Taurasi (vino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Taurasi DOCG.

Taurasi
Dettagli
Stato Italia Italia
Regione Campania
Resa (uva/ettaro) 10,0 t
Resa massima dell'uva 70,0%
Titolo alcolometrico
naturale dell'uva
11,5%
Titolo alcolometrico
minimo del vino
12,0%
Estratto secco
netto minimo
22,0 g/l
Riconoscimento
Tipo DOCG
Istituito con
decreto del
26/03/1970  
Gazzetta Ufficiale del 25/05/1970,
n 72
Vitigni con cui è consentito produrlo
  • Aglianico 85.0% - 100.0%
  • Altri vitigni a bacca rossa non aromatici 0.0% - 15%
Consorzio di tutela del vino Taurasi DOCG[1]

Il 'Taurasi è un vino a DOCG prodotto nella provincia di Avellino a cui nel 2011 è stato cambiato il nome per cui dovrà per il futuro essere commercializzato con l’etichetta Taurasi rosso rispettando il nuovo disciplinare.[2]

I dati qui riportati vengono conservati per fini storici.

Caratteristiche organolettiche[modifica | modifica wikitesto]

  • colore: rubino intenso, tendente al granato fino ad acquistare riflessi arancioni con l'invecchiamento.
  • odore: caratteristico, etereo, gradevole più o meno intenso.
  • sapore: asciutto, pieno, armonico, equilibrato con retrogusto persistente.

Vinificazione[modifica | modifica wikitesto]

Il vino deve essere sottoposto ad un periodo di invecchiamento obbligatorio di almeno tre anni di cui almeno uno in botti di legno.

Il periodo di invecchiamento decorre dal primo dicembre dell'annata di produzione delle uve.

A scopo migliorativo è consentita l'aggiunta di vino Taurasi più giovane ad identico vino più vecchio, o viceversa, nella misura massima del 15% nel rispetto delle disposizioni CEE in materia.

In tal caso in etichetta dovrà figurare il millesimo (annata) del vino che concorre in misura preponderante.

La resa massima delle uve in vino non deve essere superiore al 70% al primo travaso e non dovrà superare il sessantacinque per cento dopo il periodo di invecchiamento obbligatorio.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il Taurasi è un vino che trova le sue origini nell'età preromana: il vitigno principale da cui si produce questo vino, l'Aglianico, era un tempo detto "hellenico" a sottolineare l'origine greca. Da queste origini deriva anche il cognome "Taurasi" legato alla storia e alla nobiltà del borgo. L'etimologia del nome "Taurasi" è da ricercare in Taurasia, un piccolo borgo vinicolo che i romani fecero loro dopo aver sconfitto gli irpini, nell'80 d.C.

La storia del vino "Taurasi" è descritta nel capitolo " vini e vigneti" di Giovanni Borea-Volume VIII della Storia Illustrata di Avellino e dell'Irpinia-Sellino e Barra Editore 1996.

Abbinamenti consigliati[modifica | modifica wikitesto]

Carni rosse, arrosto di carni, brasati, pollame, selvaggina, formaggi a pasta dura e stagionati.

Zona di produzione[modifica | modifica wikitesto]

L'intero territorio amministrativo dei comuni di Taurasi, Bonito, Castelfranci, Castelvetere sul Calore, Fontanarosa, Lapio, Luogosano, Mirabella Eclano, Montefalcione, Montemarano, Montemiletto, Paternopoli, Pietradefusi, Sant'Angelo all'Esca, San Mango sul Calore, Torre Le Nocelle e Venticano della provincia di Avellino.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Provincia, stagione, volume in ettolitri

  • Avellino (1990/91) 629,1
  • Avellino (1991/92) 852,0
  • Avellino (1992/93) 789,1
  • Avellino (1993/94) 741,21
  • Avellino (1994/95) 1705,74
  • Avellino (1995/96) 2135,88
  • Avellino (1996/97) 4163,46

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Consorzio di tutela del vino Taurasi DOCG
  2. ^ [1] Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali - Disciplinari di produzione vini

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]