata assegnata alla Fifteenth Air Force degli Stati Uniti e designata come 1st Air Crew Rescue Unit.[40] È stata la più grande operazione di salvataggio degli aviatori americani nella storia.[41] Secondo lo storico professor Jozo Tomasevich, un rapporto presentato all'OSS ha mostrato che 417[42] aviatori alleati che erano stati abbattuti sulla Jugoslavia occupata furono salvati dai cetnici di Mihailovic[43] e trasportati in aereo dalla Quindicesima Air Force.[44] Secondo il tenente Cmdr. Richard M. Kelly (OSS) è stato trasportato in aereo durante la missione di Halyard, un totale di 432 americani e 80 alleati.[45]

L'operazione Tempest lanciata in Polonia nel 1944 avrebbe portato a diverse azioni importanti da parte di Armia Krajowa, la più notevole delle quali è stata la rivolta di Varsavia avvenuta tra il 1 agosto e il 2 ottobre e fallita a causa del rifiuto sovietico, a causa di differenze di ideologia, di aiutare.

Il 25 giugno 1944 iniziò la battaglia di Osuchy, una delle più grandi battaglie tra la resistenza polacca e la Germania nazista nella Polonia occupata durante la seconda guerra mondiale, essenzialmente una continuazione della rivolta di Zamosc .[46] Durante l'operazione Most III, nel 1944, l'esercito nazionale polacco o Armia Krajowa fornì agli inglesi le parti del razzo V-2.

I sabotaggi norvegesi del programma nucleare tedesco si conclusero dopo tre anni il 20 febbraio 1944, con il bombardamento del traghetto SF Hydro . Il traghetto doveva trasportare vagoni ferroviari con fusti d' acqua pesanti dalla centrale idroelettrica di Vemork, dove venivano prodotti, attraverso il lago Tinn in modo che potessero essere spediti in Germania. Il suo affondamento mise effettivamente fine alle ambizioni nucleari naziste. La serie di incursioni sull'impianto è stata successivamente soprannominata dalla SOE britannica come l'atto di sabotaggio di maggior successo in tutta la seconda guerra mondiale, ed è stata utilizzata come base per il film di guerra statunitense The Heroes of Telemark .

Come inizio della loro rivolta, i ribelli slovacchi entrarono a Banská Bystrica la mattina del 30 agosto 1944, il secondo giorno della ribellione, e ne fecero il loro quartier generale. Entro il 10 settembre, gli insorti ottennero il controllo di vaste aree della Slovacchia centrale e orientale. Ciò includeva due aeroporti catturati. Come risultato dell'insurrezione di due settimane, l'aviazione sovietica fu in grado di iniziare a volare in equipaggiamento per i partigiani slovacchi e sovietici.

Movimenti di resistenza durante la seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Partigiani degni di nota[modifica | modifica wikitesto]

Nei media[modifica | modifica wikitesto]

