Sparatoria di Tucson del 2011

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sparatoria di Tucson del 2011
Gabrielle Giffords shooting scene.jpg
L'esterno del supermercato Safeway, luogo della sparatoria
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Luogo Casas Adobes, Arizona
Obiettivo Gabrielle Giffords
Data 8 gennaio 2011
Intorno alle 10.00 ora locale
Tipo sparatoria
Morti 6
Feriti 12
Responsabili Jared Lee Loughner

La sparatoria di Tucson del 2011 è una strage avvenuta l'8 gennaio 2011 a Casas Adobes, sobborgo nord-occidentale di Tucson in Arizona, ad opera di Jared Lee Loughner, che ha comportato la morte di 6 persone e il ferimento di altre 14, tra cui la deputata democratica dell'Arizona Gabrielle Giffords, bersaglio principale dell'azione[1].

Dinamica[modifica | modifica sorgente]

Cartello indicante il "Congress on Your Corner" constituent meeting

La sparatoria è avvenuta all'esterno di un supermercato della catena Safeway, durante un comizio politico a cui la Giffords partecipava come protagonista. Tra i morti anche un giudice federale, John McCarthy Roll, una bambina di nove anni, Christina Taylor Green, e un collaboratore di Gabrielle Giffords, Gabe Zimmermann[2].

La deputata democratica è stata raggiunta da un colpo di pistola alla testa ed è stata subito trasportata al University Medical Center di Tucson dove ha subito un intervento chirurgico. Inizialmente si sono diffuse voci insistenti riguardo al decesso della Giffords, ma in seguito l'ospedale e i collaboratori della donna hanno smentito la notizia[3]. Le sue condizioni sono sembrate migliorare, sebbene i medici abbiano espresso un "cauto ottimismo" al riguardo[4].

La sparatoria è avvenuta poco dopo le 10 MST (UTC-7). Una United States Representative dell'Arizona, Gabrielle Giffords, teneva un meeting costituente chiamato "Congress on Your Corner"[5] presso un supermarket della catena Safeway a Casas Adobes, un sobborgo di Tucson.[6] Secondo i testimoni la Giffords aveva preparato un tavolo fuori dal negozio. 20-30 persone le stavano intorno quando l'attentatore ha estratto una pistola legalmente posseduta, in ottemperanza alle leggi dello Stato dell'Arizona (ritenuto permissivo in materia)[7] e ha sparato alla Giffords colpendola alla testa.[8] In seguito, ha continuato a sparare, apparentemente a caso, nel mezzo della folla.[9]

L'arma usata nella strage, come emerso dai verbali della polizia, risulta essere una 9mm Glock modello 19 pistola con alta capacità di fuoco (caricatore da 30 colpi).[10] Un testimone ha detto di aver percepito "da 15 a 20 colpi". Lo sparatore ha concluso la sua opera quando, avendo terminato le munizioni ed essendosi fermato per ricaricare, è stato bloccato da una signora rimasta illesa, Patricia Maisch, 61 anni, che ha afferrato la borsa impedendogli di prendere il materiale.[11] Lo sparatore è stato poi buttato a terra dal colonnello in pensione Bill Badger di 74 anni,[12] che, nonostante fosse stato ferito, era stato aiutato sia dalla Maisch sia da due signori, Roger Sulzgeber e Joseph Zamudio.[13] Tutte queste persone sono state applaudite pubblicamente durante il memorial del 12 gennaio tenuto dal Presidente e presentate alla nazione come eroi.

La prima chiamata al 9-1-1 dalla scena del crimine è arrivata alle 10:12[14] Mentre attendeva che arrivassero i soccorsi un membro dello staff della Giffords, Daniel Hernandez Jr., ha cercato di tamponare la ferita che quest'ultima aveva alla testa,[15] assicurandosi allo stesso tempo che questa non soffocasse per il sangue. Pare che Hernandez, agendo in tale modo, le abbia salvato la vita.[16][17][18] David e Nancy Bowman, una coppia, lui medico e lei infermiera che stavano facendo la spesa nel supermarket, si sono immediatamente occupati della bambina di nove anni Christina-Taylor Green.[19] La Polizia è arrivata alle 10:15, le ambulanze alle 10:16.[14]

Cinque persone sono morte immediatamente,[20] compreso il giudice federale John Roll e il capo dello staff della Giffords Gabe Zimmerman. Christina-Taylor Green è morta più tardi all'ospedale.[21] Uno dei feriti è stato trasportato al Northwest Medical Center mentre gli altri sono stati trasportati alla University Medical Center di Tucson.[22]

Obiettivo dell'attacco[modifica | modifica sorgente]

U.S. Representative Gabrielle Giffords (D-Arizona 8)

Gabrielle Giffords era l'obiettivo dell'attacco. Alcuni media inizialmente riportarono che la Giffords era stata uccisa, ma questa notizia fu subito ritirata e corretta, lei era sopravvissuta e aveva una ferita grave alla testa.[23][24][25] la Giffords fu trasportata d'urgenza alla University Medical Center in condizioni critiche,[26] tuttavia ella era ancora cosciente e rispondeva a delle sollecitazioni. In 38 minuti,[27] la Giffords era in chirurgia d'emergenza dove le sono stati rimossi frammenti del cranio e una certa quantità di tessuto necrotico del cervello.[28] Una parte del cranio della Gifford è stata rimossa con una craniectomia per prevenire ulteriori danni cerebrali causati dal gonfiore post traumatico.[27]

