Cortese di Gavi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gavi o Cortese di Gavi
Vino bianco Cortese
Vino bianco Cortese
Dettagli
Stato Italia Italia
Resa (uva/ettaro) 95 q
Resa massima dell'uva 70,0%
Titolo alcolometrico
naturale dell'uva
9,5%
Titolo alcolometrico
minimo del vino
10,5%
Estratto secco
netto minimo
15,0‰
Riconoscimento
Tipo DOCG
Istituito con
decreto del
09/07/1998  
Gazzetta Ufficiale del 10/08/1998,
n 185
Vitigni con cui è consentito produrlo
*Cortese: 100.0%
[senza fonte]

Il Gavi o Cortese di Gavi è un vino bianco piemontese prodotto esclusivamente da vitigno cortese in provincia di Alessandria, è inoltre un vino DOCG[1].

Caratteristiche organolettiche[modifica | modifica wikitesto]

  • colore: paglierino più o meno intenso, limpido
  • odore: caratteristico, delicato
  • sapore: asciutto, gradevole di gusto fresco e armonico.

Gradazione alcolica minima: 10,5%; acidità totale minima: 5 per mille.

Se vendemmiata precocemente, l'uva Cortese offre vini acidi, di colore e struttura leggera, da consumarsi nei primi tre anni. Ma il Gavi prodotto da uve più mature, di maggior struttura, può affinare a lungo in bottiglia aprendosi a profumi terziari e minerali di grande eleganza.

Viene prodotto in tre diverse tipologie: tranquillo, frizzante e spumante.

Come aperitivo va degustato a 6-8 °C; in tavola a 12 °C.[2]

Abbinamenti consigliati[modifica | modifica wikitesto]

==aperitivo, antipasti freddi, crostacei e frutti di mare, formaggi molli, minestre in brodo e tortellini di magro, preparazioni a base di uova.==

Zona di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le colline tra Gavi e Tassarolo

Il Gavi è prodotto solamente nei seguenti 11 comuni: Bosio, Capriata d'Orba, Carrosio, Francavilla Bisio, Gavi, Novi Ligure, Parodi Ligure, Pasturana, San Cristoforo, Serravalle Scrivia, Tassarolo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cortese di Gavi D.O.C.G. Disciplinare. Decreto ministero Politiche agricole del 29 luglio 1998
  2. ^ gavi su agraria.org