Documentari

Film

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Malcolm Atkin, Fighting Nazi Occupation: British Resistance 1939-1945, Barnsley, Pen and Sword, 2015, pp. Chapter 11, ISBN 978-1-47383-377-7.
  2. ^ Rosbottom, Ronald C. (2014), When Paris Went Dark, New York: Little, Brown and Company, pp. 198-199
  3. ^ Wieviorka, Olivier and Tebinka, Jacek, "Resisters: From Everyday Life to Counter-state," in Surviving Hitler and Mussolini (2006), eds: Robert Gildea, Olivier Wieviorka, and Anette Warring, Oxford: Berg, p. 153
  4. ^ Norman Davies, God's Playground: 1795 to the present, Columbia University Press, 28 February 2005, p. 344, ISBN 978-0-231-12819-3.
  5. ^ Gregor Dallas, 1945: The War That Never Ended, Yale University Press, 2005, ISBN 0-300-10980-6, Google Print, p.79
  6. ^ Mark Wyman, DPs: Europe's Displaced Persons, 1945–1951, Cornell University Press, 1998, ISBN 0-8014-8542-8, Google Print, p. 34
  7. ^ See, for example, Leonid D. Grenkevich, The Soviet Partisan Movement, 1941–44: A Critical Historiographical Analysis, p. 229, and Walter Laqueur, The Guerilla Reader: A Historical Anthology, New York, Charles Scribner's Sons, 1990, p. 233.
  8. ^ Robert Laffont, Dictionnaire historique de la Résistance, Paris, Bouquins, 2006, p. 339, ISBN 978-2-221-09997-1.
  9. ^ Resistenzialismo versus resistenza
  10. ^ Marek Szymanski: Oddzial majora Hubala, Warszawa 1999, ISBN 978-83-912237-0-3
  11. ^ Jozef Garlinski, Fighting Auschwitz: the Resistance Movement in the Concentration Camp, Fawcett, 1975, ISBN 978-0-449-22599-8, reprinted by Time Life Education, 1993. ISBN 978-0-8094-8925-1
  12. ^ Hershel Edelheit, History of the Holocaust: A Handbook and Dictionary, Westview Press, 1994, ISBN 978-0-8133-2240-7, Google Print, p.413
  13. ^ www.yadvashem.org, http://www.yadvashem.org/righteous/statistics.
  14. ^ Elisabeth Boeckl-Klamper, Thomas Mang, Wolfgang Neugebauer: Gestapo-Leitstelle Wien 1938–1945. Vienna 2018, ISBN 978-3-902494-83-2, p 299–305.
  15. ^ Peter Broucek "Die österreichische Identität im Widerstand 1938–1945" (2008), p 163.
  16. ^ Hansjakob Stehle "Die Spione aus dem Pfarrhaus (German: The spy from the rectory)" In: Die Zeit, 5 January 1996.
  17. ^ (SL) Tine Hribar, Euroslovenstvo, Slovenska matica, 2004, ISBN 961-213-129-5.
  18. ^ Norman Davies, Europe: A History, Oxford University Presse, 1996, ISBN
  19. ^ newspaper Αυγή (Avgi), article: 68 years from the liberation of Thessaloniki from the nazis
  20. ^ newspaper Πρώτη Σελίδα (Proti Selida), article: 11th Reunion of Kilkisiotes, The Kilkisiotes of Athens honored the Holocaust of Kroussia Archiviato il 3 giugno 2013 in Internet Archive.
  21. ^ newspaper Ριζοσπάστης (Rizospastis), article: The murder of the members of the Macedonian Bureau of the Communist Party of Greece
  22. ^ Tessa Stirling et al., Intelligence Co-operation between Poland and Great Britain during World War II, vol. I: The Report of the Anglo-Polish Historical Committee, London, Vallentine Mitchell, 2005
  23. ^ Winston Spencer Churchill, The Second World War: Closing the Ring, Houghton Mifflin Company, Boston, 1951, p. 643.
  24. ^ Major General Rygor Slowikowski, "In the secret service – The lightning of the Torch", The Windrush Press, London 1988, s. 285
  25. ^ Tadeusz Piotrowski, Assistance to Jews, in Poland's Holocaust, McFarland & Company, 1997, p. 118, ISBN 978-0-7864-0371-4.
  26. ^ Christopher M. Woodhouse, "The struggle for Greece, 1941–1949", Hart-Davis Mc-Gibbon, 1977, Google print, p.37
  27. ^ Richard Clogg, "A Short History of Modern Greece", Cambridge University Press, 1979 Google print, pp.142-143
  28. ^ Procopis Papastratis, "British policy towards Greece during the Second World War, 1941-1944", Cambridge University Press, 1984 Google print, p.129
  29. ^ Wojciech Zawadzki (2012), Eugeniusz Bendera (1906-po 1970). Przedborski Słownik Biograficzny, via Internet Archive.
  30. ^ "Byłem Numerem: swiadectwa Z Auschwitz" by Kazimierz Piechowski, Eugenia Bozena Kodecka-Kaczynska, Michal Ziokowski, Hardcover, Wydawn. Siostr Loretanek, ISBN 83-7257-122-8
  31. ^ En.auschwitz.org Archiviato il May 22, 2011 Data nell'URL non combaciante: 22 maggio 2011 in Internet Archive.
  32. ^ Operation WEISS – The Battle of Neretva
  33. ^ Battles & Campaigns during World War 2 in Yugoslavia
  34. ^ Barbagallo, Corrado, Napoli contro il terrore nazista. Maone, Naples.
  35. ^ Ordway, Frederick I., III. The Rocket Team. Apogee Books Space Series 36 (pp. 158, 173)
  36. ^ Piotr Stachniewicz, "Akcja" "Kutschera", Książka i Wiedza, Warszawa 1982,
  37. ^ Joachim Lilla (Bearb.): Die Stellvertretenden Gauleiter und die Vertretung der Gauleiter der NSDAP im "Dritten Reich", Koblenz 2003, S. 52-3 (Materialien aus dem Bundesarchiv, Heft 13) ISBN 978-3-86509-020-1
  38. ^ pp. 343-376, Eyre
  39. ^ Miodrag D. Pešić, Misija Haljard: spasavanje savezničkih pilota od strane četnika Draže Mihailovića u Drugom svetskom ratu, Pogledi, 2004, ISBN 9788682235408.
  40. ^ Ford (1992), p. 100
  41. ^ usafe.af.mil, http://www.usafe.af.mil/News/Article-Display/Article/1009490/us-commemorates-serbian-support-during-wwii/.
  42. ^ Tomasevich (1975), p. 378
  43. ^ Leary (1995), p. 32
  44. ^ Leary (1995), p. 30
  45. ^ Kelly (1946), p. 62
  46. ^ Martin Gilbert, Second World War A Complete History, Holt Paperbacks, 2004, ISBN 978-0-8050-7623-3, Google Print, p.542
  47. ^ www.coleshillhouse.com, http://www.coleshillhouse.com/.
  48. ^ Malcolm Atkin, Fighting Nazi Occupation: British Resistance 1939 – 1945, Barnsley, Pen and Sword, 2015, pp. Chapters 4 and 11, ISBN 978-1-47383-377-7.
Seconda guerra mondiale Portale Seconda guerra mondiale: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della seconda guerra mondiale