Secondo il Dr. Peter M. Rhee del centro medico, ella fu "colpita da parte a parte in un lato della testa .... la pallottola le ha attraversato il cervello". La traiettoria della pallottola attraversa l'emisfero sinistro del cervello senza oltrepassare la linea mediana, dalla quale di solito occurrono le ferite più gravi.[29][30] I dottori hanno detto che la pallottola è entrata dalla fronte della Giffords e uscita dal retro del cranio,[31][32] Il Neurochirurgo e commentatore medico Sanjay Gupta ha detto che il fatto che la pallottola sia uscita costituisce un fattore importante per la sopravvivenza poiché tutta l'energia cinetica della stessa non si è trasferita al cervello.[27]

La Giffords è stata messa in coma farmacologico per permettere al suo cervello di riposare. Era in grado di rispondere a semplici sollecitazioni quando veniva periodicamente svegliata, ma non poteva parlare perché era in respirazione assistita.[33] il marito della Gifford Mark E. Kelly ha detto a Nancy Pelosi che ci sarà "un'ardua strada in vista" per il suo recupero, ma è ottimista riguardo al fatto che ella è recettiva,[34] in quanto riusciva a muovere uno specifico numero di dita quando le veniva richiesto. Il neurologo della U.S. Army Geoffrey Ling della Uniformed Services University di Bethesda è stato inviato a Tucson come consulente per la riabilitazione della Giffords. Ling ha dichiarato, "La prognosi per il mantenimento delle funzioni che ella ha è molto buona. Supera il 50 per cento."[35]

L'11 gennaio, il neurochirurgo G. Michael Lemole Jr. ha dichiarato che i sedativi alla Giffords erano stati ridotti e che lei ora era in grado di respirare autonomamente.[32] È anche capace di seguire degli ordini e muove le braccia e le gambe. Il giorno seguente, in occasione del discorso durante l'evento di commemorazione delle vittime tenutosi a Tucson presso la University Of Arizona, il Presidente Barack Obama riferisce alla folla presente che poco dopo la visita sua e della moglie Michelle Obama la Giffords abbia per un breve istante aperto gli occhi.

Indagine[modifica | modifica sorgente]

La Polizia sulla scena del crimine circa due ore dopo la sparatoria

Il supermercato Safeway è stato chiuso in seguito all'attacco.[36] Lo sparatore, descritto come un uomo bianco di circa 25 anni con i capelli corti e vestito in modo trasandato, è stato arrestato dopo che era stato fermato da alcune persone presenti nel luogo della sparatoria.[37][38] La Polizia lo ha identificato come Jared Lee Loughner, nato a settembre del 1988.[39] L'8 e il 9 gennaio, egli è stato interrogato dall'FBI e si riporta che rifiutasse di collaborare con la polizia invocando il Quinto Emendamento.[37][40][41] Le autorità hanno riportato che le motivazioni dello sparatore sono tuttora sconosciute, perché egli si rifiuta di parlare.[40] Tuttavia, in una busta ritrovata nella casa dell'attentatore era scritto "L'ho preparato", "Mio assassinio", e "Giffords", assieme ad una lettera proveniente dall'ufficio della Giffords in cui lo si ringraziava per aver partecipato ad un evento analogo tenutosi nel 2007.[42]

Quando è avvenuta la sparatoria alla periferia di Tucson a Casas Adobes, Lo sceriffo della contea di Pima cominciò l'indagine preliminare con l'assistenza della polizia di Tucson e della Arizona Department of Public Safety.[43] In seguito il presidente Obama ha incaricato il direttore dell'FBI Robert Mueller di recarsi a Tucson per occuparsi personalmente dell'indagine.[44] Anche la Polizia di Stato Capitol Police sta conducendo un'indagine[37]

L'attentatore[modifica | modifica sorgente]

Foto segnaletica di Jared Lee Loughner

Jared Lee Loughner è il principale sospetto come attentatore. Al momento della sparatoria, Loughner aveva 22 anni e viveva con i suoi genitori a Tucson, circa 8 chilometri dal luogo della sparatoria.[39] Grant Wiens, che frequentò il liceo e il college con Loughner, lo descrive come "una sorta di personaggio interessante" solitario e con una propria opinione personale. Caiti Parker, che disse di averlo conosciuto al liceo quattro anni prima, lo descrive come un solitario politicamente radicale. I compagni di scuola fanno notare che Loughner era Critico della religione.[45] Un articolo del New York Times su Loughner dichiara che egli aveva comparato l'aborto al terrorismo.

Sebbene si sapesse poco sul sospetto all'inizio,[46] la sua presenza on-line fu presto scoperta, poiché egli aveva un account sia su Myspace che su YouTube. La sua pagina su Myspace è stata rimossa per volere della compagnia stessa.[47][48][49][50] Il suo profilo su Myspace includeva una pistola posata sopra un libro sulla storia degli Stati Uniti d'America. Alcune ore prima della sparatoria, la pagina di Loughner su Myspace e stata aggiornata con comunicati provenienti dal suo accout che dicevano, "Arrivederci," e diceva ai suoi amici: "Per favore non arrabbiatevi con me."[51]

Molto prima della sparatoria Loughner aveva scritto numerosi commenti anti governativi e alcuni video su Internet. Egli brevemente discuteva di terrorismo scrivendo:

« Se devo definire terrorista allora terrorista è una persona che usa il terrore o il terrorismo, specialmente come arma politica. Io definisco terrorista ... Se dite che sono terrorista allora la discussione di dire che sono terrorista è ad hominem. Voi dite che sono terrorista.[52] »

Lo sceriffo della contea di Pima Clarence Dupnik dichiarò che il sospetto aveva anche un account su YouTube chiamato "Classitup10".[53][54][55] Il profilo di Loughner su YouTube dichiarava insieme ad altre cose che alcuni dei suoi libri preferiti erano Il Manifesto del Partito Comunista, La fattoria degli animali, Mein Kampf, La Repubblica di Platone, e We the Living; un video dice a chi lo guarda che "non si devono accettare le leggi federali", chiedeva un ritorno al gold standard, e accusava il governo di controllo delle menti e lavaggio del cervello nei confronti dei cittadini.[55] [56] [57][58] Il suo profilo su YouTube cita anche libri come Il Mago di Oz, Peter Pan, I viaggi di Gulliver, e Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò.[59] Nel video postato sotto un altro profilo su YouTube, molto probabilmente anche questo profilo appartenente a Loughner, tra l'altro si tratta dell'unico video tra i preferiti sul sito di Classitup10 su YouTube ufficialmente appartenente a Loughner, viene rappresentato un personaggio che ricorda una figura medioevale che brucia la bandiera americana[60], in sottofondo la canzone Bodies del gruppo Nu metal texano Drowning Pool. Sul loro sito i Drowning Pools si sono ufficialmente distaccati dalle possibili manipolazioni, inserendo ben due comunicati ufficiali in cui rigettano la violenza e abiurano ciò che è successo.[61][62]

Loughner ha frequentato il Pima Community College fino a che le autorità scolastiche non lo sospesero dopo aver ricevuto lamentele riguardo al suo comportamento inappropriato in classe.[56][63] Loughner decise di ritirarsi definitivamente in ottobre 2010 piuttosto che sottostare ad un consulto psichiatrico come provvedimento obbligatorio per iscriversi nuovamente.[56][63] Secondo i registri del tribunale, Loughner aveva due reati precedenti, uno dei quali era per possesso di droga.[57] Ufficiali della U.S. Army hanno dichiarato che Loughner aveva provato ad iscriversi, ma la sua applicazione era stata rifiutata come "inabile" per il servizio nel 2008.[63]

Hanno negato ulteriori precisazioni a causa dell'uso confidenziale di tali informazioni,[39][56][64][65] tuttavia un ufficiale amministrativo ha dichiarato ai media che la sua esclusione era dovuta ad un test sull'uso di droga risultato positivo.[66] Bryce Tierney, un amico di Loughner, ha ricevuto un messaggio vocale da Loughner otto ore prima della sparatoria. Tierney disse che Loughner teneva un astio da un anno contro la Giffords perché questa non aveva risposto in modo sufficiente ad una domanda da lui posta in un'occasione del tutto simile in un altro centro commerciale di Tucson nel 2007. La domanda posta era "Come sa lei che le parole significano qualcosa?" ("How do you know words mean anything?").[67][68]

Un memorandum del Department of Homeland Security descrive Loughner come un affiliato del gruppo antisemitico, antiimmigrazione di estrema destra American Renaissance.[69][70] Il gruppo nega ogni rapporto con Loughner e condanna la violenza.[71] David Denlinger, comandante dell'Arizona Counter Terrorism Information Center, in seguito precisò che non c'era nessuna prova che egli avesse rapporti con American Renaissance.[72] Il registro degli elettori della contea di Pima mostra che Loughner si registrò come independente il 9 settembre 2006.[73][74]

Il giorno della sparatoria i genitori di Loughner tornarono a casa dopo un giro di compere, inconsapevoli di cosa fosse accaduto e trovarono la polizia che ispezionava la loro casa. Il vicino Wayne Smith disse loro cosa era accaduto. Smith ha raccontato che la madre di Loughner "quasi moriva di un colpo," mentre suo padre si è seduto in strada a piangere. Smith ha descritto la famiglia come "devastata", con un forte senso di colpa, che si domandava "dove abbiamo sbagliato?"[75] Dopo tre giorni di silenzio, i genitori di Loughner hanno rilasciato una dichiarazione l'11 gennaio 2011 in cui esprimevano rimorso per le vittime e dicevano "Non capiamo perché questo è accaduto."[76]

Persona ricercata[modifica | modifica sorgente]

La Polizia all'inizio ha detto che si cercava anche un uomo bianco di circa 40-50 anni con i capelli neri, possibilmente associato al primo sospetto. La mattina del 9 gennaio, un'immagine di una telecamera di sicurezza in cui appare quest'uomo è stata pubblicata.[77] Più tardi quello stesso giorno lo Sceriffo della Contea di Pima Jason Ogan disse che quell'uomo era un tassista che aveva condotto lo sparatore fino al luogo della sparatoria. L'autista accompagnò Loughner al negozia per avere il cambio del denaro per pagare la corsa, e il dipartimento dello Sceriffo ha determinato che il tassista non era in nessun altro modo implicato nella sparatoria.[78]

Procedimenti Legali[modifica | modifica sorgente]

L'istituto penitenziario di Phoenix dove è stato incarcerato Loughner subito dopo la sparatoria

Loughner è stato immediatamente incarcerato presso l'isitituto penitenziario di Phoenix (Arizona) senza possibilità di cauzione.[79] È stato accusato presso una corte federale in primo grado di tentato omicidio di un membro del Congresso, in secondo grado di omicidio di un impiegato federale, e in secondo grado di tentato omicidio di impiegato federale.[80][81] Il 10 gennaio 2011 i giudici federali del distretto di Tucson rifiutarono di prendere la causa e l'intero corpo giudiziario dello Stato dell'Arizona sta considerando di rifiutare la causa perché una delle vittime era il loro collega John Roll.[82]

I pubblici ministeri che rappresentano lo Stato dell'Arizona hanno dichiarato che intendono inoltrare l'accusa di omicidio e di tentato omicidio a nome delle vittime che non erano impiegati federali. Lo Stato ha competenza per perseguire la sparatoria contro i cinque impiegati federali e dunque può legalmente perseguirla anche in nome delle vittime civili. I pubblici ministeri dell'Arizona normalmente hanno dieci giorni di tempo da quando un sospetto viene arrestato, per perseguirlo, ma il tempo in cui qualcuno viene arrestato dai federali non conta per questo limite.[83]

L'Avvocato della difesa Judy Clarke è stata incaricata di difendere Loughner davanti alla corte federale.[84][85][86] Non si sa ancora chi possa difendere Loughner in un processo di stato. Se condannato, sia nella corte federale che in quella di stato, Loughner potrebbe avere la pena di morte. La United States federal laws governing defendants with mental diseases or defects sono stati rivisti i risultati di un'azione commessa in stato di infermità mentale secondo la Insanity Defense Reform Act del 1984, dopo che John Hinckley, Jr. fu assolto da una corte in seguito al tentativo di assassinio di Ronald Reagan avvenuto nel marzo del 1981.[87] In contrasto, la legge dell'Arizona non permette un verdetto di non colpevolezza a causa di infermità mentale, ma permette un verdetto di colpevolezza con infermità mentale.[88]

Vittime[modifica | modifica sorgente]

Morti[modifica | modifica sorgente]

Sei persone sono state uccise nell'attacco.[89] Tutti eccetto Christina-Taylor Green sono morti nella scena della sparatoria.[90]

  • Christina-Taylor Green, 9 anni, di Tucson. Green era stata accompagnata al meeting da un vicino di casa.[91] è morta all'University Medical Center. Nata l'11 settembre 2001, era apparsa nel libro Facce della Speranza: Bambini Nati l'11 settembre (pagina 41).[92][93][94] Figlia di John Green, scout dei Los Angeles Dodgers e Roxanna Green, nipote dell'ex giocatore e manager della Major League Baseball Dallas Green[93][95] e seconda cugina dell'attrice Sophia Bush.[96] Frequentava la scuola elementare e recentemente era stata eletta rappresentante di consigli alla Mesa Verde Elementary School.[97][98][99]
  • Dorothy "Dot" Morris, 76 anni. Una segretaria in pensione di Oro Valley. Suo marito George è sopravvissuto a due colpi di pistola mentre cercava di proteggerla.[89][100]
  • John Roll, 63 anni. Roll era giudice capo presso la U.S. District Court for Arizona. Nativo della Pennsylvania si era laureato nel 1969 presso la University of Arizona. Ha cominciato la carriera legale nella Corte Suprema della Contea di Pima e nel 1980 è entrato ufficialmente nella U.S. Attorney. È stato inviato alla Corte d'Appello dell'Arizona Appeals nel 1987 fino a che fu nominato giudice federale dal presidente George H. W. Bush nel 1991. Ha svolto le mansioni di presiding judge dal 2006.[101]
  • Phyllis Schneck, 79 anni. Costruttore edile di Tucson.[89][102]
  • Dorwin Stoddard, 76 anni. Stoddard era un lavoratore edile in pensione.[103] È stato colpito alla testa mentre proteggeva sua moglie Mavy. Lei riuscì a parlargli per 10 minuti prima che morisse.[89]
  • Gabriel "Gabe" Zimmerman, 30 anni. Zimmerman faceva parte dello staff della Giffords e svolgeva le mansioni di community outreach director. Zimmerman aveva fatto parte di tale staff fin dal 2006. Era nato a Tucson e aveva completato un master per assistente sociale presso la Arizona State University[104] e una laurea in sociologia alla UC Santa Cruz.[105] Era fidanzato ed in procinto di sposarsi.

Feriti[modifica | modifica sorgente]

Quattordici persone furono ferite e sopravvissero all'attacco:[106]

  • Gabrielle Giffords, U.S. Representative per l'Arizona.[91]
  • Bill Badger, 74 anni. Un colonnello dell'esercito in pensione colpito alla testa da una pallottola, un attimo prima che l'attentatore fosse fermato.[107]
  • Ron Barber, direttore dello staff Giffords.[91]
  • Eric Fuller, 63 anni. Un veterano dell'esercito in pensione autista di limousine, colpito alla gamba e alla schiena da frammenti di proiettili.[108]
  • Susan Hileman, colpita alla gamba, all'addome e al torace, è la vicina di casa che aveva accompagnato al meeting Christina-Taylor Green.[109]
  • George Morris, un ex Marine pilota di aerei, sopravvissuto a due colpi di pistola mentre cercava di proteggere sua moglie Dorothy, morta nella sparatoria.[110]
  • Mary Reed, che era andata al meeting con la sua famiglia, è stata colpita anche lei mentre cercava di proteggere la figlia addossandosi ad un muro[111]
  • Pam Simon, dello staff Giffords.[91]
  • Mavy Stoddard, colpita alla gamba mentre era protetta dal marito Dorwin.[89] Lei e suo marito si erano conosciuti a scuola, si erano ritrovati dopo che i loro rispettivi coniugi erano morti e si erano sposati.[103]

Cerimonia commemorativa[modifica | modifica sorgente]

Daniel Hernandez, Barack e Michelle Obama, Mark E. Kelly, e Janet Napolitano alla cerimonia di commemorazione delle vittime.

Il Presidente Barack Obama si è recato a Tucson per presenziare ad una cerimonia commemorativa delle vittime della sparatoria.[112] Nella notte dell'11 gennaio 2011, la governatrice dell'Arizona Jan Brewer ha firmato una legge di emergenza che prevede che vi siano manifestazioni di protesta nell'arco di 300 m dal luogo in cui si svolge un funerale, in risposta all'annuncio della Westboro Baptist Church che aveva in programma un picchetto al funerale della vittima della sparatoria Christina Taylor Green.[113][114]

Prima che si tenesse la cerimonia di commemorazione il 12 gennaio, Obama si è incontrato con le famiglie delle vittime e ha visitato la Giffords in ospedale. Durante la serata dell'evento, intitolato "Ricresciamo insieme: Tucson e l'America", Obama disse che la Giffords si stava lentamente riprendendo, ha ricordato e pregato per le vittime dell'attacco, e ha sottolineato gli interessi sociali e politici di Christina Taylor Green citandola come esempio per come realmente dovrebbe funzionare la politica dell'America. "Voglio che noi viviamo così come lei si aspettava che vivessimo," ha dichiarato Obama. "Voglio che la nostra democrazia sia bella come lei si immaginava. Tutti noi, dovremmo fare tutto il possibile per assicurarci che questo paese viva secondo le aspettative dei nostri bambini."

Reazioni[modifica | modifica sorgente]

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama parla riguardo alla sparatoria.

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha dichiarato che l'attentato di Tucson è stata «un'indicibile tragedia che non può trovare posto in una libera società»[115], mentre il nuovo speaker della Camera John Boehner ha condannato l'attentato, affermando che «ogni attacco a un servitore dello Stato è un attacco a tutti i servitori dello Stato» e ordinando di porre a mezz'asta le bandiere del Campidoglio in segno di lutto[116].

John Boehner e membri della delegazione dell'Ohio osservano un minuto di silenzio per le vittime della sparatoria.

Conseguentemente alla strage, l'opinione pubblica ha mosso numerose critiche contro l'ex-governatrice repubblicana Sarah Palin, colpevole — secondo alcuni media — di aver alimentato il clima di tensione politica. La Palin infatti aveva stilato una "lista nera" di avversari politici da temere e nell'elenco era presente anche la Giffords; inoltre i simboli con cui venivano indicati i bersagli erano appunto dei mirini da caccia[117]. La Palin ha smentito le accuse attraverso una sua collaboratrice, dicendo che nelle sue azioni non c'era alcun intento di istigare alla violenza[118].

Tuttavia la stessa Palin attende solo il 12 gennaio 2011, tra l'altro in coincidenza con il discorso del Presidente all'Università di Tucson, per rilasciare un video sul proprio profilo su facebook in cui, evitando di giustificare la crudezza dei propri sistemi di comunicazione politica, si dissocia dalla violenza e si unisce al cordoglio per le vittime.[119] Dall'altra parte dello spettro politico, anche alcuni blog liberal sono stati accusati di aver incitato alla violenza, a causa di alcune posizioni della Giffords in dissonanza da quelle del Partito Democratico; è stato ad esempio scritto dal blog di sinistra Daily Kos che, a causa del mancato supporto verso Nancy Pelosi, "(la Giffords) è morta per noi"[120].

Nancy Pelosi, tuttavia, è stata la prima a correre al cappezzale della Giffords; assieme a Kirsten Gillibrand è stata testimone quando la stessa Giffords, in seguito alla visita del Presidente e della moglie, ha per un attimo aperto gli occhi. Tuttavia, la maggior parte dei commentatori americani (tra cui Los Angeles Times[121], Usa Today[122], The New York Times[123], Washington Post[124], Wall Street Journal[125] e Jon Stewart[126]) ritiene che sia azzardato individuare delle ragioni politiche dietro la mano del presunto assassino Jared Lee Loughner; secondo la totalità di questi opinionisti, parlare di una motivazione politica per questo gesto, o di una corresponsabilità di alcuni parti politiche, è immotivato e non ha alcun riscontro nella realtà dei fatti.

L'assassino viene infatti dipinto come un malato di mente, senza un'ideologia politica coerente; ad esempio di ciò viene citata la sua lista di libri preferiti, che include sia Il Manifesto del Partito Comunista che il Mein Kampf di Adolf Hitler[127]. Il 12 gennaio 2011, in occasione dell'evento in memoria delle vittime dell'attentato, tenutosi a Tucson presso la University of Arizona, il Presidente Barack Obama, rivolge un toccante discorso alla Nazione, nel quale chiede ufficialmente che si plachino gli animi nello scontro politico e si pensi semplicemente ad onorare la memoria delle vittime.[128]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Strage Arizona, "almeno 6 vittime" in TGcom, 09 gennaio 2011.
  2. ^ La bimba uccisa era nata l'11 settembre del 2001 in il Giornale, 10 gennaio 2011.
  3. ^ Lo sbaglio sulla morte di Gabrielle Giffords in Il Post, 09 gennaio 2011.
  4. ^ Usa, cauto ottimismo per Giffords in ANSA, 09 gennaio 2011.
  5. ^ Federal Charges in Giffords Shooting Cite Assassination Plan - NYTimes.com
  6. ^ Routine event turned deadly fast in Star Tribune (Minneapolis – Saint Paul, Minnesota), The New York Times, et al., 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
    «She and an aide parked an SUV in the lot of La Toscana Village, a mall about 8 miles north of downtown Tucson.».
  7. ^ Kevin Kiley, Arizona's concealed-weapon law takes effect in The Arizona Republic, 29 luglio 2010. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  8. ^ JoNel Aleccia, Giffords 'holding her own,' neurosurgeon says in msnbc.com, 10 gennaio 2011. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  9. ^ Ben Quinn, Paul Gallagher, US congresswoman Gabrielle Giffords shot as six die in Arizona massacre in The Guardian, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  10. ^ Allan Chernoff, McCarthy to call for ban on high-capacity ammo clips in CNN, 11 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  11. ^ How a 61-year-old woman stopped more killings in mall rampage in The Sydney Morning Herald, AFP, 10 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  12. ^ Renie Workman, Man who Tackled AZ Gunman has Schuylkill County Ties in WNEP-TV, 10 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  13. ^ Kevin Dolak e Justin Weaver, Woman Wrestled Fresh Ammo Clip From Tucson Shooter as He Tried to Reload in ABC News, 9 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  14. ^ a b 911 call: "I do believe Gabby Giffords was hit", Abc15.com, 9 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  15. ^ Alicia Chang, Congresswoman still in critical condition; 2 discharged from hospital after Arizona shooting in Milwaukee Journal Sentinel, 10 gennaio 2011.
  16. ^ Mary Elizabeth Williams, The Giffords shooting's gay, Hispanic hero in Salon, 10 gennaio 2011.
  17. ^ Patt Morrison, Two gay heroes thwart assassinations -- what a difference 35 years make in Los Angeles Times, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  18. ^ Elise Foley, Heroic Giffords Intern Could Be Asked For Papers Under Arizona Immigration Law in The Huffington Post, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  19. ^ Katie Couric, Strangers Linked by Tragedy in Tucson Rampage in CBS News, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  20. ^ Rep. Giffords shot, judge and 5 others killed at Tucson event in Arizona Daily Star, 8 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  21. ^ Daniel Gonzalez, Arizona Congresswoman Gabrielle Giffords: The victims in The Arizona Republic, 8 gennaio 2011. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  22. ^ Genevieve Long Belmaker, Belmaker, Gidon, Gabrielle Giffords Survives Surgery, Doctors 'Optimistic' in The Epoch Times, 8 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  23. ^ Julie Moos, After conflicting reports in Arizona shooting, Sklar, Silverman track media mistakes while NPR explains in Poynter Institute, 8 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  24. ^ Keach Hagey, NPR: 'We regret the erroneous news' in Politico, 8 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  25. ^ Mark Memmott, Rep. Gabrielle Giffords, D-Ariz., Many Others, Shot; At Least Six Dead in National Public Radio, 8 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  26. ^ Shailagh Murray, Horwitz, Sari, Hospital: Rep. Gabrielle Giffords shot in Tucson rampage; federal judge killed in The Washington Post, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  27. ^ a b c Sanjay Gupta, Gupta: What helped Giffords survive brain shot in CNN, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  28. ^ Rob Stein, Vedantam, Shankar, Doctors see signs of hope for Giffords's recovery in The Washington Post, 9 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  29. ^ "Rep. Gabrielle Giffords shooting sparks national debate", Politico. January 8, 2011.
  30. ^ Dylan Smith, Giffords shot in head; federal judge, nine-year-old, 4 others killed in Tucson Sentinel, 8 gennaio 2011.
  31. ^ JoNel Aleccia, Giffords 'holding her own,' neurosurgeon says in msnbc.com, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  32. ^ a b William Branigin, Doctors: Gabrielle Giffords able to breathe on her own in The Washington Post, 11 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  33. ^ Kim Carollo, Gabrielle Giffords in Medically Induced Coma to Help Brain Rest in ABC News, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  34. ^ Jonathan Allen, Aide: Gabrielle Giffords is 'sort of alert' in Politico, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  35. ^ David Brown, Bullet path may decide Giffords's fate in The Washington Post, 11 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  36. ^ Safeway Inc. (January 2011). "Safeway Statement Regarding Tucson Shooting". Press release. Retrieved January 10, 2011.
  37. ^ a b c (EN) Marc Lacey e David M. Herszenhorn, In Attack's Wake, Political Repercussions in New York Times, 9 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  38. ^ Justin Pritchard, Shooting suspect's nihilism rose with isolation in The Boston Globe, Associated Press, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  39. ^ a b c Profile of Jared Loughner: 'I can't trust the current government' in msnbc.com, 8 gennaio 2011. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  40. ^ a b CNN Wire Staff, Police 'actively pursuing' second person in Tucson shooting in CNN, 8 gennaio 2011. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  41. ^ location:New Zealand, Loughner Invoking Fifth Amendment After Arizona Slaughter in NewsTime, South African Press Association, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  42. ^ APNewsBreak: More Warning Signs On Day Of Shooting, The Associated Press, 12 gennaio 2011. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  43. ^ CNN live broadcast
  44. ^ Pete Spotts, Arizona shooting: Rep. Gabrielle Giffords hit at meeting with constituents in The Christian Science Monitor. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  45. ^ Shooting Suspect's Nihilism Rose With Isolation in NPR, Associated Press, 10 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  46. ^ EPA/Gary M. Williams, Gunman in shooting of Ariz. congresswoman identified as Jared Lee Loughner, 22, NJ.com. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  47. ^ Chloe Albanesius, MySpace Removes Profile of Alleged Arizona Shooter in PC Magazine, 8 gennaio 2011. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  48. ^ Jack Shafer, Jake Tapper, Radley Balko, Josh Marshall, Ben Smith, Walter Kirn, Dahlia Lithwick, Rachel Maddow e Susan Davis, The Giffords Shooting in Slate, 8 gennaio 2011. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  49. ^ Joe Weisenthal, Gunman Identified As Jared Lee Loughner in Business Insider, 8 gennaio 2011. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  50. ^ Matt Rosoff, MySpace Gave A Bogus Reason For Taking Down Gunman's Page in SFGate, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  51. ^ Shooting suspect posted angry online comments in The Times of India, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  52. ^ Arizona Suspect’s Recent Acts Offer Hints of Alienation - NYTimes.com
  53. ^ Jared Lee Loughner, Classitup10's Channel, YouTube, 15 dicembre 2010. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  54. ^ Arizona massacre suspect: 'Kind of a troubled past' in CNN, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  55. ^ a b Emanuella Grinberg, Witness: Arizona gunman 'was ready for war' in CNN, 8 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  56. ^ a b c d Eric Lipton, Charlie Savage e Shane Shane, Arizona Suspect's Recent Acts Offer Hints of Alienation in New York Times, 8 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  57. ^ a b Jon Swaine, Gabrielle Giffords shooting: strange internet trail of 'loner' Jared Lee Loughner, the alleged Tucson gunman in The Daily Telegraph (London, UK), 8 gennaio 2011. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  58. ^ United Press International Loughner mused if he was a terrorist. Retrieved 2011-01-09.
  59. ^ Gunman Identified As Jared Lee Loughner, Business Insider, 8 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  60. ^ Starhitshnaz - YouTube
  61. ^ http://www.drowningpool.com/index.cfm/pk/view/cd/NAA/cdid/413027/pid/400028
  62. ^ http://www.drowningpool.com/index.cfm/pk/view/cd/NAA/cdid/413088/pid/400028
  63. ^ a b c Kirk Johnson, Serge F. Kovaleski, Dan Frosch e Eric Lipton, Suspect's Odd Behavior Caused Growing Alarm in The New York Times, 9 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  64. ^ U.S. Army Statement on status of suspect, U.S. Army Information Service, January 8, 2011
  65. ^ Tim Steller, Man linked to Giffords shooting called 'very disturbed' in Arizona Daily Star, 8 gennaio 2011. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  66. ^ Drew Griffin, Jessica Yellin, Susan Candiotti, Dana Bash, Ted Rowlands, Jeanne Meserve, Alan Silverleib, Casey Wian e Kevin Bohn, Giffords stabilizes as suspect heads to court in CNN, 11 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  67. ^ Nick Baumann, Exclusive: Loughner Friend Explains Alleged Gunman's Grudge Against Giffords in Mother Jones, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  68. ^ John R. Emshwiller, Devlin Barrett e Charles Forrelle, Suspect Fixated on Giffords in The Wall Street Journal, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  69. ^ Patrik Jonsson e Richard B. Levine, American Renaissance: Was Jared Lee Loughner tied to anti-immigrant group? in The Christian Science Monitor, 9 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  70. ^ Elise Foley, Jared Loughner YouTube Videos, MySpace Suggest Alleged Shooter May Have Ties To Hate Group in The Huffington Post, 9 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  71. ^ Jared Taylor, American Renaissance and Jared Loughner, New Century Foundation. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  72. ^ Jared Loughner’s supremacists tie debunked - Kenneth P. Vogel - POLITICO.com
  73. ^ Chris Cillizza, Jared Lee Loughner was a registered independent, didn't vote in 2010 election in The Washington Post. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  74. ^ CNN Political Unit, Accused gunman had no party affiliation in CNN. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  75. ^ Suspect Jared Loughner's parents 'devastated' by Tucson shootings in USA Today. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  76. ^ Family of Arizona Shooting Rampage Breaks Silence, Expresses Remorse for Victims, Foxnews.com, 7 aprile 2010. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  77. ^ AZ shooting targets US congresswoman, kills 6 in Associated Press, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  78. ^ Authorities clear man called 'person of interest'in Giffords shooting case in Arizona Daily Star, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  79. ^ Jared Lee Loughner in Inmate Locator, Federal Bureau of Prisons, 2011. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  80. ^ Criminal Complaint Against Jared Lee Loughner in The New York Times.
  81. ^ Suspect charged in congresswoman's attack in msnbc.com. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  82. ^ Kevin Johnson, In Loughner case, Ariz. federal judiciary considers recusal in USA Today, 11 gennaio 2011. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  83. ^ Kim Smith, LaWall considers state charges in Tucson shooting spree case in Arizona Daily Star, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  84. ^ Steven Hoffer, Judy Clarke, Who Defended the 'Unabomber,' Will Represent Jared Lee Loughner in AOL News, AOL, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  85. ^ William Glaberson, Loughner's Lawyer Is Called a Master Strategist in The New York Times, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  86. ^ Benjamin Weiser, Legal Strategy Could Hinge on Mental Assessment in The New York Times, 11 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  87. ^ The John Hinckley Trial & Its Effect On The Insanity Defense. Retrieved 2011-01-11.
  88. ^ Mark Sherman, Insanity Defense Could Be Difficult for Ariz. Shooting Suspect in Law.com, Associated Press, 11 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  89. ^ a b c d e Thumbnail sketches of victims in Tucson shooting in msnbc.com, Associated Press, 9 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  90. ^ The Arizona Republic, Gabrielle Giffords shooting: As it unfolded, Azcentral.com, 8 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  91. ^ a b c d Arizona Congresswoman Gabrielle Giffords: The victims
  92. ^ 'Baby of hope' shot dead by gunman in The Sydney Morning Herald, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  93. ^ a b Joseph Berger, Born on Sept. 11, Claimed by a New Horror in The New York Times, 9 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  94. ^ Christine Pisera Naman, Faces of Hope: Babies Born on 9/11, Deerfield Beach, Health Communications, Inc, 2002, p. 41. ISBN 0-7573-0097-9. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  95. ^ Brown, David, Dallas Green's granddaughter dies in Arizona shooting in Big League Stew, Yahoo! Sports. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  96. ^ 9-Year-Old Girl Killed In Arizona Shooting Cousin Of Actress Sophia Bush in Access Hollywood, 9 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  97. ^ Born, died between 2 tragedies
  98. ^ Arizona Shooting
  99. ^ Christina Green, 9, Tucson Shooting Victim, Was a 9/11 Baby - NYTimes.com
  100. ^ Rhonda Bodfield, Morrises, shot at shopping center gathering, 'were totally in love' in Arizona Daily Star, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  101. ^ John Schwartz, Amid Shock, Recalling Judge's Life of Service in The New York Times, 8 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  102. ^ Rhonda Bodfield, Shooting victim made quilts, volunteered in Arizona Daily Star, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  103. ^ a b Brad Poole, Tucson shooting victim shielded wife from hail of bullets in Reuters.com, 11 gennaio 2011. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  104. ^ Tony Davis, Aide had gift for working with people in Arizona Daily Star, 9 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  105. ^ Cathy Kelly, Tucson shooting victim Gabe Zimmerman, a Giffords staffer, earned sociology degree at UCSC in Santa Cruz Sentinel, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  106. ^ Congresswoman's responses after Arizona shooting called encouraging - CNN.com
  107. ^ Tucson Shooting: Patricia Maisch Describes Stopping Gunman Jared Loughner From Reloading - ABC News
  108. ^ Tucson Victim "Outraged" Giffords Was Shot in CBS News, 11 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  109. ^ Dad of Tucson Victim, 9: Execute Gunman in CBS News, 10 gennaio 2011. URL consultato l'11 gennaio 2011.
  110. ^ Richard Ruelas, Woman killed in Arizona shooting had strong marriage after 50 years in The Arizona Republic, 9 gennaio 2011. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  111. ^ Laura Faherty e Trujillo, Arizona shooting: Mother shielded daughter from shots in The Arizona Republic, 11 gennaio 2011. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  112. ^ President to visit Tucson; Giffords remains in critical condition in Sierra Vista Herald, 10 gennaio 2011. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  113. ^ Seema Mehta, Tucson rallies to protect girl's family from protesters in Los Angeles Times, 11 gennaio 2011.
  114. ^ Bill Would Ban Westboro Picketers at Christina Green's Tucson Funeral in Politics Daily, 11 gennaio 2011.
  115. ^ Usa: Obama su attacco a Giffords, atto insensato e terribile in Adnkronos, 08 gennaio 2011.
  116. ^ Lo speaker repubblicano: è un lutto per tutti noi in il Giornale, 10 gennaio 2011.
  117. ^ Palin da "cecchino" a nuovo bersaglio in Il Tempo, 10 gennaio 2011.
  118. ^ Usa: collaboratrice Palin, mai inteso incitare a violenza contro Giffords in Il Secolo XIX, 09 gennaio 2011.
  119. ^ Sarah Palin posts Arizona shooting video as Obama visits - Channel 4 News
  120. ^ A Turning Point in the Discourse, but in Which Direction? in The New York Times, 08 gennaio 2011.
  121. ^ Shooting from the lip in reaction to Gabrielle Giffords tragedy
  122. ^ Our view: After Ariz. shooting, time to tone down vitriol
  123. ^ Bloodshed and Invective in Arizona
  124. ^ Questions about mental illness, access to guns follow Arizona shooting
  125. ^ Murder in Tucson
  126. ^ Il monologo di Jon Stewart su Tucson
  127. ^ profilo di Jared Lee Loughner indicato dai media come autentico
  128. ^ Video Library Home Page - The New York Times

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America